Passa ai contenuti principali

Opera Formazione e Sicurezza presenta "La Mia Terra"



Opera Formazione e Sicurezza
presenta

La Mia Terra
Di Antonio Bruno
Regia Pablo Màximo Taddei
Con Flavio De Paola

TEATRO DEGLI AUDACI
dal 1 all’11 Novembre 2018

“E' successo anche a me, come ad altri milioni di giovani.
Pensate sia possibile che il profumo di una terra ci possa accompagnare per tutta la vita, sempre vicino a noi, per non lasciarci mai? A me è successo.
E’ vero tutto quello che racconterò. Il Signore mi è testimone.


Dal 1 all’11 novembre il palcoscenico del Teatro degli Audaci accoglie “ La Mia Terra”, spettacolo interpretato da Flavio De Paola e diretto da Pablo Màximo Taddei, il quale traspone in scena il toccante testo di Antonio Bruno, fondendo il linguaggio teatrale e cinematografico.

Un monologo in cui è protagonista Rosario Blanco, l’elemento di congiunzione fra i dolori, le paure, gli orrori della guerra e il profumo, il sole, la gente della sua terra: la Sicilia.
 Nel suo racconto si ritrova, infatti, ciò che ha caratterizzato la guerra e il suo territorio: la vita in trincea, la morte, il dolore, il sole, il fico d’india, il mare, i personaggi e il cuore della sua gente. Luoghi comuni che diventano parte integrante di una condizione drammatica ,come un conflitto, e di una terra aspra e forte come la Sicilia.

Sebbene la lettura di un racconto regali sempre momenti di meditazione, il monologo “La Mia Terra,” è stato pensato come rappresentazione teatrale, dove il calore del palco restituisce al meglio la vita di Rosario Blanco e appunto la sua “terra”.

Per la prima volta in questo spettacolo viene sperimentato l’incontro e la fusione del linguaggio cinematografico con quello teatrale, facendo in modo che personaggi del passato si materializzino sulla scena come se fossero fantasmi, rappresentati in video da Gianluca Delle Fontane - Antonio Coppola Silvia Coghe - Michele Schena Antonella Rebecchi - Matteo De Paola Alessia Calascibetta - Tiziana Garofano Francesco Sirabella - Emanuela Fineschi.

Teatro e cinema si fondono in scena per narrare una storia di “radici”, paesaggi e stati d’animo.


Note di regia

Il testo di Antonio Bruno ci accompagna nei meandri dei ricordi e ci fa conoscere volti e personaggi di una Sicilia arcaica, dove il sole ed il tempo si nutrono di faticose e placide ripetizioni e dove la povertà è piena di ricchezze ... Irrompe la prima guerra mondiale e la morte rompe i cristalli di molte speranze. Vanno in frantumi numerose esistenze e la follia e la morte siedono sul trono della vita. Nel testo di Antonio Bruno, così come nello spettacolo.

I ricordi verranno evocati da un narratore (Flavio De Paola) che, con una sorta di ritualità, “trascinerà” lo spettatore in un non luogo, mentre le apparizioni fugaci delle reminiscenze circonderanno lo spazio (nuove tecnologie per la prima volta sulle scene teatrali : filmati simili ad “ologrammi”) e, come si sa, i ricordi, col passare degli anni, assumono le stesse sembianze dei sogni.

La scena teatrale sarà “inghiottita” dalla scatola nera del palcoscenico dove non si può fare teatro solo con il teatro dove non si può fare cinema solo con il cinema ... dove non si può vivere solo con la vita ... Serve sempre qualcos'altro per completarsi. Così, in un altrove luogo, i personaggi saranno raccontati dal racconto di un narratore che, a sua volta, verrà narrato.
Il protagonista sarà lo “psicopompo” di un viaggio mnemonico tra le apparizioni sonore e visive.

L’attore userà la tecnica ... degli “psicosuoni” .

LA MIA TERRA
Di Antonio Bruno
Regia Pablo Màximo Taddei
Con Flavio De Paola
Adattamento Regia Pablo Màximo Taddei
Testo Antonio Bruno
Riprese audio e video Pixel srls
Montaggio video Francesca Conforti

TEATRO DEGLI AUDACI
Via Giuseppe De Santis, 29 (zona Porta di Roma)
Dal 01 all’ 11 Novembre 2018
info e prenotazioni 06 94 37 60 57
Biglietti Intero 18€ - Ridotto 15€
Parcheggio gratuito


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol