Passa ai contenuti principali

Teatri di Pietra: gran finale con "DEJAME QUE TE CUENTE: IDENTITAD"


TEATRI DI PIETRA 2018

Area Archeologica - Arco di Malborghetto
danza/teatro/musica/poesia/paesaggio/visione/archeologia

29 Luglio 2018

ANACAONA TEATRO (SAN DOMINGO)

DEJAME QUE TE CUENTE: IDENTITAD

Regia e interpretazione

Lucina E. Jiménez Lugo e Husmell Diaz Sa'nchez
Musica dal vivo Esteban lva-n León, Husmell Diaz Sfiichez e
Lucina E. Jiménez Lugo

Leggende Taine: Lucina E. Jiménez Lugo
Leggende Africane: Husmell Dfaz Sgatchez e Olga Quezada
 
Teatro Antropologico

La rassegna Teatri di Pietra chiude in bellezza la sua XIX edizione con uno spettacolo di grande suggestione ed impatto emotivo: “Dejame que te cliente: ldentidad”, ovvero “Lascia che ti racconti: Identità”, la storia dell'incontro tra l'ultima indio, Taina, e il primo africano, Cimarrón.
Si tratta di un’opera che coniuga la cultura taina e africana attraverso miti, balli, canti e sonorità, con l'intento di ricostruire il modo di comunicare di questi due antichi popoli. La pièce è basata su sei leggende, tre appartenenti alla cultura taina e tre alla cultura africana, appositamente riletti per la rappresentazione.
La messa in scena si sviluppa con movimenti circolari e concentrici, richiamando le danze cerimoniali di entrambe le culture. Vengono utilizzati i tre elementi caratteristici e distintivi  della compagnia: il bambù, rappresentato dalle lampade, la corda, utilizzata per unire le strutture, e la sabbia.

Lo spettacolo è concepito per realizzarsi in un teatro, con uno scenario a scatola nera, ma  contempla la rappresentazione all'aperto, purché in notturna, su un terreno/stage pianeggiante.
Il concetto sonoro dell'opera cerca di avvicinarsi il più possibile alla tradizione musicale dei due popoli; per questo motivo la musica viene eseguita dal vivo e con gli strumenti originari di entrambe le culture, interpretando i canti nelle lingue originarie: Arawuacas (Indios Tainos) e Yorubas (Cimarrón).

Nello spettacolo vengono utilizzati flauti, tamburi, maracas indigene e un mayowakan (percussione tradizionale) ed elementi scenografici, rappresentati da lampade artigianali, che permettono che lo spettacolo goda di luce propria. Il concetto e la posizione delle lampade rimandano al focolare attorno al quale le antiche comunità si radunavano per narrare le loro storie, nell’atmosfera magica e religiosa di un cerchio concentrico che indicava l'inizio e la fine dell'universo. I costumi, anch'essi, rappresentano la tradizione mesoamericana di "indossare" le leggende, cucendone i personaggi sui vestiti, come ancora oggi si osserva nelle comunità dei discendenti Maya e Inca.



Orario : 21,15

Ingresso 12 euro intero  – 10 euro ridotto – 5 euro convenzionati / associazioni / studenti
biglietti online : www.liveticket.it

Info & prenotazioni: teatridipietra@gmail.com/ whatsapp 333 709 7449
/teatridipietra.blogspot.it ///

ARCO di MALBORGHETTO : Via Malborghetto , 3 -  ROMA
sulla Via Flaminia , altezza  Stazione Sacrofano

Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di