Passa ai contenuti principali

Dal 9 novembre parte la “Scuola di Attori” patrocinata dal CRUL nella struttura di Giardino di Roma


Il Centro Universitario Teatrale dell'UNICAS - Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale - avvia un'accademia di arte drammatica a Roma presso il Piccolo Teatro San Pio a partire dal 9 novembre. La “Scuola di Attori” del CUT arriva nel quartiere Giardino di Roma della capitale e punta a formare allievi con un'età superiore ai 14 anni all'arte del teatro attraverso un corso annuale declinato in tredici materie e affidato a un corpo docente di livello.

PROGETTO IN RETE – L'obiettivo a più ampio raggio del CUT è quello di riuscire a creare un circuito tra strutture diverse in tutto il Lazio che abbia come base fondante le arti sceniche e come fine ultimo la costruzione di una rassegna teatrale a più voci. «Questo progetto in rete prende forma con la collaborazione annuale con il Piccolo Teatro San Pio e punta ad allargarsi nel prossimo futuro ad altre realtà ben inserite e attive nei territori della regione – spiega il responsabile organizzativo del CUT Marco Mattei – grazie al sostegno e al patrocinio del CRUL il Comitato di Coordinamento delle Università del Lazio».

OFFERTA DIDATTICA – Il corso annuale partirà suddiviso in tredici materie con cadenza settimanale, le lezioni avranno luogo ogni giovedì in tre fasce orarie, dalle ore 17,00 fino alle 23,00. «L'offerta didattica del CUT vuole essere completa e in grado di proporre una reale possibilità di crescita formativa agli aspiranti attori – racconta il direttore artistico Giorgio Mennoia – concludendo l'anno accademico con un saggio spettacolo nella prossima estate». Gli allievi avranno la possibilità di studiare dizione, fonazione, respirazione diaframmatica ed impostazione della voce, ma anche educazione all’uso della voce e dell’azione. La comunicazione avrà quindi un ruolo di primo piano nel programma del CUT, declinata in tutti i suoi aspetti. Verrà affrontata dalla classe docente sia la recitazione teatrale che quella cinematografica, con particolare attenzione all'interpretazione tragica, brillante e comica, all'improvvisazione e allo sviluppo della creatività, ai ritmi della recitazione e all'uso dello spazio. Non mancheranno lezioni dedicate alla disinibizione e al superamento della paura del giudizio del pubblico ma anche alla ricerca delle proprie potenzialità espressive. Inoltre il pacchetto didattico includerà lezioni di regia teatrale, elementi di scenografia e metodi e teorie della recitazione nel teatro del Novecento.

APPUNTAMENTO IN TEATRO – Giovedì 9 novembre ci sarà la presentazione dell'intero programma accademico e dei docenti alle ore 17,00 e, a seguire, la prima lezione dimostrativa aperta a tutti presso la sede del teatro in via Paolo Stoppa 10, a sud di Roma. Quella del Piccolo Teatro di San Pio è una giovane realtà artistica nata nel settembre del 2014 e affidata alla direzione artistica di Alessia Di Benedetto e Francesco De Filippo. In questi tre anni è stata sempre attiva sul territorio che si estende alle porte di Roma fino al litorale laziale, rivolgendosi sia agli adulti che ai bambini con corsi di recitazione e spettacoli dal vivo. Il Piccola Teatro San Pio in collaborazione con il CUT dell'UNICAS punta ora a rendere più intensa, efficace e strutturata l'offerta didattica proposta al pubblico romano.


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol