Passa ai contenuti principali

CONVERSAZIONI DI SCENA


Teatro Villa Pamphilj e Fondamenta - La Scuola dell'Attore
presentano

20 gennaio/10 febbraio/17 marzo/21 aprile - ore 11.30 - ingresso gratuito

CONVERSAZIONI DI SCENA
Ciclo di incontri, lezioni e visioni sul Teatro, sul Cinema e sui loro protagonisti

Sabato 20 gennaio, al Teatro Villa Pamphilj di Roma alle ore 11.30, prende il via "Conversazioni di Scena", un ciclo di incontri a cura di Paolo Floris su temi e figure del Teatro e del Cinema del Novecento fatto di racconti, testimonianze, immagini, filmati per ricostruire i percorsi segreti, le innovazioni compositive, la sperimentazione controcorrente nella tradizione europea dell’arte dell’Attore, della regia, della drammaturgia.

Conversazioni aperte alla curiosità di un pubblico attento al lavoro della scena, alle sue forme, al suo valore d’arte.

Il primo incontro dal titolo "L'attore regista di se stesso" riguarderà la vita e l'arte di Gian Maria Volonté

Gli incontri sono tutti a ingresso gratuito.
--------------------------------------------------
20 gennaio ore 11.30 - ingresso libero

L’attore regista di se stesso. Gian Maria Volonté

con Francesco Sala

Un racconto - arricchito da immagini, filmati, testimonianze - della vita e dell’arte di Gian Maria Volonté; dei suoi personaggi, della sua ricerca sulla recitazione come incarnazione radicale, del suo rapporto con il teatro, con la scrittura scenica, con la regia.
------------------------------------------------
10 febbraio ore 11.30 - ingresso libero

Aura di Russia. Tatiana Pavlova. Attrice e regista

con Giancarlo Sammartano

Il racconto di una appassionante ed avventurosa migrazione artistica: dalla Russia della rivoluzione bolscevica all’Italia alle soglie del Fascismo, Tatiana Pavlova impone un diverso stile di essere in scena, guardando alla regia in modo nuovo e visionario.
------------------------------------------------------

17 marzo ore 11.30 - ingresso libero

Il cammino di un personaggio. Oreste di Euripide e Amleto di Shakespeare

con Sergio Basile

Il confronto tra due personaggi, divisi da molti secoli di teatro e di storia, eppure uniti da inquietanti affinità d’anima e di pensiero. Una comune matrice per due creazioni artistiche, vive e veritiere oltre la finzione. Una singolare battaglia di modernità tra Euripide e Shakespeare.
---------------------------------------------------
21 aprile ore 11.30 - ingresso libero

Nessuno o tutti. Un teatro in lotta per il pane. Bertolt Brecht

con Giancarlo Sammartano

Il racconto a più voci dell'opera teatrale, poetica e letteraria di Bertolt Brecht, in ricordo e difesa del suo pensiero d'arte e di vita; della sua struggente utopia di una società del futuro, di una nuova democrazia dell'uguaglianza compiuta e partecipata.
---------------------------------------------------------


FRANCESCO SALA: Si diploma come attore nel 1996 presso la Scuola di Teatro del l’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. Ha lavorato con Egisto Marcucci, Giorgio Pressburger, Mario Missiroli, Lorenzo Salveti, Ugo Gregoretti, Mariano Rigillo, Luca Barbareschi, Giancarlo Sammartano, Giorgio Albertazzi, Roberto Guicciardini, Vincenzo Cerami, Giancarlo Sepe, Nicola Piovani, Sergio Castellitto, Giulio Bosetti, Gigi Proietti, Lamberto Puggelli, Nanni Moretti. Ha partecipato al Primo Corso di Perfezionamento per Registi diretto da Luca Ronconi presso il Centro Teatrale “Santa Cristina” di Gubbio. Nel 2002 la sua prima regia al Teatro dell’Orologio di Roma su Guido Gozzano, quindi Dorothy Parker, il mio mondo è qui con Viola Pornaro, L’amante di Harold Pinter con Giampiero Bianchi e Sandra Collodel, Come un Varietà e Donne Velocità Pericolo su testi di Filippo Tommaso Marinetti. Firma nel 2006 la regia de La Locandiera di Carlo Goldoni al Globe di Roma e Un Marziano a Roma di Ennio Flaiano al Teatro Palladium. Assieme a Viola Pornaro firma Luci dal varietà e Sandro Pertini, combattente per la libertà. Ha diretto Omero Antonutti ne I diritti dell’anima di Giuseppe Giacosa, Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini in Non vedo che te, carteggio fra Arrigo Boito ed Eleonora Duse. Giulio Bosetti in una lettura scenica su Mauro Calamandrei, e Mauro Avogadro in un omaggio a Rigoni Stern. Nel 2010 dirige Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia ne I due gentiluomini di Verona di William Shakespeare. Ha scritto e diretto Italo Balbo, cavaliere del cielo e Gabriele d’Annunzio, tra amori e battaglie con Edoardo Sylos Labini. Regista e autore di Sotto Ponzio Pilato. Nel 2015 porta in scena al Museo Nazionale di Castel S. Angelo Tu sei la mia patria.

Ha condotto Laboratori di Regia presso il Corso di Studi DAMS dell’Università RomaTre.

Partecipa a numerose trasmissioni televisive Rai, Mediaset, Sky, anche come collaboratore testi a fianco di Enrico Vaime, Loretta Goggi, Gianni Morandi, Paolo Bonolis, Marco Berry, Luca Barbareschi, Michele Mirabella, Maurizio Micheli.

