Passa ai contenuti principali

AL TEATRO DI DOCUMENTI DEBUTTA “PER GIULIA”



AL TEATRO DI DOCUMENTI DALL’11 AL 14 OTTOBRE 2018 IL DEBUTTO NAZIONALE DI “PER GIULIA” DI DACIA MARAINI, CON SARA PALLINI, REGIA DI IOLANDA SALVATO, MUSICHE ORIGINALI DI FEDERICA CLEMENTI
A QUASI DIECI ANNI DAL TERREMOTO DELL’AQUILA SARA PALLINI RACCONTA LA STORIA DI GIULIA CARNEVALE, GIOVANE STUDENTESSA DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA
CADUTA FRA LE MACERIE DEL SISMA

Debutta al Teatro di Documenti di Roma l’11 ottobre, e sarà in scena fino a domenica 14, il testo di Dacia Maraini “PER GIULIA”, interpretato da Sara Pallini, per la regia di Iolanda Salvato, musiche originali di Federica Clementi. 

A quasi dieci anni dal terremoto dell’Aquila, “PER GIULIA”, un testo forte, di grande impatto emotivo, racconta la storia della ventiquattrenne Giulia Carnevale, brillante studentessa di Ingegneria Edile Architettura, originaria di Arpino, caduta fra le macerie del sisma, che incarna il mondo di tutti gli studenti e delle loro famiglie a cui è stato negato un futuro.

Scritto da Dacia Maraini per volontà dei genitori della ragazza cui è stato intitolato, tenendo presente sia i dettagli più storico-civili della tragedia, sia gli aspetti più intimi della persona di Giulia, il testo rimane un inno alla vita e alle possibilità infinite che questa ci riserva. Per un puro caso del destino infatti, il computer di Giulia, con all'interno i suoi bozzetti per la progettazione di una scuola materna a forma di libro, fu ritrovato, e successivamente è stata realizzata una originale struttura per ospitare i bambini dell'asilo di Onna, proprio come ideato da Giulia, un fatto eccezionale che incarna un messaggio di speranza e di continuità oltre la vita terrena.

“Una giovane studentessa di Ingegneria Edile Architettura all'università dell’Aquila, - afferma Sara Pallini che interpreta il ruolo di Giulia e di tutti gli altri personaggi in scena - con i suoi sogni, i suoi credo, la convinzione che la conoscenza, la curiosità della ricerca ed il coraggio diano la possibilità di cambiare le cose. Diversi personaggi nel testo raccontano Giulia, in una alternanza continua fra discorso diretto e discorso indiretto tra la madre, le amiche, i professori e Giulia stessa. 


Questo testo racconta la tragica vicenda del terremoto dell'Aquila e denuncia la negligenza delle Autorità deputate, la superficialità con cui non è stato considerato un possibile piano di evacuazione, facendoci spettatori di una drammatica realtà: l’impotenza dell’uomo verso forze superiori. Tuttavia, in questo dialogo fra vivi e morti, non prevalgono mai i toni mesti, cupi, al contrario affiorano a sprazzi dalle macerie la vitalità e la sublimazione di chi cerca un contatto al di là dei corpi, un dialogo oltre il concreto tangibile pertinente all’umano, ruolo peraltro primario del teatro fin dalle sue origini, quando la tragedia greca fungeva da catarsi per il pubblico. La notte del 6 Aprile del 2009, per un puro caso del destino, Giulia scelse di lasciare in macchina il computer, con all'interno i suoi bozzetti per la progettazione di una scuola materna a forma di libro. Il computer, salvatosi dal crollo degli edifici, fu ritrovato e successivamente è stata realizzata questa originale struttura per ospitare i bambini dell'asilo di Onna, proprio come ideato da Giulia: un fatto eccezionale, che incarna la speranza di una continuità oltre la vita terrena. Sebbene non si possa combattere la morte, la si può vincere… come un seme di piume leggere”.

“Da sempre l’arte cerca di avere un ruolo anche sociale – sostiene la regista Iolanda Salvato - ci sono esigenze e contingenze dalle quali un artista non riesce a prescindere, come se la sua fosse una sorta di missione, un’agenda per tenere attivo il ricordo di quello che è successo ed il perché è successo, come viatico per i posteri, affinché le cose evitabili non accadano più. Quando Sara Pallini mi ha proposto di fare questo testo mi sono chiesta, come faccio sempre, perché? A chi potrebbe interessare? Poi le risposte son venute da sé e saranno quelle che metteremo in scena. Una scena fatta di corpo e segni, un lavoro che partirà dalla terra fino alle nuvole, così come il Teatro Nō giapponese al quale ci ispiriamo, in cui lo spazio scenico viene considerato un luogo-non luogo intermedio, dove si incontrano il mondo divino e quello umano, dove gli spiriti comunicano con i vivi con molta confidenza e naturalezza e dove gli attori recitano col corpo e la voce in movimenti stilizzati, essenziali, guidati dalla musica. Fondamentale in questa messa in scena l'unicum che si viene a creare fra la recitazione e la musica, che non accompagna ma segue, insegue e dà corpo nuovo al testo, parola dopo parola”.
-------------------------------

TEATRO DI DOCUMENTI

11-21 OTTOBRE 2018

via Nicola Zabaglia, 42 – Roma

tel. 06.5744034 - 328.8475891

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol