Passa ai contenuti principali

In primo piano

NASCE L' ASSOCIAZIONE STEFANO D'ORAZIO

                                                           Ad un anno dalla scomparsa di uno dei più amati artisti italiani   NASCE L’ASSOCIAZIONE STEFANO D’ORAZIO   UN PROGETTO RIVOLTO A GIOVANI ARTISTI DI TALENTO   «Vorrei poter contribuire ad accendere degli entusiasmi e delle attenzioni verso qualcuno che meriti una storia di successo fortunata come la mia» Stefano D’Orazio     Ad un anno dalla scomparsa di un grande artista, che insieme ai Pooh ha fatto la storia della musica italiana nasce l’Associazione Stefano D’Orazio, un progetto rivolto a giovani artisti di talento. Lo scopo dell’Associazione è quello costituire un polo di eccellenza nel settore artistico-musicale-imprenditoriale, un’accademia di alta formazione professionale ed imprenditoriale per giovani artisti, quale strumento di integrazione sociale e culturale, con potenziale innovativo e di crescita per il sistema economico, occupazionale e sociale. Associazione Stefano D’Orazio si pone come obiettivo quello di organi

IL CLUB DELLE VEDOVE


Ancora un dubbio esistenziale: crogiolarsi nel rimpianto o riaffacciarsi alla vita? Fingere buonismo o sfogare vecchi rancori? Tre amiche di vecchia data si confortano e confrontano, spettegolando su un’altra amica, quella che si risposa sempre. Sentimenti buoni e cattivi alla fine vengono mediati. Almeno fino a che a creare scompiglio non arriva… un vedovo. Perché amore e attrazione non hanno età. Una splendida fotografia di una fase della vita spesso oscurata, che vibra invece ancora di emozioni. Dal 19 dicembre al 7 gennaio. 

Il 31 dicembre, Speciale Capodanno con spettacolo anticipato alle 20, quindi brindisi e piccolo buffet in compagnia di attori e autori (40 euro).

Amicizie antiche e nuovi amori, annullamento e riscossa, accondiscendenza e intransigenza, devozione e ribellione… la terza età è tutto fuorché la tomba dei sentimenti. Lo insegna la commedia delle Feste, che ci regala un ritratto –un po’ dolce e un po’ amaro- di un’età che spesso trascuriamo od oscuriamo e che invece grida inascoltata la sua voglia di vivere. Ancora e di nuovo. Quattro amiche di lunga data, tre vedove e una ex-vedova seriale (che si risposa in continuazione), si ritrovano e si abbandonano ai ricordi, risvegliando una sfera di emozioni sopite o mai svelate, che danno vita a un vivace confronto. Emerge il bisogno, nel dolore più che mai, di sostenersi a vicenda ma senza mortificare le singole personalità, diversissime l’una dall’altra. Tutti i santi, insomma, paiono finire in gloria ma… un elegante e fascinoso galantuomo scatenerà il caos e rimetterà tutto in discussione. Vivere nel rimpianto o tornare a vivere una nuova vita? La domanda è sempre quella: essere o non essere?

IL CLUB DELLE VEDOVE è una commedia di Ivan Menchell, diretta e adattata da Silvio Giordani, con Caterina Costantini (Camilla), Lorenza Guerrieri (Dora), Marina Occhiena (Ada), Lucia Ricalzone (Samantha) e Alberto Mancini (Carlo). Produzione Planet Production.

Aiuto Regia Vita Rosati, Scene Vera Roman, Costumi G&P Roma, Musiche Eugenio Tassitano.

Tre vedove si riuniscono per rimpiangere insieme i propri mariti. Invece del tè coi pasticcini o dello shopping, organizzano spedizioni al cimitero. Molto divertenti però, perché il carattere delle tre donne è nonostante tutto allegro. Insieme ridono, chiacchierano e… spettegolano. Soprattutto di quella quarta amica, Samantha, che nel loro club non può entrare perché si risposa in continuazione. Lungi dal cedere alle lacrime, Camilla, Dora e Ada formano un sodalizio perfetto, il cui equilibrio verrà però spezzato dall’arrivo di un vedovo. La componente maschile non è contemplata nell’allegro trio, se poi il galantuomo si mette pure a corteggiare! Questa love story non s’ha da fare.
-------------------------

Info e prenotazioni:

TEATRO/CINEMA MARTINITT

Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10 - Parcheggio gratuito.

Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.

Biglietteria: lunedì 17.30-20, martedì-sabato 10-20, domenica 14-20. Ingresso: 22 euro, ridotto 16 euro.

Commenti