Passa ai contenuti principali

Per il Teatro al Buio ritorna in scena a grande richiesta "GRAZIE"


Per il Teatro al Buio ritorna in scena a grande richiesta

GRAZIE

di e con Alessandro Giràmi

tratto dall'omonima opera di Daniel Pennac

dall'8 all'11 marzo 2018
4 spettacoli all'Istituto dei Ciechi di Milano

È ormai un culto l’esperienza sensoriale vissuta nell'oscurità totale dal pubblico
e dall'attore Alessandro Giràmi, che interpreta lo spettacolo con fisicità palpabile.

Dopo alcune trasferte di successo, come al Teatro della Dozza (Bologna) e al Comunale di Vigevano, “Grazie” ritorna a grande richiesta nella sua sede naturale al "Teatro Al Buio", dell'Istituto dei Ciechi di Milano. Lo spettacolo teatrale di e con Alessandro Giràmi, tratto dal soggetto di Daniel Pennac, sarà in scena per quattro repliche da giovedì 8 a domenica 11 marzo (prenotazioni allo 02 77226210).

L'esperienza sensoriale che il pubblico vive insieme ad Alessandro Giràmi nell'oscurità totale, fin da prima dell'accesso alla sala che avviene con l'ausilio delle guide dell'Istituto, è diventata un vero must per chi ha voglia di conoscere la cose da un punto di "vista" (è il caso di dirlo) inconsueto: quello dal quale la vista non serve. Infatti, la peculiarità di questo “Grazie”, tratto dall’opera omonima di Daniel Pennac pubblicata nel 2004 e di grandissimo successo anche in Italia, è nel suo prendere forma in un buio completo, ma ricco di suoni e anche di musica, nel quale sono immersi sia il pubblico, sia l’attore in scena. Alessandro Girami, autore, regista e interprete dello spettacolo, con la sola voce e i propri movimenti in scena, non visibili dagli occhi ma intensamente percepiti dagli spettatori che se ne sentono avvolti, dà vita ad un’esperienza senza precedenti che riconduce all’essenza del teatro stesso: la comprensione reale di ciò che avviene in scena, legata principalmente all'ascolto, senza l’ausilio – che spesso è anche distrazione – di elementi visivi. Lo spettatore è così costretto a creare le proprie immagini, a cercare il proprio spettacolo in un continuo dialogo emotivo con ciò che sente accadere intorno a sé.

Nei 45 minuti di monologo, una vera e propria pièce teatrale, il protagonista, del quale sappiamo solo essere un artista premiato da una giuria per “l’insieme della sua opera,” si trova a dover fare i conti con il dover ringraziare una platea a lui ignota e che in fondo lo conosce per la prima volta in questa occasione. E’ il pretesto per una digressione acuta e puntigliosa nell’evidenziare l’elemento grottesco presente in azioni quotidiane apparentemente neutre e indolori, come quella di ringraziare chiunque e per qualunque motivo. Che senso hanno i “grazie” in un mondo che storpia le emozioni in spettacolo? E il personaggio-autore inizia quindi un viaggio che conduce ad una considerazione profonda e sincera sull’arte e sulle emozioni, risalendo fino ai giorni di scuola, origine della sua ribellione al conformismo. Per capire che solo l’arte, e gli amici, lo hanno liberato dai cattivi maestri.

“Grazie” nel “Teatro al Buio” – una fra le iniziative più interessanti ospitate dall’Istituto dei Ciechi di Milano – è un’esperienza unica ed emozionante, un viaggio nell’arte e dentro di sé.

“GRAZIE” – Dialogo nel Buio - Via Vivaio 7, Milano

Giovedì 8, venerdì 9, sabato 10, domenica 11 MARZO 2018 Inizio ore 21.00 Posto unico: 20 euro

Info e prenotazioni: tel 02 77226210 mail: dialogonelbuio@istciechimilano.it

Sito: http://www.dialogonelbuio.org


NOTA: è necessario presentarsi 30 minuti prima che inizi lo spettacolo. A spettacolo iniziato non è possibile accedere alla sala

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d