Passa ai contenuti principali

INTERVISTA A GABRIO GENTILINI - DEBUTTO NELLA PROSA CON SHAKESPEARE

Foto di Giacomo Ligi

Fra pochi giorni, esattamente il 31 agosto, Gabrio Gentilini, attore e performer di Forlì, farà il suo debutto nella prosa con "La Bisbetica domata" di Shakespeare, diretto da Loredana Scaramella.
Dopo un periodo di assenza dai palcoscenici italiani, Gabrio racconta lui stesso la sua crescita professionale e personale.
Buona lettura!


Ciao Gabrio! E' passato molto tempo dalla nostra ultima intervista. La tua carriera artistica si è evoluta in questo periodo. Raccontaci.

Ormai erano quasi tre anni che non calcavo il palco di un teatro. In questo periodo ho deciso di concentrarmi più sul versante puramente attoriale piuttosto che performativo: ho studiato recitazione a New York, al The Acting Studio, con il suo fondatore James Price. Ho poi approcciato la fiction televisiva e anche esperienze di doppiaggio. Ora sono molto grato di potere debuttare nella prosa teatrale, un traguardo a cui miravo da tempo. Poterlo fare in un contesto prestigioso come il Globe Theatre mi rende estremamente grato e felice.


Il 31 agosto debutterai nella prosa al Globe Theatre di Roma con “La bisbetica domata”, regia, traduzione e adattamento di Loredana Scaramella, dove avrai il duplice ruolo del servitore Curzio e del mercante Vincenzo. Parlaci di questi personaggi.

Curzio è il maggiordomo del protagonista Petruccio. Rappresenta l’animo della casa dove la Bisbetica Caterina sarà sottoposta a varie prove per venire infine “addomesticata”. Questo personaggio evoca molto le atmosfere noir e grottesche di Frankenstein Junior e l’ambiguità e la spregiudicatezza di Rocky Horror Picture Show.

Vincenzo è un ricco anziano di Pisa; entra in scena e sconvolge tutti gli intrighi che ruotano attorno all’amore di suo figlio Lucenzio per Bianca, sorella di Caterina.

Sono insomma due stili e caratteri molto differenti: da una parte una sessualità indefinita unita ad esoterismo e mistero e dall’altra un anziano ricco signore in cerca del proprio amato figlio, ben lontano dai miei 29 anni. Sarà interessante vedere come il pubblico reagirà a questi due personaggi molto diversi da quelli che ho interpretato in passato nel teatro musicale, come Johnny Castle e Tony Manero.

Foto di Manuel Scrima

Grande successo come protagonista nel teatro musicale italiano, il debutto nella fiction “L'Ispettore Coliandro 6”, e ora nuova esperienza con la prosa, come è cambiata la tua crescita professionale e umana?

Sono stati anni molto entusiasmanti e molto impegnativi: mi sono messo molto in discussione rispetto agli obiettivi che volevo raggiungere e ho fatto scelte professionali anche drastiche, allontanandomi da un mondo che già conoscevo, quello del musical, e cercando di avvicinarmi a qualcosa che devo ancora ulteriormente esplorare e che penso possa farmi crescere ancora di più, come artista ed essere umano.


Ritornerai a lavorare nel musical?
Come ho appena detto ho fatto scelte drastiche, anche rinunciando alla possibilità di affrontare ruoli nel musical che un tempo sognavo fortemente. Non escludo un ritorno perché amo moltissimo raccontare storie cantando e ballando. Ma per ora preferisco concentrare le mie energie su altro.


Il sogno nel cassetto di Gabrio è...

Essere un uomo che lotta per proteggere e coltivare la propria felicità. E potere un giorno guardarmi indietro e dire di avere contribuito a rendere il mondo un posto migliore.


Per gli amici romani, Gabrio vi aspetta dal 31 agosto al 16 settembre al Globe Theatre di Roma con “La bisbetica domata”. Invita i lettori a venire a vedere lo spettacolo.

Non perdete l’occasione di assaporare in un contesto suggestivo e unico come quello del Globe Theatre una delle commedie più emblematiche del re del teatro William Shakespeare. Rimarrete piacevolmente sorpresi da questo nuovo allestimento, riambientato alla fine degli anni ’30 del ‘900 in un clima da avanspettacolo e con tematiche, come quella della guerra fra i sessi, ancora del tutto attuali.

Foto Giacomo Ligi

Commenti

Post popolari in questo blog

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

BROADWAY CELEBRATION - I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO

                                                                  Tour 2021/22 BROADWAY CELEBRATION I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO Rocky Horror Show, Jesus Christ Superstar, Rent, Mamma Mia! Sister Act, Les Misérables, Cats, Hairspray, Hair, Grease, Evita, The Phantom of the Opera… PRESENTA UMBERTO SCIDA Una produzione Marco Caselle, Alex Negro per Palco5. I due fondatori uniscono la loro ventennale esperienza nel settore del Musical il primo, e nel Gospel internazionale il secondo, per dar vita ad una serata imperdibile con un cast di 24 performer e musicisti per i grandi successi del Musical. 10 sono i performer di fama nazionale che compongono la sezione dei solisti, accompagnati da una band d’eccezione e supportati da altrettanti coristi. Non sarà un semplice concerto, ma una esperienza di storytelling attraverso parole e canzoni, come insegna il teatro di Broadway. La serata, infatti, verrà raccontata da Umberto Scida, già noto in tutto il Paese

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio