Passa ai contenuti principali

UFO - Dedicato a Cazimir Liske

Ivan Vyrypaev

UFO


Dedicato a Cazimir Liske

Traduzione e regia Teodoro Bonci del Bene

con Michele Lisi, Stefano Macchi, Carlotta Mangione, Fabio Mascagni, Ludovica Modugno, Francesco Petruzzelli, Cristina Poccardi, Viktor Rizengevich

dal 21 al 25 febbraio
Teatro Cometa Off

Dal 21 al 25 febbraio è in scena Ufo di Ivan Vyrypaev.

Sul palco del Teatro Cometa Off di Roma Michele Lisi, Stefano Macchi, Carlotta Mangione, Fabio Mascagni, Ludovica Modugno, Francesco Petruzzelli, Cristina Poccardi, Viktor Rizengevich diretti da Teodoro Bonci del Bene.

Il regista russo, decide di girare un film sugli alieni. Per realizzarlo, dopo aver fatto alcune ricerche, incontra dieci persone fra le tante che dicono di aver visto gli alieni. Resta con ciascuno di loro alcuni giorni intervistandoli e registrando tutte le conversazioni su nastro. Non riuscendo a farsi produrre il film trasforma la sceneggiatura in una pièce teatrale. Ufo è il risultato di una lavoro di drammaturgia sulle testimonianze dirette di dieci persone che affermano di essere entrate in contatto con esseri extra terrestri. Queste testimonianze, in cui ciascuno dei dieci intervistati tenta disperatamente di comunicare il fatto più importante della propria vita, sono delle confessioni sincere piene di umanità.

Note di regia

Ufo è un testo spiazzante. Nulla di quello che ci si potrebbe aspettare è ciò che avviene, e si comincia a dubitare sulla natura reale del testo da mettere in scena. In Ufo Vyrypaev è in grado di parlare alle persone in maniera naturale e profonda, toccando i temi fondamentali della nostra esistenza con ironia.
Il flusso di parole che investe il pubblico è fatto di energia e significato, e mentre prende forma si fa ritmo. In questo testo, grazie alla qualità della drammaturgia, l’attore è l’unico protagonista, e ha la possibilità di riappropriarsi del proprio ruolo. Quello di una persona che parla con il pubblico. La regia di questo spettacolo è infatti solo un lavoro sull’attore, una direzione e creazione di personaggi in cui la macchina scenica, seppur presente, scompare sullo sfondo. L’ultima scena, a sorpresa, fornisce la chiave di lettura della (o delle) storie, spostando completamente l’obiettivo. In Ufol’elemento chiave non è mai quello su cui si posa l’attenzione.
-------------------------------------------------------

Ufo

Traduzione e regia Teodoro Bonci del Bene

Con Michele Lisi, Stefano Macchi, Carlotta Mangione, Fabio Mascagni, Ludovica Modugno, Francesco Petruzzelli, Cristina Poccardi, Viktor Rizengevich

Assistente alla regia Cristina Mugnaini

Luci Matteo Rubagotti

Conduzione tecnica Marco D’Amelio

Produzione Cristina Poccardi e Teatri D'Imbarco

Foto locandina Marco Montanari

Foto di scena Manuela Di Giusto

Grafica Cosimo Lorenzo Pancini



TeatroCometa OFF

via Luca della Robbia 47

Dal 21 Febbraio al 25 Febbraio Ore 2100

Biglietti a partire da 10 euro

Per informazioni teatro Cometa Off 06 57284637

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d