Passa ai contenuti principali

L'estate del Cut si accende con i colori della farsa dialettale


Doppio appuntamento con il Centro Universitario Teatrale di Cassino nel mese di luglio. La stagione artistica del Cut si chiude infatti al Teatro Romano con due spettacoli dal vivo: “Aggio passat nu guaio” in scena l'11 luglio e “Giallo in condominio” il 18 luglio. Due serate all'insegna dell'ironia e della leggerezza che contribuiranno a colorare la rassegna estiva di Cassino Arte con una comicità dirompente. Ad inaugurare questo finale di stagione sarà la farsa dialettale scritta da Anna De Santis e diretta da Giorgio Mennoia, che vuole richiamare in primis l'attenzione di tutti gli anziani del territorio. Lo spettacolo a ingresso gratuito è infatti inserito nell'ambito del progetto “Anziani: memoria e futuro” promosso dall'Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Cassino e finanziato dal Consorzio dei Comuni del Cassinate. Attraverso il racconto, il dialogo e l'arte della recitazione gli attori del Cut puntano a far avvicinare i giovani alla generazione dei loro nonni.

LA FARSA – Sul palco del Teatro Romano i dieci interpreti regaleranno risate e divertimento attraverso quel genere strettamente legato al teatro dialettale. Torneranno protagonisti quella comicità esplosiva e un po' scomposta, quel linguaggio chiassoso ma semplice ed efficace, quel modo leggero e amaro di raccontare la realtà. «La caratterizzazione dei personaggi, l'improvvisazione, la precisione nei tempi comici, il linguaggio e l'espressività fuori misura sono gli aspetti principali della farsa cui abbiamo dedicato lavoro e studio durante questo anno accademico – ha spiegato il regista e direttore artistico del Cut Giorgio Mennoia – e il desiderio di riproporre il genere della farsa nasce proprio dalla volontà di arrivare al pubblico in maniera diretta e spontanea».

TRAMA – “Aggio passat nu guaio” racconta la storia del giovane ventenne Antonio Maria che vive con le cinque donne da sempre presenti nella sua vita: la madre Lucia, vedova da molti anni, la nonna paterna Carmela, forte e autoritaria, e le zie signorine, Cesira, Cuncettella e Maria, tutte succubi in un modo o nell'altro della madre Carmela. Nella casa condivisa da parecchi anni per necessità economica si vive nel costante ricordo di Umberto, morto giovanissimo. Molte le sorprese che rivoluzioneranno la tranquilla e strana vita dei sei personaggi accompagnati da segreti, bugie e altre figure presenti nella loro quotidianità in modo divertente e misterioso.

PROMOZIONE DEL TERRITORIO – Entrambi gli spettacoli estivi rientrano nel progetto del Cut di promozione e valorizzazione del turismo e dello sviluppo economico del territorio attraverso spettacoli di teatro comico e popolare, musical e varietà per adulti e ragazzi. Come accaduto lo scorso anno, il progetto è stato riconosciuto e premiato dalla Camera di Commercio di Frosinone che ha valorizzato l'idea di promuovere un equilibrio culturale tra spettacolo, turismo e imprenditoria. «Anche in questa stagione l'iniziativa del Cut premiata dalla Camera di Commercio di Frosinone – spiega il responsabile organizzativo Marco Mattei – punta ad offrire a cittadini e turisti presenti sul territorio la possibilità di trascorrere due giornate di spettacolo dal vivo divertendosi in modo intelligente, ma anche quello di far conoscere il patrimonio artistico, turistico, imprenditoriale, storico e archeologico della nostra area geografica».

* * *

“Aggio passat nu guaio” farsa dialettale in scena mercoledì 11 luglio presso il Teatro Romano di Cassino in via del Crocifisso, alle ore 21,00

Testo: Anna De Santis

Regia: Giorgio Mennoia

Cast: Leda Panaccione, Manuela Di Folco, Teresa Recchia, Paola Spallino, Giulio Marotta, Palmira Carcione, Antonella Notarangelo, Gianfranco Rotondo, Anna De Santis, Emanuele Mattia

Aiuto regia: Fabiola Forgetta

Assistente di scena: Valerio Pittiglio

Organizzazione: Marco Mattei

Trucco: Maria De Rosa

Foto di scena: Annibale Di Cuffa

Riprese video: Stefano Imperato

Foto e grafica locandina: Vittorio Simonelli

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide