Passa ai contenuti principali

Riccardo (Lunga Vita al Re)


Teatro COMETA OFF

31 Gennaio - 4 Febbraio 2018

Riccardo (Lunga Vita al Re)

GENESI, ASCESA E DECLINO DI UN UOMO DEFORME

Il nuovo progetto della 'COMPAGNIA GIOVANI' ATR Sofia Amendolea, con la regia diPaolo Alessandri, continua la sua tournèe nazionale nella accogliente cornice Romana
del Cometa OFF.

La'Compagnia Giovani' ATR Sofia Amendolea, sotto la guida del Regista Paolo Alessandri e interamente composta da attoriunder 30, porta in scena con'Riccardo (Lunga Vita al Re)'un CAST PLURIPREMIATO che ha ricevuto, tra il Maggio 2016 ed il Giugno 2017, ben quattordici PREMI INTERNAZIONALI, ottenuti per l'ultima produzione 'The Farm' (diretta dallo stesso Alessandri) andata in scena in nove Festival Internazionali di 8 differenti nazioni: Polonia, Francia, Macedonia, Serbia, Repubblica Ceca, Marocco ed Egitto.

'Riccardo' è un uomo solo.Un combattente di nobili origini, un Principe d’Inghilterra, che però ha avuto in sorte unFatocrudele: quello di essere un MOSTRO nel vero senso del termine.

Nella oscura e superstiziosa Inghilterra medievale, Riccardo di Gloucester, nobile rampollo della casata degli York, viene al mondo prematuro. Nel panorama culturale del medioevo cristiano la deformità viene vista come un marchio del Demonio ed il giovane Riccardo cresce infatti nell'emarginazione, sentendo su di sé gli effetti di questa demonizzazione. Fino a quando non sceglierà di ‘sposarla’: divenendo finalmente, a tutti gli effetti, quel MOSTRO che tutti credono egli sia.

Il Focus registico dell'adattamento prende piede da una semplice intuizione: William Shakespeare, durante la sua prolifica vita, non sì è mai autodefinito come 'Autore Classico'; al contrario egli ha sempre vocato le sue Opere (anche quando le ambientava in epoche pre-Elisabettiane) nel descrivere vizì e virtù dell'umanità a lui contemporanea.

Racconta il RegistaPaoloAlessandri:“Una volta rimossa la polvere del cosiddetto 'Stile Classico' (uno stile che Shakespeare, grande innovatore, probabilmente oggi non avrebbe condiviso), "Riccardo III" si rivela essere un'opera al contempo Epica ed Umana, Avventurosa e Psicologica, addiritura Psicoanalitica, se consideriamo i due magistrali monologhi di Riccardo che aprono e chiudono la tragedia. La regia dell'adattamento non modernizza il testo shakespeariano, bensì la recitazione degli Interpreti che lo portano in scena. La Parola è la vera regina dello spettacolo. Una parola a volte poetica, a volte violenta e sprezzante, ma sempre Asciutta e Vera. Ogni tentazione di adottare orpelli e vezzi recitativi viene eliminata dal palcoscenico.”

Un palcoscenico sul quale, grazie anche alle attente azioni coreografiche, alle canzoni cantate dal vivo dai giovani e bravissimi interpreti, alla scenografia essenziale e minimale, alla purezza monocroma dei costumi, alle luci nette e contrastate, viene a costruirsi nel corso dello spettacolo una nuda e poetica 'macchina infernale', che vedrà Riccardo - carnefice per eccellenza - divenire vittima della propria stessa crudeltà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di