Passa ai contenuti principali

ArleChino: traduttore e traditore di due padroni

Foto Ilaria Costanzo


Dall’1 al 3 dicembre 2017 – Teatro Verdi, Milano


Shi Yang Shi
in

ArleChino: traduttore e traditore di due padroni


(Tong Men – G) 铜门同梦

di Cristina Pezzoli e Shi Yang Shi
regia Cristina Pezzoli
assistente alla regia Luca Orsini
scene e costumi Rosanna Monti
clown coach Rosa Masciopinto

riallestimento messa in scena Andrea Lisco
assistente al riallestimento scenico Ludovico D’Agostino
assistente comunicazione cinese Serena Lin
organizzazione Sara Novarese
produzione Compost in collaborazione con C.M.C / Nido di ragno

A distanza di 4 anni dalla tragedia del 1° dicembre 2013, in cui sette operai cinesi persero la vita in un pronto moda di Prato, Shi Yang Shi torna in scena con “ArleChino: traduttore e traditore di due padroni” per la regia di Cristina Pezzoli. Lo spettacolo, vincitore del Premio Teatro Nudo Noh’ma Teresa Pomodoro, sarà in scena al Teatro Verdi di Milano 1/2 dicembre (ore 20.30) e 3 dicembre (ore 16.30).

Lo spettacolo racconta la storia di Yang, nato a Jinan, nel Nord della Cina, nel 1979.
A 11 anni è arrivato in Italia insieme alla madre: è stato lavapiatti, venditore ambulante di erbe e unguenti cinesi sulle spiagge, studente bocconiano, traduttore simultaneo per ministri, imprenditori e registi internazionali di cinema; attore di teatro, tv e cinema, inviato speciale de “Le Iene”.
Yang è un cinese alto 189 cm, Yang è un cinese bello, Yang non sa chi è.
Come molti ragazzi di seconda generazione conosce poco sia la storia della sua ‘vecchia patria’ che della nuova; è abitato da brandelli e macerie di identità e culture, ma obbligato a trovare nuovi equilibri e sintesi tra la cultura del luogo in cui è nato e quella di dove è cresciuto. “Sono cinese perché nato in Cina o Italiano perché cresciuto in Italia?”

Attraverso le vite dei suoi antenati, Yang ha fatto un viaggio alla ricerca delle sue origini e ha avuto modo di conoscere da vicino alcuni momenti della grande storia del suo paese di origine. Grazie alle memorie raccolte dai parenti che vivono ancora in Cina, registrate e tradotte, ha preso corpo il “libro degli antenati”: la trisavola materna, i bisnonni paterni, il nonno materno e il padre. Le loro vite attraverso la guerra civile in Cina tra nazionalisti e comunisti, l’invasione giapponese, la rivoluzione culturale di Mao fino ad arrivare agli anni Ottanta con la morte di Zhang Cheng – “Sincerità” – lo zio materno down che chiude la prima parte della storia.

Nella seconda parte lo spettacolo racconta la “riprogrammazione culturale” di Yang avvenuta a partire dal 1990, quando a 11 anni arriva in Italia insieme alla madre, mostrando le contraddizioni, le possibilità, il precario equilibrio della condizione di uomo orientale/occidentale che vive in Italia da oltre 20 anni e che dal 2006 è cittadino italiano.

L’ultimo capitolo dello spettacolo prende inizio da un video e da una data: 1 dicembre 2013, giorno in cui a Prato scoppia un incendio in una fabbrica cinese e sette operai che ci dormivano dentro, muoiono carbonizzati. Un terribile episodio che si è purtroppo ripetuto il 26 agosto 2017 quando altri due operai cinesi muoiono nel rogo di una mansarda – laboratorio.

Questo è il primo spettacolo prodotto in Italia con un protagonista di origine cinese; è in doppia lingua e rivolto ad un pubblico misto. Oltre alle repliche al Teatro Verdi lo spettacolo sarà il 15 dicembre a Savigliano (CN).

In questi giorni è uscito il libro di Yang intitolato “CUORE DI SETA - la mia storia italiana made in China”, edito da Mondadori. Sabato 2 dicembre alle ore l8 il libro verrà presentato nel foyer del Teatro Verdi (segue bicchierata).
---------------------------------------------------------

TEATRO VERDI MILANO, via Pastrengo 16


Info e prenotazioni:

02 6880038 prenotazioni@teatrodelburatto.it

da martedì a venerdì dalle 15.00 alle 18.30 e solo nei giorni di spettacolo dalle 18.30 alle 20.30
sabato dalle 17.00 alle 20.30 (solo nei giorni di spettacolo)
domenica dalle 14.00 alle 16.30 (solo nei giorni di spettacolo)



Prezzi:

da 20€ a 10€

Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di