Passa ai contenuti principali

Quando il silenzio è la vera violenza... “Non dirlo a nessuno”.


La domanda questa volta è pesante, di quelle che scuotono le coscienze. Guardare oltre le apparenze o far finta di nulla? Lasciarci coinvolgere o restare estranei? Sempre ridendo, il Martinitt affronta un tema scottante, che vi lasciamo scoprire a teatro. Ma lo fa analizzandone il contesto, cercando di capire dove e perché certe cose accadono, ma soprattutto come mai ognuno di noi tende a pensare che accadano solo altrove, ad altri. Una commedia divertente ma assai profonda, dedicata a tutte, proprio tutte le donne (in scena anche l’8 marzo!) ma anche agli uomini. Dal 22 febbraio all’11 marzo. 


Dai vincitori della scorsa edizione di Una Commedia in Cerca d’Autori®, un copione intenso. Ancora una volta si affronta la scelta tra essere e apparire, ma non in senso fatuo. In questo caso la maschera che ci scegliamo non è in nome dell’apparire, anzi è una scelta disperata per scomparire. Perché non possano guardarci dentro, scoprire la nostra fragilità, la nostra vergogna. Un non-essere che non è espressione di leggerezza, ma la conseguenza al contrario di un fardello troppo pesante da portare… Indossiamo una maschera di equilibrio e perfezione per non insospettire, ci chiudiamo nel silenzio per non ispirare domande scomode. Ma questo autorizza gli altri a non guardare oltre la maschera, a non incrinare il silenzio? Chi nella vita di tutti i giorni, quella apparentemente normale, ha il coraggio di affrontare davvero la realtà altrui, che è poi anche la nostra? Chi oserebbe sfondare il muro del silenzio, di chi è vittima ma anche di chi è complice, ovvero tutti noi? Quelle del Martinitt si confermano risate intelligenti e di grande attualità.

NON DIRLO A NESSUNO è una commedia di Chiara Boscaro e Marco Di Stefano, diretta da Marco Di Stefano, con Ussi Alzati (Ester), Barbara Bertato (Lisa) ed Emanuele Arrigazzi (Barzaghi). Produzione La Bilancia.

Una bomba d’acqua si è abbattuta su Milano. Il parcheggio dell’ufficio è allagato. Ester e Lisa rimangono bloccate, di venerdì sera, con Barzaghi, il collega che tutti rifuggono. Quello strano, che controlla tutti e fa la spia. Non si può reggere! La convivenza forzata -tra tentativi di fuga e scappatoie- porta però i tre a conoscersi meglio. La bomba d’acqua sarà nulla rispetto alla bomba emotiva che scoppierà quando cadranno le maschere… Le verità di ognuno – volutamente o disperatamente nascoste fin qui- verranno a galla. Carenze d’affetto, passioni imbarazzanti e qualcosa di ben più serio, là dove meno te lo aspetti… I segreti si nutrono del silenzio o dell’incapacità altrui di ascoltare?
--------------------------

Info e prenotazioni:

TEATRO/CINEMA MARTINITT

Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10 - Parcheggio gratuito.

Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.
Biglietteria: lunedì 17.30-20, martedì-sabato 10-20, domenica 14-20. Ingresso: 22 euro, ridotto 16 euro.

Il Martinitt
Un teatro entusiasta, dai grandi numeri (oltre 40.000 spettatori lo scorso anno e oltre 2000 abbonamenti in 7 stagioni) che crede davvero nei nuovi talenti di casa nostra, tanto da riservare loro il suo palcoscenico in esclusiva e da aver indetto il concorso “Una Commedia in cerca d’autori”, dedicato ad autori tra i 18 e i 40 anni. Riflettori sempre puntati anche sulla danza. E ora c’è anche il cinema di quartiere!

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d