Passa ai contenuti principali

MATER CERTA - Storie di donne che vorrebbero essere madri


TEATRO LIBERO 
7 - 12 giugno

MATER CERTA
Storie di donne che vorrebbero essere madri

di Michele Ruol

regia Lorenzo Maragoni

con Andrea Bellacicco, Silvia Giulia Mendola, Silvia Rubino, Andrea Tonin

aiuto produzione Silvia Borsari

produzione PianoinBilico in collaborazione con Amor Vacui

Testo segnalato al premio Hystrio Scritture di Scena 2017 (con il titolo AAA- un altro Ione)

Da giovedì 7 a martedì 12 giugno andrà in scena al Teatro Libero diMilano, Mater certa, spettacolo che racconta cosa succede quando desiderio di maternità e paternità si scontra con la realtà.

Quali sono le conseguenze di una maternità mancata su una coppia?

Intorno a queste domande ruota Mater certa. Con ironia, ma senza negare il dramma, racconta cosa succede quando desiderio di maternità e paternità si scontra con la realtà. Si alternano esperienze di fecondazione assistita e consigli della tradizione popolare, mentre piccole angosce si insinuano nella coppia fino a metterne in crisi fiducia e intimità.

La storia si confronta con il mito rivisitando la tragedia a lieto fine di Euripide, Ione, nella quale Creusa e Xuto si recano all'oracolo di Delfi perché non riescono ad avere un figlio. Si sposta poi nel presente, puntando il focus sulla sfera femminile. In scena la protagonista, una versione moderna di Creusa, che cerca risposte in chiunque sia disposto a darle ascolto.

Prende quindi vita un forum in cui donne che vorrebbero un figlio si danno consigli, si confidano segreti, si scambiano angosce. Lo spettacolo racconta il percorso di Creusa e delle donne che le si stringono attorno, mostrando speranze e paure di un coro di madri mancate.

Note di regia

Il testo di Michele Ruol parla a un tempo alla testa e al cuore, lavora su più livelli, ci riporta al nostro essere umani, tanto impregnati di storie e di miti originari della civiltà occidentale, quanto presenti nel qui ed ora. La maternità ne è il fulcro: attesa, cercata, rifiutata. Uno dei processi più naturali, il più naturale dell’essere umano, è oggi messo in crisi, sottoposto a un’artificializzazione, trasformato a volte in un desiderio illegittimo, impossibile da soddisfare.

Quali sono le conseguenze di una maternità mancata su una coppia? Cosa succede su una madre, certa del suo diritto di volerlo essere, e il suo compagno, marito, amante, uomo? Qual è la nostra relazione tra la nostra civiltà e il nostro essere animali? Intorno a queste domande ruota lo spettacolo, con decisione, senza tirarsi indietro, con ironia ma senza negare il dramma. In scena quattro attori, due uomini e due donne, danno voce ai diversi personaggi, in un rapporto diretto, a tratti amichevole a tratti scomodo, con il pubblico. Uno spettacolo asciutto, che gioca contemporaneamente con il lato cognitivo ed emotivo. Uno spettacolo: per parlare di questi temi in uno dei pochi luoghi rimasti spazio di confronto reale e aperto tra gli esseri umani, un luogo capace di sollevare domande scomode in modo accogliente, e di giocare i giochi più seri che ci siano: il teatro, capace ancora oggi di parlarci della nostra percezione di libertà, del nostro voler sfidare i limiti delle umane possibilità, e della frustrazione, desolazione, rabbia, e forse serenità, che a volte derivano dalla percezione della nostra finitezza. Uno spettacolo in cui, esattamente come nelle relazioni umane, è centrale la parola; tanto quanto è centrale il corpo.
----------------------

TEATRO LIBERO

MATER CERTA

Storie di donne che vorrebbero essere madri


di Michele Ruol

regia Lorenzo Maragoni

con Andrea Bellacicco, Silvia Giulia Mendola, Silvia Rubino, Andrea Tonin

aiuto produzione Silvia Borsari

produzione PianoinBilico in collaborazione con Amor Vacui

Testo segnalato al premio Hystrio Scritture di Scena 2017 (con il titolo AAA- un altro Ione)


Date spettacolo:

dal 7 al 12 giugno, ore 21.00


Biglietti:

intero € 18, ridotto under25 - over60 € 13, under18 € 10


Per informazioni e prenotazioni:

Teatro Libero

Via Savona 10, Milano

Tel. 02 8323126| biglietteria@teatrolibero.it




















Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide