Passa ai contenuti principali

Cara Professoressa - di Ljudmila Razumovskaja


TEATRO SALA VIGNOLI
presenta

Cara Professoressa

di Ljudmila Razumovskaja

traduzione di Valerio Piccolo
adattamento di Francesca Zanni

regia di Andrea Bizzarri


Compagnia teatrale Esagera

con Crescenza Guarnieri, Federico Bizzarri, Federico Inganni, Giovanni Nasta, Francesca Verrelli

17-18-19 novembre 2017

Il Teatro Sala Vignoli apre la sua seconda stagione il 17, 18 e 19 novembre 2017 con lo spettacolo Cara Professoressa.

“Cara professoressa” è una vera e propria bomba ad orologeria. Inizia con tutte le prerogative del più comune dramma borghese, di una di quelle pièce imbellettate e flaccide, per poi attivare il conto alla rovescia che porta all’esplosione finale.

E’ un viaggio dall’esterno verso l’interno.

Quattro ragazzi dal viso pulito, in visita dalla loro più cara professoressa, entrano intimiditi e rispettosi, con un regalo di gran lusso, per poi trasformare la casa in un campo di battaglia fatto di colpi bassi, staffilate, parole arcigne, sguardi biechi e frasi scabrose dette in punta di fioretto.
Affascinanti sono le relazioni che si intersecano fra i quattro ognuno rappresentativo di una tipologia di studente, e la donna, insegnante dedita e passionale, amante del proprio lavoro. Come sono cresciuti questi ragazzi? Cosa, la professoressa, è riuscita a trasmettere loro? Princìpi, ideali e nozioni, sicuramente. Sullo sfondo un gap generazionale difficile da colmare, la sensazione, da parte della professoressa, di non essere stata capace di far comprendere la vera finalità delle sue lezioni: la costruzione di una coscienza critica e la conoscenza degli strumenti utili per affrontare il mondo fuori delle mura scolastiche. Fare, insomma, di questi quattro alunni, quattro individui onesti e leali, che contribuiscano a rendere civile la società in cui vivono. Uno spettacolo che terrà tutti incollati alle poltrone, soprattutto studenti e insegnanti che si potranno riconoscere in questo o quel personaggio, ma tutti saranno rapiti dalle dinamiche dell’opera, dai continui colpi di scena e dalla sua evoluzione inarrestabile. I migliori ingredienti per uno spettacolo esplosivo.

Progetto “Nuova Compagnia dei Giovani” di Marco Cavallaro.

Dopo 20 anni nasce il sogno della “Nuova Compagnia dei Giovani”, un teatro fatto di giovani (ben l’80% della compagnia è formato da personale under 30) per un pubblico giovane e non solo. La scelta de testi da rappresentare sarà rivolta sì più ad un pubblico giovane, per contenuti, scelta di linguaggio e messa in scena, senza però tradire la tradizione e il modo “buono” di fare teatro. Un teatro che avvicina i giovani e racconta di loro…e come debutto non si poteva scegliere testo migliore.

In bocca al lupo a tutta la compagnia e un caloroso grazie a tutto il pubblico che ci sarà.


Marco Cavallaro
-------------------

Cara Professoressa

di Ljudmila Razumovskaja

17-18-19 novembre 2017

traduzione di Valerio Piccolo

adattamento di Francesca Zanni


Compagnia teatrale Esagera

con Crescenza Guarnieri, Federico Bizzarri, Federico Inganni, Giovanni Nasta, Francesca Verrelli

regia di Andrea Bizzarri

aiuto regia Alida Sacoor

scene Lollo Zollo Art

costumi Marco Maria Della Vecchia

luci fonica Emilio Caro

macchinista Ruslan Bardetskyi

promozione Anna Maria Treglia

produzione esecutiva Lisa Bizzotto

trasporti Esagera



Nuova Compagnia dei Giovani è un progetto di Marco Cavallaro


Teatro Sala Vignoli

Via Bartolomeo D’Alviano, 1

17-18-19 novembre 2017

Venerdì e sabato ore 21.00

Domenica ore 16.30

Biglietti: Intero 15,00 euro - Ridotto 12,00 euro

Tessera associazione euro 3,00

Cell: 3711627502

Biglietteria www.etes.it

www.teatrosalavignoli.it

teatrosalavignoli@gmail.com



Campagna Abbonamenti

Abbonamento a 10 spettacoli escluso Edda Ciano

95 euro + tessera

se ti abboni entro il 31 ottobre 2017 85 euro + tessera

Abbonamento a 6 spettacoli a scelta escluso Edda Ciano

60 euro + tessera.

Particolari convenzioni e ridotti con Cral e Associazioni contattando

teatrosalavignoli@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol