Passa ai contenuti principali

EMOZIONI E APPLAUSI PER GLI ANIMALI, PROTAGONISTI ASSOLUTI DEL ROMA PET CARPET FILM FESTIVAL


Un pieno d’amore e di tenerezza alla prima edizione del Roma Pet Carpet Film Festival, la prima rassegna di cortometraggi dedicata esclusivamente agli animali, ideata dalla giornalista Federica Rinaudo. Platea gremita al Teatro delle Muse, in via Forlì, dove per l’occasione si sono dati appuntamento tanti appassionati e volontari di varie realtà impegnate nella difesa e nella tutela degli amici a quattrozampe e non solo. 

Trionfo di applausi e di emozioni per le storie raccontate sullo schermo, momenti di vita quotidiana: dai profondi legami di amicizia, al triste fenomeno dell’abbandono, fino al vuoto incolmabile lasciato dagli animali volati sul ponte dell’arcobaleno. Ad aprire la serata il conduttore Gigi Miseferi che, insieme all’ideatrice della kermesse, ha sottolineato le motivazioni del festival per poi lasciare spazio ad una dedica speciale nei confronti di due dolcissimi gatti, Angelino della stessa Rinaudo, Pellicola di Elisabetta Pellini e Victor di Enzo Salvi, purtroppo scomparsi. Un festival a colpi di coda all’insegna della solidarietà. Nessun biglietto di ingresso previsto al botteghino a condizione di presentarsi a teatro con una scorta di alimenti o medicinali da destinare ai cuccioli meno fortunati e in cerca di famiglia, che sono stati consegnati al termine della serata all’associazione Rifugio San Francesco di Acilia. Sei in corti in finale, divisi in due sezioni, votati all’unanimità dalla giuria di esperti, composta dal giornalista Stefano Secondino, responsabile ambiente Ansa, Mary Ferrara, caporedattore Teatro.it, Francesca Bellucci, regista, Luciana Frazzetto, attrice, Simone Ripa, coreografo e ballerino, che ha deciso di assegnare la palma della vittoria come miglior corto a: “Pet + Human = Life” di Kemal Comert, premiato dall’attrice Nadia Rinaldi, Miglior testimonianza a “Me e Aron” di e con Claudio Valentini, premiato dall’attrice Daniela Poggi. Tra i riconoscimenti anche un premio alla carriera per “Una mano nella zampa” assegnato all’attore Enzo Salvi, grande promotore di iniziative dedicate agli animali, consegnato dagli attori Milena Miconi, Andrea Dianetti, Gabriele Carbotti, Fabrizio D’Alessio. Tra i numerosi invitati tanti personaggi dello spettacolo tra i quali: i comici Magico Alivernini, Marco Capretti e Christian Generosi, protagonisti di alcuni interventi a tema sul palco, il maestro Michele Ferrazzano e Geppi Di Stasio sul palco per alcuni momenti musicali e poetici, Franco Silvi, Massimo Marino, Giò di Sarno, Sandro Scapicchio, Sabrina Crocco, Tony Paganelli, Silvia Notari, Renato Lenzi, Francesco Salcito, Conni Caracciolo, Jolanda Gurreri, Nadia Bengala con Alessandro Stocchi, Antonello de Pierro, Roselyne Mirialachi, Luca Sevardi, Emanuele Antonaci, Jupiter, Massimo Milazzo, Alessio Masci, Antonio Jorio, Mara Keplero , Paola Aspri, Giancarlo Leone, Leonardo Madier, Giò di Giorgio e Naira, Francesco Spena, Paolo Dragonetti, Bianca Sezzatini, che a notte fonda si sono riuniti attorno alla maxi torta decorata con immancabili zampette.


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol