Passa ai contenuti principali

AL TEATRO SAN GENESIO DEBUTTA “L’ULTIMA ESECUZIONE” DI FABIO SALVATI



DAL 18 AL 22 OTTOBRE 2017

REGIA DI DANIELA COPPOLA.

AL CENTRO DELLA COMMEDIA UN TEMA DI GRANDE ATTUALITA’ COMEQUELLO DEGLI SFRATTI RACCONTATO CON COMICITA’ E POESIA DA FABIO SALVATI

Va in scena al Teatro San Genesio dal 18 al 22 ottobre L’ULTIMA ESECUZIONE, il nuovo spettacolo firmato da Fabio Salvati con la regia di Daniela Coppola. Con, in ordine di apparizione: Vincenzo Marano, Luciano Ciamillo, Annarita Mannozzi, Alessandro Bevilacqua, Elena Salvati, Valentino Pucciarelli, Alessandro Bonì. Regia Daniela Coppola, coadiuvata da Veronica Matrisciano(ass.regia, fotografia e grafica), Sonia Gallo (ass.scena), Riccardo Polimeni(scenografia) e Andrea Catalini(luci e audio).

Sul pianerottolo di un palazzo della periferia romana si deve eseguire uno sfratto: convergono all’appuntamento l’ufficiale giudiziario e il rappresentante di una banca milanese, nuova proprietaria dello stabile. La destinataria dello sfratto non sembra in casa, ma da dietro la porta si sente il pianto e la voce di un bambino piccolo. Sopraggiunge anche un giovane medico che deve presiedere allo sfratto per legge, come ausiliario. Sul pianerottolo, incuriositi, si aggiungono altri inquilini dello stabile, tutti prossimi destinatari degli sfratti programmati dalla nuova proprietà. La circostanza accende gli animi dei presenti, catalizzando l’ostilità verso il rappresentante della proprietà intervenuto a quella esecuzione. Uno scombinato professore di filosofia approfitta di quell’assembramento sul suo pianerottolo per sciorinare un’orazione sovversiva. La porta si aprirà, ma le sorprese non mancheranno. Una piccola vicenda moderna, tutta declinata al comico, per raccontare le asperità di questi tempi in cui non c’è più nessuna attenzione verso chi non riesce a evadere dai debiti e dal bisogno.

“Un piccolo quadretto di una vicenda urbana - afferma la regista Daniela Coppola - per raccontare questi tempi in cui lo smantellamento di ogni valore o categoria umana, per mano del Mercato, è avvenuto senza nessun ostacolo. Ne L'ultima esecuzione- commedia inedita di Fabio Salvati - il tema dell’arroganza del potere viene affrontato in tutte le sue componenti: il pretesto narrativoè lo sfratto di un appartamento occupato da una giovane madre che- nello sfinimento di un mutuo non più sostenibile- ha perso il passo dei suoi debiti e in definitiva della stessa realtà. Gli spalti affollati e tutto sommato ancora solidali del circostante non restano impassibili, ma approntano una empirica resistenza, insorgendo ognuno con i propri strumenti”.
----------------------------------------------------

Teatro San Genesio - via Podgora 1 (rione Prati-Delle Vittorie)

dal 18 al 21 ottobre ore 21.00 - domenica 22 ottobre ore 18.00




biglietto intero euro 15.00 -

biglietto ridotto euro 12.00 (bambini fino a 14 anni, gruppi oltre 10 persone)

info e prenotazioni: tel 329.7812476 - 06.3223432 infolalberodellaneve@gmail.com -



www.lalberodellaneve.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol