Passa ai contenuti principali

LES TROIS SŒURS/LE TRE SORELLE - Debutto Nazionale


TEATRO STABILE DI TORINO – TEATRO NAZIONALE
STAGIONE 2017/2018

Debutta in Prima Italiana 
LES TROIS SŒURS/LE TRE SORELLE di Simon Stone, enfant terrible della regia internazionale. Un'inedita versione del capolavoro di Anton Čechov.

Torino, Teatro Carignano - da martedì 23 a venerdì 26 gennaio 2018

L’Odéon-Théâtre de l'Europe e il Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale presentano al Teatro Carignano di Torino, martedì 23 gennaio 2018, alle ore 19.30, in prima nazionale, LES TROIS SŒURS - Le tre sorelle di Simon Stone da Anton Čechov.

Lo spettacolo, diretto dallo stesso Stone, è interpretato da: Jean-Baptiste Anoumon, Assaad Bouab, Éric Caravaca, Amira Casar, Servane Ducorps, Eloïse Mignon, Laurent Papot, Frédéric Pierrot, Céline Sallette, Assane Timbo, Thibault Vinçon. Le scene sono di Lizzie Clachan, i costumi di Mel Page, le musiche di Stefan Gregory e le luci di Cornelius Hunziker.

Les Trois Sœurs sarà replicato al Carignano, per la Stagione in abbonamento del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, fino a venerdì 26 gennaio. Lo spettacolo è in lingua francese con soprattitoli in italiano.

Con un dramma del quotidiano, del desiderio e del fallimento, Anton Čechov, e con lui il teatro moderno, entrano nel ventesimo secolo: le tre sorelle sono le protagoniste del miraggio di tornare a Mosca, il paradiso perduto in grado di garantire loro una vita agiata, un lavoro stabile e, magari, un compagno di vita fedele e innamorato, sogni che svaniscono nella mediocrità del presente.

Nella lettura di Stone lo spettacolo è situato nel nostro presente, ambientato in un mondo elettrico, efficiente, comicamente disperato, che è quello della nostra modernità.

Simon Stone è nato a Basilea nel 1984, e ha vissuto poi a Cambridge in Inghilterra e a Melbourne, in Australia.

Nel 2007 fonda il gruppo teatrale The Hayloft Project: è l’inizio di una carriera che lo porta ad essere direttore residente al Belvoir Theatre di Sydney.

Ha ricevuto il Nestroy Theatre Award per John Gabriel Borkman allestito per il Burgtheater di Vienna, mentre la rivista “Theater heute” lo ha eletto miglior regista del 2016.

Scrive Stone: «Čechov ha inventato il “teatro della soglia” con gli attimi che precedono e seguono un momento drammatico. Non è che nulla accada nei suoi lavori, è che succede altrove, e quello che vediamo è l'anticamera del dramma. Le persone siedono, aspettano, sperano, al di fuori della narrazione, inventano storie, si preparano alla loro uscita - la loro uscita dal palco, ma, se tutto va bene, l’ingresso nella loro vera vita. Il nostro mondo moderno è diventato il perfetto riflesso della creazione di Čechov. L'illusione di essere sempre in contatto, il sogno di far parte di una narrazione più grande – anche se questa narrazione si svolge altrove - noi lo testimoniamo, lo commentiamo, senza parteciparvi veramente. Così ci inventiamo amici e realtà virtuali, fantasie voyeuristiche, aspettando la nostra entrata nel mondo reale, che potrebbe finalmente metterci al centro di tutto. È possibile? E quando arriviamo a Mosca, se ci arriviamo, continueremo ad esistere?».
------------------------------

TEATRO CARIGNANO

23 – 26 gennaio 2018 | Prima nazionale

LES TROIS SŒURS

LE TRE SORELLE

uno spettacolo di Simon Stone
da Anton Čechov

regia Simon Stone

con
Jean-Baptiste Anoumon - Teodor (Kouliguine)
Assaad Bouab - Alex (Verchynine)
Éric Caravaca - Andrei
Amira Casar - Olga
Servane Ducorps - Natacha
Eloïse Mignon - Irina
Laurent Papot - Nikolaï (Touzenbach)
Frédéric Pierrot - Roman
Céline Sallette - Macha
Assane Timbo - Herbert (Fedotik / Rodé)
Thibault Vinçon - Viktor (Saliony)
scene Lizzie Clachan
costumi Mel Page
musiche Stefan Gregory
luci Cornelius Hunziker
Creazione francese dalla produzione originale del Theater Basel (10 dicembre 2016 in versione tedesca)

Produzione Odéon-Théâtre de l'Europe / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

Spettacolo in lingua francese con soprattitoli in italiano


Durata dello spettacolo 2 ore e 35 minuti


Tournée dello spettacolo:

23 - 26 gennaio 2018 | Teatro Carignano, Torino

1 - 3 febbraio 2018 | DeSingel, Anversa

16 - 17 febbraio 2018 | Le Quai, Angers


INFO BIGLIETTERIA:

Tel. 011 5169555 - Numero verde 800235333 - info@teatrostabiletorino.it

Orari degli spettacoli: martedì 23 e giovedì 25 gennaio 2018 ore 19.30; mercoledì 24 e venerdì 26 gennaio ore 20.45.

Prezzi dei biglietti: Settore A: Intero € 37,00. Ridotto di legge € 34,00 - Settore B: Intero € 31,00. Ridotto di legge € 28,00

Biglietteria del Teatro Stabile di Torino | Teatro Gobetti - via Rossini 8, Torino - dal martedì al sabato, dalle ore 13.00 alle ore 19.00. Domenica e lunedì riposo.

Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it


Gli spettacoli della Stagione 2017/2018 del TEATRO STABILE DI TORINO sono programmati nei seguenti teatri:

Teatro Carignano, Piazza Carignano 6 - Torino

Teatro Gobetti, Via Rossini 8 - Torino

Fonderie Limone Moncalieri, Via Eduardo De Filippo angolo Via Pastrengo 88 - Moncalieri (TO)

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide