Passa ai contenuti principali

Il tè delle tre - Visto da vicino, nessuno può dirsi davvero ‘normale’

Il Teatro Kopó presenta Il tè delle tre, in scena dal 5 al 7 ottobre, venerdì e sabato alle 21, domenica alle ore 18, con Rosella De Martino, Annalaura Mauriello, Michela Ventre, Mario de Caro, per la regia di Alessandro Tedesco, Compagnia Live – Salerno. Lo spettacolo è stato pluripremiato nella Sezione Giovani della X Edizione del Festival Nazionale di Teatro XS Città di Salerno – 2018, ottenendo il massimo riconoscimento come Migliore Spettacolo, Migliore Interprete assegnato a Rossella De Martino, Migliore Regia per Alessandro Tedesco. Il tè delle tre è liberamente ispirato a ‘Psycho Ladies’ di Anna Beltrame.

Linda, Ursula, Sofia, si chiamano così le tre protagoniste di questa pièce strepitosa che arriva in prima assoluta a Roma, sul palco del Teatro Kopó. Nei nomi c’è scritto il destino di ciascuna di loro: Linda è una maniaca dell’ordine, dell’igiene e del pulito; Ursula è una ninfomane ma anche un’eterna bambina; Sofia, infine, soffre di narcolessia e crede nelle vite precedenti, ed in particolare pensa di essere già vissuta nella Cina del III secolo. Gli spettatori dovranno scoprire perché queste donne, in apparenza così diverse, si incontrano per dar luogo all’antico rito del tè, diffusissimo in Estremo Oriente. 

C’è un giallo, un mistero irrisolto, sotto le scene strampalate delle protagoniste. In fondo, rappresentano tipi di donne molto riconoscibili, eppure grazie al tè delle tre, possiamo conoscere più da vicino la loro follia. Si potrebbe dire – parafrasando un noto aforisma – che, vista da vicino, nessuna di loro è ‘normale’. Ciascuna vive il proprio baratro nel quale ognuno di noi può facilmente riconoscersi. 

La potenza attoriale di queste (anti-) eroine del nostro tempo ci trascina all’interno di un giallo irrisolto, facendoci dimenticare tuttavia il punto di partenza. La scenografia, altrettanto potente nella sua essenzialità, decentra l’attenzione regalando momenti di pura allegria e di divertimento. Finanche i ruoli, di solito ben definiti di vittima e di carnefice, sono abilmente sfumati dal ritmo incalzante e vorticoso delle loro esistenze surreali. Il successo di questa pièce, nata dal lavoro di una compagnia composta da giovani artisti, non deluderà le attese del pubblico.
----------------------------------------------------------------

Teatro Kopó

Via Vestricio Spurinna, 47/49

00175 Roma

Metro A Numidio Quadrato

Tel.: (06) 45650052

Website: www.teatrokopo.it




Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol