Passa ai contenuti principali

In primo piano

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio

QUATTRO DONNE E UNA CANAGLIA


SPETTACOLI TEATRALI PRODUZIONI
Presenta

QUATTRO DONNE E UNA CANAGLIA


di Pierre Chesnot

con Marisa Laurito, Corinne Clery, Barbara Bouchet
e Nicola Paduano

con la partecipazione straordinaria di Gianfranco D'Angelo

adattamento di Mario Scaletta
regia di Nicasio Anzelmo

Al Teatro Nuovo di Milano
3 e 4 marzo

Dopo il successo dello scorso anno, torna al Teatro Nuovo di Milano il 3 e 4 marzo (sabato ore 20.45, domenica 15.45) Quattro donne e una canaglia di Pierre Chesnot, adattato da Mario Scaletta, con Gianfranco D’Angelo, Barbara Bouchet, Corinne Clery ed una Marisa Laurito in tutta la sua coinvolgente simpatia partenopea, diretti da Nicasio Anzelmo.

La storia è quella di Walter, anziano e scatenato latin lover che, nonostante l’età, si divide tra l’attuale consorte, l'ex moglie e un’amante francese.

A turbare la precaria quiete delle tre donne è il nuovo giovane amore di Walter, la sua seconda amante trentacinquenne.

Una sorta di harem che Walter ha saputo gestire fino ad ora attraverso bugie ed equivoci che si sveleranno la sera del suo compleanno, quando tutte le sue donne si troveranno per la prima volta insieme.

Cosa riuscirà ad inventarsi questa simpatica canaglia per uscire dai guai?

Senza dubbio chiederà aiuto a Paolo, suo vecchio amico e scrittore di libri horror, in grave crisi, che sviene ogni volta che viene pronunciata la parola “sangue”.

Quella che va in scena è una commedia leggera, talvolta persino sexy, con allusioni mai volgari, un’incalzante serie di situazioni surreali e divertenti, nonché alcuni slogan amarcord inseriti al momento giusto, come l’Has Fidenken di D’Angelo e il monologo sul babà di Marisa Laurito.

Il profilo stravagante di questi personaggi lascia anche spazio a qualche riflessione sull’attuale visione della donna.

Nella cornice di un salotto borghese come tanti, è la risata a predominare sia il primo che il secondo tempo, tra feste di compleanno mal riuscite, tentativi di fuga, svenimenti, sbornie, baruffe e persino tentati omicidi.
------------------------------------------------

QUATTRO DONNE E UNA CANAGLIA
di Pierre Chesnot
con Marisa Laurito Corinne Clery e Barbara Bouchet e Nicola Paduano
con la partecipazione straordinaria di Gianfranco D'Angelo
adattamento di Mario Scaletta
regia di Nicasio Anzelmo

Teatro Nuovo di Milano
Piazza San Babila
3 e 4 marzo
ore 20.45 – domenica ore 15.30
www.teatronuov.itbiglietti da 17.00
tel. 02.794026

Commenti

Post più popolari