Passa ai contenuti principali

Al Teatro Carcano di Milano un cast di primi attori per una BISBETICA DOMATA tutta da ridere


Una commedia tutta da ridere, piena di atrocità e strani rapporti, di amore e interesse, finzione e travestimento. Sulla scia della consolidata tradizione dell’epoca del Bardo, l’allestimento diretto da Andrea Chiodi assegna l’interpretazione dei vari personaggi ad un cast tutto maschile.

Una bella scommessa che Chiodi, regista talentuoso e di solida formazione, non ancora quarantenne, ha affrontato insieme ad un eccellente gruppo di otto attori. Un ensemble di primi attori formato da Tindaro Granata (Premio Ubu 2016 per Geppetto e Geppetto), Christian La Rosa (miglior attore 2017 per l’Associazione Nazionale Critici di Teatro e tra i finalisti al Premio Ubu 2017), Angelo Di Genio (premio Ubu 2011 insieme a tutto il cast di History boys), Igor Horvat e Massimiliano Zampetti. Completano il cast tre giovani interpreti freschi di diploma: Ugo Fiore e Walter Rizzuto della Scuola del Piccolo Teatro di Milano e Rocco Schira della Scuola Dimitri di Verscio.

Lo spettacolo ha debuttato il 19 dicembre 2017 alla Sala Teatro LAC di Lugano.

La bisbetica domata - o addomesticata come si tradurrebbe alla lettera - è una delle prime commedie di Shakespeare, la più contorta forse, la più discussa. Una commedia che suo malgrado ci fa ridere perché piena di atrocità e di strani rapporti, dove l’amore non è solo amore ma interesse, dove la finzione è uno dei primi ingredienti già dopo due pagine di testo, insomma una sfida complessa che ci ha portato a scegliere il gioco elisabettiano del travestimento, perché in fondo i rapporti sono così falsati, così poco naturali che solo una stranezza quasi animalesca poteva rendere bene l’idea di cuori “selvatici”, appunto da addomesticare.

Ma siamo certi che sia solo il cuore di Caterina, la bisbetica, a dover essere domato? Non è forse la società con i suoi stereotipi a vedere nel diverso una stranezza da ricondurre alla normalità? Non è forse vero, come già sapevano bene gli antichi greci, che per salvarsi è necessario un passaggio dalla sofferenza? Non accade proprio questo a Caterina? E allora l’amore di Caterina per Petruccio non sarà forse un vero amore? Queste le domande che ci siamo posti, e mi è sembrato interessante poter analizzare tutto questo sottotesto presente all’interno di un perfetto ritmo da commedia come solo Shakespeare sa fare (Dalle note di regia).
------------------------------------

Al Teatro Carcano di Milano da mercoledì 7 a domenica 18 febbraio 2018

LA BISBETICA DOMATA

di William Shakespeare

Adattamento e traduzione Angela Demattè

Regia Andrea Chiodi

Con (in ordine alfabetico) Angelo Di Genio, Ugo Fiore, Tindaro Granata, Igor Horvat, Christian La Rosa, Walter Rizzuto, Rocco Schira, Massimiliano Zampetti

Scene Matteo Patrucco - Costumi Ilaria Ariemme - Musiche originali Zeno Gabaglio

Disegno luci Marco Grisa - Movement coach Marta Ciappina

Produzione LuganoInScena in coproduzione con LAC Lugano Arte e Cultura| Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano

Personaggi e interpreti Ostessa, Paggio (vestito da donna), Caterina Tindaro Granata; Smalizia, Petruccio Angelo Di Genio; Signore, Tranio, Giuseppe Christian La Rosa; Primo cacciatore, Gremio, Nicola, Vincenzo, sarto, vedova Igor Horvat; Bianca Rocco Schira; Battista, Grumio Massimiliano Zampetti; Secondo servo del Signore, Ortensio, Curtis, Pedante Walter Rizzuto; Primo servo del Signore, Lucenzio, Nataniele Ugo Fiore


DURATA: 2 ore (no intervallo)

ORARI: da martedì a giovedì e sabato ore 20,30 – venerdì ore 19,30 – domenica ore 16,00

PREZZI: poltronissima € 34,00 – balconata € 25,00 - ridotto over 65 € 22,00/18,00/17,00/14,50- ridotto under 26 € 15,00/13,50

PRENOTAZIONI: tel. 02 55181377 – 02 55181362

PREVENDITE ONLINE: www.ticketone.itwww.happyticket.itwww.vivaticket.it


TEATRO CARCANO – corso di Porta Romana, 63 – 20122 Milano -info@teatrocarcano.com – www.teatrocarcano.com

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide