Passa ai contenuti principali

Niente Panico - Vaneggiamenti di un patafisico involontario




La logica vi porterà da A a B.
L’immaginazione vi porterà dappertutto.
(Albert Einstein)

Il Teatro Kopó presenta Niente Panico di e con Luca Avagliano per KanterStrasse, in scena dal 6 all’8 di ottobre, venerdì e sabato alle 21, domenica doppia replica alle 17 e alle 21.
La fine di un amore può far precipitare la mente in un caos abissale. Il protagonista di Niente Panico ci porterà a casa sua e, con indosso un pigiama, ci parlerà di sé. La pièce d’apertura del Kopó è uno splendido monologo sull’amore, sulla vita, sul significato della realtà quando essa incomincia a sbriciolarsi sotto i nostri occhi. Grazie alla maestria di Luca Avagliano, unico protagonista in scena, potremo ridere e riflettere su noi stessi e sui mali del nostro tempo. Il protagonista si è sentito dire dalla propria donna “Facciamola finita, ammettiamolo, non abbiamo più un futuro!”. 

Sono proprio queste parole a spalancare le porte del Dubbio. Che valore può avere un presente senza futuro? Schiacciati dal peso di un’esistenza fragile, non possiamo che sentirci smarriti, senza punti di riferimento, in preda al Panico. Eppure, il senso della propria esistenza il nostro l’ha cercato ovunque, negli angoli della casa che lo imprigiona, perfino dietro la lavastoviglie! E se stesse solo rifiutando l’idea di crescere, di diventare finalmente un uomo? Un altro dubbio tuttavia lo assale, come in vortice senza fine: dovrebbe forse rinunciare al fanciullo che ha dentro? Se è così, crescere significa abbandonare il proprio Estro. Al centro di un dilemma che vede contrapporsi realtà e immaginazione, uno si domanda quale sia la Verità. In un logico non-sense, viene da chiedersi se la verità è vera oppure se ciò che consideriamo vero è nient’altro che il frutto di ciò che noi crediamo essere vero. Perfino l’implacabile legge della fisica in base alla quale gli opposti si attraggono sembra contraddirsi, poiché lui e Mirella, la sua amata, sono perfettamente antitetici. In fondo, lui si rifugia nell’immaginazione poiché ha paura del mondo, di sé e degli altri. È un ‘patafisico’ involontario che adotta la ‘scienza della soluzioni immaginarie’, come strategia di sopravvivenza.
-------------------

Teatro Kopó

Via Vestricio Spurinna, 47/49

00175 Roma

Metro A Numidio Quadrato

Tel.: (06) 45650052

Website: www.teatrokopo.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol