Passa ai contenuti principali

"La Traviata" di Giuseppe Verdi al Teatro di Milano


L’Associazione culturale Musica in scena
presenta

LA TRAVIATA

di Giuseppe Verdi

Opera Lirica in tre atti
Libretto di Francesco Maria Piave
Orchestra “Testori”
Coro, scene e costumi Associazione Musicale Calaluce
Maestro del coro Massimiliano Di Fino
Maestro concertatore e direttore d’orchestra Paolo Marchese
Regia di Marco Daverio

TEATRO DI MILANO
Via Fezzan 11
Domenica 25 febbraio ore 16

Il Teatro di Milano ospiterà domenica 25 febbraio alle 16 "La Traviata", terzo capitolo della celeberrima trilogia popolare di Giuseppe Verdi ("Rigoletto" e "Il Trovatore", le altre due). A mettere in scena l’opera lirica sarà L’Orchestra “Testori” diretta dal Maestro Paolo Marchese, mentre il coro sarà diretto dal Maestro Massimiliano Di Fino. Il Coro, le scene e i costumi saranno invece affidati all’Associazione Musicale Calaluce e la regia è affidata a Marco Daverio.

L’opera in tre atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Francesco Maria Piave, è basata su La signora delle camelie, pièce teatrale di Alexandre Dumas (figlio). Fu rappresentata per la prima volta al teatro La Fenice di Venezia nel 1853 e risulta essere l’opera più rappresentata al mondo.

Nella recita di domenica 25 al Teatro di Milano Violetta sarà interpretata dal soprano Clara Byun e Joon ho Pak vestirà i panni di Alfredo.

La Trama:

Violetta Valéry, giovane donna di mondo, vive nella Parigi del XIX secolo. Vive nel lusso e nelle feste, poiché è consapevole di essere gravemente malata di tisi e che la sua vita sarà breve.

A una delle feste conosce Alfredo Germont, da tempo è innamorato di lei, che in quell’occasione si dichiara. Violetta è colpita dalla sua passione e, quando lui le chiede di rivederla, gli dona una camelia, che lui dovrà riportarle quando sarà appassita.

Dopo il successivo incontro, Violetta e Alfredo vivono il loro idillio d'amore vero, in campagna. La fedele domestica di Violetta, Annina, rivela però ad Alfredo essere stata a Parigi per vendere tutti i beni della sua padrona coi quali poter pagare le spese di mantenimento della casa. Intanto, Violetta riceve la visita del padre di Alfredo, Giorgio Germont, che l'accusa duramente di voler spogliare Alfredo delle sue ricchezze e le chiede di lasciare il proprio figlio, visti anche i suoi trascorsi. Violetta, disperata, per amore di Alfredo parte lasciandogli una lettera di addio in cui gli spiega che sta tornando da un precedente amante, il barone Douphol.

Durante una festa Alfredo, sconvolto dopo il rifiuto di Violetta di tornare con lui, le getta addosso il denaro con cui voleva ripagarla per aver dilapidato i suoi beni. Violetta sviene e il barone Douphol sfida a duello Alfredo. Dopo alcuni giorni, sul letto di morte, Violetta riceve una lettera da Giorgio Germont, nella quale l'uomo le dice di essersi pentito di aver causato con il suo gesto tanto dolore e di aver rivelato ad Alfredo tutta la verità e che questi sta andando a ricongiungersi con lei. Quando Alfredo finalmente arriva i due si promettono amore e felicità, ma Violetta muore tra le braccia di Alfredo.
--------------------------

LA TRAVIATA

Opera Lirica in tre atti

di Giuseppe Verdi

Libretto di Francesco Maria Piave



Orchestra “Testori”

Coro, scene e costumi Associazione Musicale Calaluce

Maestro del coro Massimiliano Di Fino

Maestro concertatore e direttore d’orchestra Paolo Marchese

Regia di Marco Daverio

Direzione artistica Alessandra Floresta





TEATRO DI MILANO

Via Fezzan 11 - Milano

Domenica 25 febbraio ore 16

Info e prenotazioni: 02/42297313 – teatrodimilano@outlook.it

www.teatrodimilano.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d