Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

Teatro e solidarietà - il Cut di Cassino in trasferta ad Avezzano


Gli allievi del Centro Universitario Teatrale di Cassino parteciperanno a Le Giornate Marsicane della Solidarietà con una performance allegra e divertente: “dis-ABILITÀ IN SCENA. L'altra verità della fiaba di Cappuccetto Rosso, diversamente raccontata”. A salire sul palco il 15 dicembre saranno gli attori diversamente abili e normodotati del Cut che si esibiranno nella suggestiva cornice del Castello Orsini di Avezzano. L'appuntamento è inserito all'interno di un progetto di rete solidale che punta a dare risposte concrete ai bisogni sociali partendo dalla necessità di creare una sinergia tra più soggetti presenti sul territorio: il mondo della cultura, quello istituzionale, quello dell'associazionismo, quello del volontariato, quello dell'assistenzialismo.

IL CUT NEL SOCIALE – Da sempre attivo nel sociale e perfettamente allineato alla logica della sensibilizzazione attraverso le arti figurative, il Cut propone una performance diretta da Giorgio Mennoia e ideata dai partecipanti al laboratorio “disABILITÀ in teatro” dedicato non solo a chi è diversamente abile ma anche a chi vuole conoscere e apprendere le tecniche del teatro sociale. «È un'esperienza nuova e importante per molti degli allievi che sono alle prime armi con la recitazione – racconta il direttore artistico del Cut – ma anche per chi, più esperto e abituato a stare sul palco, avrà modo di confrontarsi con una nuova realtà artistica e di esibirsi davanti un pubblico pressoché sconosciuto».

LA PERFORMANCE – Lo spettacolo rappresenta una rivisitazione di Cappuccetto Rosso che segue il viaggio di un'intervistatrice alla ricerca della verità della favola. Tanti i personaggi, classici e nuovi, così come sono tanti i riferimenti alla realtà contemporanea, al mondo dei social, al desiderio di fama e notorietà, alla forza attrattiva della tv. «Gli allievi del Cut accompagnati dagli operatori presenti durante tutto il percorso formativo al Manzoni si esibiranno nel castello di Avezzano venerdì 15 dicembre alle ore 11:30 – spiega il responsabile organizzativo Marco Mattei – durante la penultima delle sei Giornate Marsicane della Solidarietà ».

Commenti