Passa ai contenuti principali

DEBUTTA A ROMA "Un sacchetto d’amore”


Antonella Questa torna sul palco del Teatro del Lido di Ostia con il suo nuovo spettacolo 

“Un sacchetto d’amore” 
ovvero i sentimenti al tempo dello shopping compulsivo

17 - 18 febbraio 2018

Cosa si nasconde dietro alle nuove dipendenze comportamentali? Come nascono, in quali contesti sociali e soprattutto familiari?
A queste ed altre domande risponde Antonella Questa, autrice ed attrice che, dopo il successo dello scorso anno con “Svergognata”, torna sul palco del Teatro del Lido con il suo ultimo lavoro “Un sacchetto d’amore” in cui affronta con la consueta ironia le dinamiche relazionali di oggi, costrette a fare i conti con un mondo sempre più rivolto al consumo, all'opulenza, al bisogno di avere per affermarsi. Dietro queste patologie che, pur in ambiti diversi, sono in costante aumento, si nasconde un denominatore comune: la mancanza di relazione con noi stessi e con gli altri.

Un meccanismo che si è insinuato nella società e in cui tutti, in un modo o nell'altro, ci ritroviamo inconsapevoli vittime. Un mondo in cui ogni cosa che desideriamo sembra essere a portata di mano, ma poi a mancare davvero sono i rapporti autentici.

“L’incapacità di parlare e ascoltarsi, sempre più diffuse nella nostra società, sono alla base di questo mio nuovo lavoro. E' proprio questo - sottolinea Antonella Questa - che manca nella famiglia della protagonista Cinzia dove il marito è troppo preso dal lavoro, la cognata tratta il cane come un figlio, la suocera cucina lasagne e inventa malattie pur di tenere i figli legati a sé, mentre Cinzia si abbandona allo shopping compulsivo, pensando a strisciare la carta ed afferrare il sacchetto con il nuovo acquisto per cancellare le ansie e far svanire i problemi. Poi arriva il giorno in cui i troppi sacchetti esauriscono addirittura il credito di tutte le carte famigliari, svelando contemporaneamente conti in rosso e un uso disinvolto delle rate, portato avanti da tempo e sempre nascosto a tutti.”

Cosa succede quando ci mancano i soldi per soddisfare i nostri innumerevoli bisogni?

“Terapia di gruppo e terapia comportamentale tra nuove amiche e vecchi colleghi di lavoro - prosegue Antonella - aiuteranno Cinzia a rialzarsi e a guardare il mondo da una prospettiva nuova, aiutando anche la sua famiglia a farlo. In fondo la vera ricchezza sta proprio lì, in quel motore che muove il mondo, che non si può né vendere, né comprare: l'amore, un sacco d'amore ... ma anche un sacchetto può andar bene!”

Dopo la vecchiaia e il tradimento, al centro di Vecchia sarai Tu e Svergognata, altre tematiche sociali di grande rilievo finiscono nell’obiettivo di Antonella Questa che fotografa con maestria vizi, difetti e virtù individuando sempre una via d’uscita che porta ad una “resurrezione” personale dei protagonisti. Altri personaggi straordinari si aggiungono, dunque, alla “galleria umana ” che Antonella, sola in scena, propone con notevole successo proprio per la capacità di cogliere i numerosi volti dell’animo umano e delineare i contesti familiari, con il linguaggio comico e ironico che caratterizza il suo teatro.
----------------------------------

Teatro del Lido di Ostia

Va delle Sirene 22,00121 Ostia Roma

Sabato 17 febbraio , ore 21.00

Domenica 18 febbraio, ore 18.00


info e prenotazioni
tel. 065646962 | promozione@teatrodellido.it
www.teatrodellido.it


biglietti:
10 € intero | 8 € ridotto
--------------------------------

Comp. LaQ-Prod

Presenta

UN SACCHETTO D'AMORE

di e con Antonella Questa

coreografie e messa in scena Magali B – Cie Madeleine&Alfred

disegno luci Daniele Passeri

costumi Sara Navalesi

scene Danilo Giannetti – NewPol

foto di scena & idea grafica Barbara Gravelli

organizzazione generale Serena Sarbia 


La canzone finale “Come un albero” è di Francesco Rainero

produzione LaQ-Prod

in collaborazione con Centro di Prod. Teatrale Pupi e Fresedde/Teatro di Rifredi & Ass.Cult. Progetti&Teatro

http://www.antonellaquesta.it

Facebook: https://www.facebook.com/antoquesta/

__________________________________________________________________


Antonella Questa, attrice di lunga esperienza nel teatro, vive e lavora in Italia ed in Francia. In TV è stata tra i protagonisti della Fattoria dei Comici di Serena Dandini (“Mmmh!” Rai2 e “B.R.A.” Rai3)

Nel 2005 fonda la Compagnia LaQ-Prod con la quale produce e interpreta spettacoli nei quali l'uso del linguaggio comico, le permette di trattare temi che non lo sono affatto. Nel 2009 con “STASERA OVULO”, scritto da Carlotta Clerici e messo in scena da Virginia Martini, affronta il tema della sterilità femminile, aggiudicandosi il Premio Calandra come Migliore Spettacolo e come Migliore Interprete. Con lo spettacolo “VECCHIA SARAI TU!” (2012), in omaggio alla vecchiaia, vince invece il Premio Calandra come Migliore Spettacolo, come Migliore Interprete e Migliore Regia e il Premio Museo Cervi- Teatri della Memoria.

Nel 2014 scrive e interpreta “SVERGOGNATA” in cui affronta il tema della schiavitù dell'immagine e desiderabilità sociale e dell'importanza dello sguardo su se stessi, mentre nel 2015 con Giuliana Musso e Marta Cuscunà crea il reading-spettacolo “WONDER WOMAN – donne denaro e superpoteri” sull'indipendenza economica delle donne oggi in Italia.

Nel 2017 è la protagonista di “ALPENSTOCK”, scritto da Remi de Vos e da lei tradotto, una commedia crudele sulla paura dello straniero, dividendo il palco con Ciro Masella e Fulvio Cauteruccio, per la regia di Angelo Savelli.

Nel 2018, oltre alla tournée dei propri spettacoli, sarà impegnata a Roma e a Milano nella nuova commedia di Francesco Brandi “ PRESTAZIONE OCCASIONALE”, in scena con Massimo Brizi, Federico Vanni e Corrado Giannetti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d