Scrive di Teatro sul quotidiano Il Giornale nella pagina domenicale Off.

GIANCARLO SAMMARTANO: Tra i fondatori del Centro Culturale “Il Politecnico” di Roma, svolge dal 1973 l’attività di regista teatrale. Ha collaborato con il Teatro Biondo di Palermo, il Teatro Stabile di Catania, Il Consorzio Teatrale Calabrese, il Teatro Càrcano di Milano, Festival dei Due Mondi di Spoleto, l’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa (per cui ha realizzato Nuvole di Aristofane, Ciclope di Euripide, Curculio e Truculento di Plauto) e diverse altre compagnie teatrali. E’ stato assistente teatrale di Vito Pandolfi, Sergio Tofano, Mario Ferrero, Franco Enriquez, Luigi Squarzina, Giusto Monaco. Ha collaborato con la RAI-Radiotelevisione Italiana, per cui ha realizzato diverse opere radiofoniche su testi di Vaclav Havel, Clifford Odets, Natalia Ginzburg, Gunther Grass, Alberto Savinio, Francois Mauriac, Heiner Muller. Ha svolto stage e laboratori per attori con la Scuola di Teatro del Teatro Biondo di Palermo, del Teatro Càrcano di Milano, del Teatro Stabile di Catania, del Consorzio Teatrale Calabrese, dell’Accademia Internazionale d’Arte Drammatica del Teatro Quirino di Roma. Ha diretto dal 1988 al 1990 l’Accademia d’Arte Drammatica della Calabria di Palmi. Ha diretto dal 1984 al 1997 la Scuola di Teatro Classico “Giusto Monaco” dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa, di cui è stato Direttore Artistico per le Rappresentazioni Classiche al Teatro Greco di Siracusa del 1994 e del 1996. E’ stato dal 1996 al 2003 Direttore Artistico della Compagnia Teatrale “La Bottega del Pane” per cui ha realizzato spettacoli da testi di Bertolt Brecht, Plauto, Aristofane, Elias Canetti, Achille Campanile, Nikolaj Evreinov, Pier Paolo Pasolini. Ha pubblicato studi sulla drammaturgia, sull’arte dell’attore, sulla “maschera” e sul teatro italiano del primo novecento. E’ stato docente di Istituzioni di Regia, Drammaturgia e Spettacolo dell’antichità ed Elementi di composizione scenica presso il Corso di Laurea DAMS, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tre.

Attualmente dirige la Scuola dell'attore FONDAMENTA, sita all'interno degli studios di Cinecittà.

SERGIO BASILE Attore, regista e drammaturgo. Dopo essersi diplomato alla “Bottega Teatrale” di Firenze diretta da Vittorio Gassman e Giorgio Albertazzi, da più di trent’anni è attivo nel mondo del teatro italiano lavorando, tra gli altri, con Giorgio Albertazzi, Vittorio Gassman, Enrico Maria Salerno, Glauco Mauri, Elena Zareschi, Mariano Rigillo, Gigi Proietti, Jerzy Sthur, Irene Papas, Flavio Bucci, Giulio Brogi.

Ha recitato nelle più importanti istituzioni teatrali pubbliche italiane: Istituto Nazionale del Dramma Antico, Teatro Stabile di Roma, Teatro Stabile del Veneto, Teatro Regionale Toscano, Teatro Stabile di Sardegna, Teatro Stabile di Catania, Teatro Stabile di Palermo; e nelle maggiori compagnie private nazionali (Compagnia Vittorio Gassman, Teatro del Carretto di Lucca, Compagnia Glauco Mauri, Compagnia Plexus di Lucio Ardenzi, Compagnia Enrico Maria Salerno, Compagnia Marina Malfatti, Compagnia del Teatro Manzoni di Milano, Teatro di Documenti di Luciano Damiani, Teatro Popolare di Roma diretto da Maurizio Scaparro).

Nel suo lavoro di attore è stato diretto dai registi Luigi Squarzina, Vittorio Gassman, Giorgio Albertazzi, Gianfranco De Bosio, Mario Missiroli, Armand Del Campe (direttore del Teatro Stabile di Bruxelles), Filippo Crivelli, Franco Zeffirelli, Egisto Marcucci, Marco Bernardi, Memè Perlini, Enrico Maria Salerno, Gigi Dall’Aglio, Alvaro Piccardi, Roberto Guicciardini, Giovanni Testori, Sergio Fantoni, Pietro Carriglio, Cesare Lievi, Claudio Collovà, Peter Stein.

Dal 2006 al 2013, è stato uno dei componenti della Compagnia Stabile Pubblica del Teatro Biondo di Palermo.

Alla professione di attore e di autore affianca quella docenza teatrale. Ha insegnato Recitazione e Tecnica della dizione del verso presso l'Accademia del Teatro Bellini di Napoli, la scuola del Teatro Stabile di Palermo, la Scuola “Enrico Maria Salerno”, L’Officina dell’Attore di Roma, l’Accademia Internazionale di Arte Drammatica del Teatro Quirino di Roma.
----------------------------
Teatro Villa Pamphilj

Villa Doria Pamphilj Via di San Pancrazio 10 - P.zza S. Pancrazio 9/a, 00152 ROMA

Orario segreteria: dal martedì alla domenica dalle 10,00 alle 18,00

Info e prenotazioni: tel. 06 5814176 dal martedì alla domenica - promozione@teatrovillapamphilj.it

Arrivare a teatro: BUS 870 – 982 – 44 – 44F - (e nelle vicinanze 710 e 871) FM 3 (Roma/Viterbo) fermata Quattro Venti

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide