Passa ai contenuti principali

Due donne meravigliose per una fuga indimenticabile - VISTO PER VOI




Al Teatro Nuovo di Milano ci sono "Due donne in fuga". E che donne! Due grandi artiste italiane nel cuore di molte generazioni: Marisa Laurito e Iva Zanicchi.
Ero davvero entusiasta all'idea di poterle finalmente vedere dal vivo in teatro, e il mio entusiasmo è stato ripagato alla grande!


Tratto dal testo "Le fuggitive" di Pierre Palmade e Cristophe Duthuron, su adattamento di Mario Scaletta e regia di Nicasio Anzelmo, "Due donne in fuga" è una storia assolutamente dinamica, scorrevole, divertente e per nulla scontata.


Storie di donne, come ce ne sono tante. Margherita (Marisa Laurito) dopo 30 anni di matrimonio chiusa in una vita di routine soffocante, ha atteso il diciottesimo compleanno della figlia per scappare di casa e cambiare la sua vita. 
Clo (Iva Zanicchi) è stata messa in una casa di riposo da figlio e nuora, convincendola che avrebbe trascorso felicemente gli ultimi anni della sua vita. Ma lei non ci sta. Il suo temperamento e la sua voglia di vivere non sono fatti per essere rinchiusi e fugge di notte.

Quella stessa notte le due donne si ritrovano a fare l'autostop sulla statale e comincia una nuova storia per loro, quella che le porterà a quel cambiamento che tanto avevano desiderato.

Una conoscenza all'inizio turbolenta! Margherita è un pò diffidente verso questa sconosciuta e inizia una raffica di battute esilaranti tra le due donne che trasportano lo spettatore in una girandola di risate, con qualche spruzzo di dialetto napoletano e emiliano.

Ne passano tante insieme e, lentamente, il loro legame si rafforza fino a renderle inseparabili. 

Marisa Laurito e Iva Zanicchi sono strepitose, fra loro c'è complicità vera e palpabile, padrone del palco e dei loro personaggi in quasi 1 ora e 45 minuti di spettacolo. Una carica esplosiva di due grandi donne che hanno fatto la storia della musica, della televisione, del cinema e del teatro italiano. Un esempio di professionalità e grande talento.

Bella la regia di Nicasio Anzelmo e assolutamente perfetto l'addattamento di Mario Scaletta.

A cosa ho pensato alla fine dello spettacolo?
Quanto è bella la complicità tra due amiche! Quella sintonia che si crea con le parole, con gli sguardi, con le pazzie che si fanno insieme! Forse oggi giorno è più difficile creare questo tipo di rapporto tra due donne perchè si pensa troppo poco ai sentimenti e di più alla carriera, o all'amore o a fare meglio degli altri.
Clo e Margherita hanno sofferto di mancanze affettive reprimendo la loro vera natura, e sono esplose trovando dentro di loro il coraggio di cambiare.

Un esempio che forse molte donne vorrebbero seguire... ma bisogna trovare coraggio e forza dentro di noi!

Le due donne in fuga vi aspettano al Teatro Nuovo di Milano fino al 28 gennaio.
Non lasciatele fuggire!☺



Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide