Passa ai contenuti principali

La squadra di Nicola Pietrangeli vince "la Sfida" per il CIR


La premiazione di Manila Flamini e Giorgio Minisini, la coppia azzurra delle Fiamme Oro, vincitrice dell’oro nel nuoto sincronizzato ai recenti mondiali di Budapest con la coreografia “Lampedusa”, da parte del ministro dell'interno Marco Minniti che ha consegnato il premio “Messaggeri di Umanità” del CIR, ha chiuso nel modo più significativo la prima edizione de "La Sfida", due giorni di sport e solidarietà voluti dal Consiglio Italiano per i Rifugiati, presieduto da Roberto Zaccaria, a sostegno delle attività in favore dei soggetti vulnerabili, vittime di tratta e di torture. Ha condotto l’evento Tiberio Timperi.

Un evento benefico che ha visto decine di campioni dello sport e personaggi del mondo dello spettacolo e della comunicazione sfidarsi sui campi da tennis del prestigioso Circolo Canottieri Aniene di Roma, raccogliendo fondi per l'attività del CIR. Divisi in due squadre, capitanate da Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta, sono scesi in campo, tra gli altri, Giovanni Malagò, Monica Guerritore, Neri Marcorè, Paolo Bonolis, Sandro Veronesi, Margherita Buy, Luca Lucini, Giovanni Veronesi, Nicola Giuliano, Francesco Patierno, Domenico Procacci, Massimo Wertmuller, Ninni Bruschetta. I giornalisti, Valentina Bendicenti, Andrea Vianello, Donato Bendicenti, Stefano Ziantoni, Antonello Valentini e Leonardo Metalli.

Dopo una quarantina di match, in finale si è imposta la formazione di Pietrangeli grazie all'ex Davis man Vincenzo Santopadre che in coppia con la vincitrice del Roland Garros di doppio Mara Santangelo ha battuto la coppia Panatta-Valentina Bendicenti.


Il Consiglio Italiano per i Rifugiati è un’organizzazione umanitaria indipendente costituitasi nel 1990 su iniziativa delle Nazioni Unite. Il CIR lavora per favorire l’accesso alla protezione delle persone che fuggono da guerre e persecuzioni e per contribuire a costruire condizioni di accoglienza e integrazione dignitose, nel pieno rispetto dei diritti umani. È una Onlus, con una struttura leggera di operatori legali, sociali, mediatori culturali, medici e psicologi. In più di 25 anni il CIR ha assistito oltre 120 mila persone, ha contribuito a riabilitare circa 4 mila vittime di tortura e si è battuto per il riconoscimento dei loro diritti.








Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol