Passa ai contenuti principali

CHIAMATEMI WOODY - debutto nazionale al Teatro Lo Spazio.


AL TEATRO LO SPAZIO DAL 9 AL 14 GENNAIO 2018 “CHIAMATEMI WOODY”, 

DI PIERPAOLO DE MEJO

"Ho sempre considerato la realtà un posto gramo dove vivere. Ma è anche l’unico posto dove ti puoi procurare del cibo cinese" (Woody Allen)

Un debutto nazionale da non perdere al Teatro Lo Spazio. Dal 9 al 14 gennaio 2018 sul palcoscenico di via Locri approda il testo scritto da Pierpaolo De Mejo CHIAMATEMI WOODY, con Pierpaolo De Mejo, Valerio Cosmai, e con la partecipazione di Olivia Cordsen, arrangiamenti Valerio Cosmai

“E se una sera, mentre siete comodamente seduti sulle poltrone di un teatro off di Roma, come per magia Woody Allen prendesse vita davanti a voi? – afferma Pierpaolo De Mejo - rimarreste increduli dal fiume di risate che vi farebbe fare. Ma anche dai suoi pensieri sul Cinema, sull'Amore, sulla vita. Chiamatemi Woody è lo spettacolo che andrà in scena dal 9 al 14 gennaio al Teatro Lo Spazio di Roma, per la regia di Pierpaolo De Mejo, con interpreti lo stesso De Mejo e Olivia Cordsen, accompagnati dal musicista Valerio Cosmai. Dagli esordi del giovane “sfigato di città” di Brooklyn fino al successo conclamato. Tra un pensiero e l'altro, ecco susseguirsi i monologhi e i dialoghi teatrali e cinematografici che lo hanno reso celebre. C'è anche Humphrey Bogart a rimproverarlo e a insegnargli come ci si comporta con le donne: lui si che sapeva trattare col genere femminile in Casablanca, mentre il nostro Woody le fa scappare tutte. Buffo, irriverente, politicamente scorretto, Woody ha saputo smitizzare la società newyorkese attraverso le sue freddure. Come quando si mise una pallottola nel taschino, un tale gli lanciò una bibbia contro e il proiettile gli salvò la vita. O quando venne investito da un auto con una ruota a terra spinta da due persone. E ancora: lo sapevate che la psicanalisi è un mito tenuto in vita dall'industria dei divani?

Se Woody Allen si materializzasse davanti a voi per un'ora e un quarto, cosa accadrebbe? Che i dialoghi più esilaranti tratti dai suoi film, i suoi monologhi e le sue ciniche riflessioni sul Cinema e sulla vita prenderebbero forma, si accavallerebbero in un turbinio d'irresistibile comicità.

Lo spettacolo ripercorre la sua vita e la sua produzione artistica, offrendo un ritratto preciso e tagliente della società newyorkese dagli anni '50 a oggi”.

Ad accompagnare il racconto, brani d'oltreoceano eseguiti dal vivo e che hanno accompagnato intere generazioni (da Simon&Garfunkel ai Velvet Underground, i The Lovin’ Spoonful etc.). E non poteva mancare, ovviamente,... il jazz!
---------------------------

TEATRO LO SPAZIO

DAL MARTEDI’ AL SABATO ORE 20.30, DOMENICA ORE 17

Biglietto euro 12 + 3 euro tessera trimestrale. Ridotto euro 9 + 3 euro tessera trimestrale




Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide