Passa ai contenuti principali

In primo piano

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio

IL CORPO GIUSTO - di Eve Ensler, traduzione Monica Fiorini

Foto Manuela Giusto



SPAZIO DIAMANTE


9 – 10 – 11 febbraio

venerdì e sabato ore 21; domenica ore 18



Khora Teatro

IL CORPO GIUSTO

di Eve Ensler, traduzione Monica Fiorini


regia e colonna sonora Marcello Cotugno

con Elisabetta De Vito, Federica Carruba Toscano, Rachele Minelli

scene e costumi Giulio Villaggio

disegno luci Stefano De Vito

art director Irene Alison

aiuto regia Nathalie Cariolle

assistente alla regia Martina Gargiulo

datore luci Rosario Mastrota




Dal 9 all’11 febbraio, il palcoscenico dello Spazio Diamante accoglie lo spettacolo Il Corpo Giusto, presentato in prima nazionale al Teatro dell’Orologio nell’ ottobre del 2016. Un vero e proprio affresco del complesso e variegato universo femminile, scritto dalla drammaturga statunitense Eve Ensler e diretto da Marcello Cotugno, nel quale si esprimono con ironia le voci di tutte quelle donne in cerca di una nuova consapevolezza.

L’autrice de I monologhi della vagina ci conduce di nuovo nel mondo femminile procla- mando “abbiate il coraggio di AMARE IL VOSTRO CORPO, SMETTETE DI AGGIUSTARLO. Non è mai stato rotto”.

Che si tratti dell’ansia di perfezione che ossessiona la visione della propria immagine o di ribellione a consuetudini sociali che negano diritti e libertà alle donne, il corpo è strumento ed espressione sintomatica di pregiudizi e distanze sociali e psico- logiche che opprimono la sfera femminile.

Nel caleidoscopio di situazioni in scena il testo prende corpo in molteplici declinazioni: dall’autrice/personaggio che accompagna in prima persona il fluire del testo, fino alle donne dal volto negato dal regime Taliban nascoste al buio di una cantina per consumare un gelato proibito, passando per la modella ossessionata dalla propria immagine al punto da sposare un chirurgo plastico e fungere da cavia per i suoi esperimenti di eterno rema- ke, o per la ragazza portoricana ossessionata dalla sua taglia forte.

Marcello Cotugno dirige questo progetto prodotto da KHORA.teatro, mettendo in scena un testo con un’anima femminile così intensa attraverso un confronto stimolante e minaccioso. “Di fronte alla paura di non essere “giusto” ho scelto di sentirmi libero”- annota il regista. “Pochissimi dialoghi, nessuna didascalia. Tutta l’azione è lasciata alla recitazione/racconto, da literary drama, dove è la stessa espressività delle attrici a suggerire una scrittura scenica, o meglio una partitura a schema libero, con una serie di luoghi deputati dove svolgere le azioni.”

Tre poliedriche interpreti, Elisabetta De Vito, Federica Carruba Toscano, Rachele Minelli, si muovono su una scena semplice, ideata da Giulio Villaggio, illuminata dalle luci taglienti e scolpite curate da Stefano De Vito. Pochi elementi lasciati lì a ricreare spaccati minimali di vita. Una colonna sonora, curata dallo stesso Marcello Cotugno, che va dall’elettronica minimale di Emptyset al NU Jazz di Taxi Wars, per finire alle note post-neoclassiche di Johann Johannson e Max Richter.

Infine, la ricerca iconografica di Irene Alison per le proiezioni, punta a evidenziare il ruolo fondamentale giocato dai magazine femminili e dalla pubblicità, fin dagli anni ’50, nel plasmare l’immaginario delle donne e nell’orientarne e definirne l’identità e le aspettative anche in relazione al proprio corpo.
----------------------


INFO

Spazio Diamante

via Prenestina 230 B– Roma

Biglietti: Intero 14€ + 2 € di prevendita

Ridotto 11,5 €

Info. Tel 06.6794753

Il botteghino aprirà 1 ora prima della spettacolo

www.spaziodiamante.it

Prevendita:

Botteghino di Teatro Sala Umberto, via della Mercede 50 – Roma

Botteghino di Teatro Brancaccio, via Merulana 244 – Roma

Ticketone.it e presso i punti vendita tradizionali

Commenti

Post più popolari