Passa ai contenuti principali

Letteratura - Claudia Conte racconta “Il vino e le rose” agli attori del Cut


Lunedì 23 ottobre incontro-dibattito con la scrittrice cassinese al Teatro Manzoni

La “Scuola di Attori” del Cut di Cassino incontra la giovane scrittrice e attrice Claudia Conte inaugurando così la serie di appuntamenti con artisti prevista per l'intera stagione artistica 2017/2018 al Teatro Manzoni. L'autrice presenterà lunedì 23 ottobre alle ore 19 la sua ultima opera letteraria “Il vino e le rose”raccontando quell'eterna sfida tra il bene e il male che da sempre condiziona e determina la vita dell'uomo attraverso la storia di tre donne.

IL ROMANZO – “Cosa mi aspetta? Cosa potrà offrirmi questo mondo così strano, fatto di mille fiori e colori?” con questi interrogativi il lettore inizia il suo viaggio attraverso la storia di tre amiche in costante ricerca del proprio equilibrio interiore. Irene, Luisa ed Eva affrontano le loro fragilità dall’infanzia all’età adulta trasformandole in punti di forza, seguendo il loro sentire senza farsi trascinare in scelte che la società spesso impone. L'incertezza del futuro, l'assenza di punti di riferimento e il forte individualismo – denominatore comune tra le protagoniste e ognuno di noi – rappresentano prove che formano le nostre anime e che, se superate, permettono di vivere più consapevolmente dando il giusto valore alle singole cose.

L'AUTRICE – Dopo la pubblicazione del primo romanzo “Soffi vitali. Quando il cuore ricomincia a battere” nel 2014, Claudia Conte riprende a dedicarsi alla scrittura con l'uscita nello scorso maggio de “Il vino e le rose” per Armando Curcio Editore. Nonostante la giovane età, l'autrice classe 92 ha alle spalle tournée teatrali ispirate ai grandi classici, da Aristofane a Shakespeare, da Goldoni a Čechov, ma anche importanti esperienze cinematografiche e televisive. Torna nella sua città natale reduce da una stagione estiva che l'ha vista accanto a Mariano Rigillo nello spettacolo “Eros italiano” e dalle riprese de “La Casalese” di Antonella D'Agostino e “Due e mezzo” di Riccardo Ferrero con MariaGrazia Cucinotta, mentre ora è impegnata nello spettacolo di Valerio Massimo Manfredi “Ulisse. Il mio nome è Nessuno”.

INCONTRO-DIBATTITO – L'appuntamento al Manzoni del Centro Universitario Teatrale di Cassino sarà presentato dalla giornalista Rita Cacciami e avrà come ospite l'attore di cinema e fiction televisive Vincenzo Soriano e l'assessore alla Cultura Nora Noury. «Sono sempre felice di tornare a Cassino – racconta Claudia Conte che vive a Roma ormai da sette anni – perché qui, dove ho gli affetti più cari, è iniziato tutto: la mia passione per i grandi classici e il teatro e soprattutto la mia formazione letteraria e artistica». L'evento, con il patrocinio dell'UNICAS e del Comune di Cassino, inizierà con delle letture tratte dal saggio-romanzo da parte degli allievi del Cut, cui seguirà un dibattito aperto con l'autrice. «Quello del 23 ottobre sarà il primo di una serie di incontri con personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo del panorama nazionale – spiega il direttore artistico del Cut Giorgio Mennoia – che si ripeterà in maniera cadenzata nel corso della stagione teatrale fino a luglio 2018».

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide