Passa ai contenuti principali

Ccà nisciun è fisso - L’era della precarietà


Il Teatro Kopó presenta Ccà nisciuno è fisso. L’era della precarietà di Alessandra Faiella e Francesca Puglisi, per la regia di Alessandra Faiella, conFrancesca Puglisi, musiche suonate registrate da Luca Fraula, foto di locandina di Attilio Marasco, in scena dal 16 al 18 febbraio, venerdì e sabato alle 21, domenica alle ore 18. Lo spettacolo, che ha come sponsor Ciak Roncato, si è qualificato come testo finalista al Premio Anima e Corpo del Personaggio Femminile nell’edizione del 2015.
Ccà nisciuno è fisso è un monologo esilarante sul tema più sentito dei nostri tempi: la precarietà. Tutto è suscettibile di una condizione di instabilità permanente, dal lavoro alla casa fino all’amore, di nulla si può dire quanto e se durerà. La realtà, sempre più frammentata, viene vista e raccontata attraverso gli occhi della protagonista, Francesca, che è una giovane attrice di teatro. Svolge il lavoro precario per eccellenza, raccontandolo con umorismo partenopeo e autoironia. 

La sua vita quotidiana, che è anche la nostra, può apparire drammatica o comica a seconda del punto di vista prescelto. La satira sociale, condita da una spassosa autocritica, mira infatti a stabilire un rapporto di forte empatia con il pubblico. La protagonista può dire con amara ironia: Prima noi attori avevamo il privilegio di essere fra i pochi precari nel mondo del lavoro, ci potevamo atteggiare, fare i tormentati,i dissoluti, tutto genio e sregolatezza … Adesso siamo più stabili noi di un manager! Dal lavoro, tuttavia, la precarietà si estende anche all’ambito personale e questo fa sì che perfino un fidanzato venga liquidato per sempre in nome di una vita senza legami forti, senza impegni duraturi, privata, per scelta, di un orizzonte temporale più ampio. 

Ccà nisciun è fisso ci ricorda che la precarietà ha molti volti. Può provocare sofferenza ma anche divenire una sorta di alibi per vivere sempre secondo le proprie esigenze senza prendersi troppe responsabilità. Talvolta l’instabilità è condizione subita, tal’atra può apparire come una scelta coraggiosa. Puglisi racconterà al pubblico tutte queste sfumature della precarietà, in una chiave squisitamente ironica, evocando episodi emblematici della vita sentimentale e lavorativa di un’attrice le cui vicende sono simili a quelle delle persone cosiddette comuni. La lezione è che ridere di se stessi aiuta a campare meglio!




Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d