Passa ai contenuti principali

E poi dicono che sono pazzo - Quando la verità è troppo scomoda, viene definita follia



E poi dicono che sono pazzo
Quando la verità è troppo scomoda, viene definita follia


Il mio crimine è stato quello di essere nato e cresciuto
in una famiglia di tradizioni mafiose,
e di aver vissuto in una società dove tutti sono mafiosi
e per questo rispettati,
mentre quelli che non lo sono vengono disprezzati.
(Leonardo Vitale)



Il Teatro Kopó presenta "E poi dicono che sono pazzo", in scena dal 28 al 30 settembre, venerdì e sabato alle 21, domenica alle ore18, di e con Giuseppe Arnone per la regia di Giovanni Marchione, Produzione Maschere Nude (Agrigento).


Giuseppe Arnone torna al Teatro Kopó, inaugurandone la nuova Stagione, con uno spettacolo destinato a far parlare di sé. Come fece parlare di sé il protagonista, Leonardo Vitale, il primo pentito di mafia della nostra Storia. Qualche anno dopo la sua morte, avvenuta per mano di Cosa nostra, il magistrato simbolo della lotta alla magia Giovanni Falcone, assassinato a sua volta dalla stessa violenza mafiosa, ebbe a dire di lui: “Scarcerato nel giugno 1984, fu ucciso dopo pochi mesi, il 2 dicembre, mentre tornava dalla Messa domenicale. A differenza della Giustizia dello Stato, la mafia percepì l'importanza delle sue rivelazioni e lo punì inesorabilmente per aver violato la legge dell'omertà. È augurabile che, almeno dopo morto, Vitale trovi il credito che meritava e che merita.” 

Il lavoro di Arnone, che si colloca nel suo consolidato impegno nell’ambito del teatro civile, rende omaggio alla verità inascoltata del primo collaboratore di Giustizia. Si parte dalla sua infanzia, da quel milieu familiare e sociale nel quale la mafia rappresenta la regola e non l’eccezione, per dipanare ricordi di una terra straordinaria e martoriata quale è la Sicilia, vista dalla tenerezza degli occhi del bambino: il sapore della prima arancina, il gioco del pallone, la scoperta della sessualità, i colori delle strade di Palermo. 

Saranno proprio quei colori a cambiare quando l’amato zio Titta inizierà Leonardo alla vita da mafioso, con il rito della puntura di spina a sigillare il patto di sangue con una Palermo diventata la Signora nera, la città delle tenebre. Dopo essersi macchiato di crimini orrendi e aver attraversato depressione, crisi mistica e follia dietro le sbarre del carcere, Leonardo Vitale sceglie di parlare, di raccontare tutto, di fare i nomi e i cognomi, di circostanziare l’orrore di cui egli stesso si è reso protagonista. Tuttavia, non può essere creduto e ritenuto attendibile fino in fondo, poiché chi ascolta e giudica è abbagliato dal pregiudizio.
-----------------------------------


Teatro Kopó

Via Vestricio Spurinna, 47/49

00175 Roma

Metro A Numidio Quadrato

Tel.: (06) 45650052

Website: www.teatrokopo.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol