Passa ai contenuti principali

Teatro Kopò Roma - Stagione 2017-2018


Il nuovo Cartellone del Teatro Kopó Roma lascerà un segno profondo nella coscienza degli spettatori. La Stagione 2017-2018, grazie a 10 imperdibili spettacoli, getterà luce sugli aspetti più inquietanti del nostro tempo. 

Ossessioni, manie, nevrosi, alimentate dall’acuirsi di problemi sociali giganteschi come la precarietà lavorativa, le diseguaglianze sociali, la guerra, la violenza contro le donne, irromperanno sulla scena. Col pubblico si condivideranno temi di grande attualità che pure vogliamo ignorare nella nostra vita quotidiana. 

Alla base delle scelte artistiche della direzione, affidata a Francesca Epifani, c’è la ferma volontà di portare avanti l’idea del teatro come centro di aggregazione – un progetto ambizioso in un’epoca contrassegnata invece dalla frammentazione – e ancor più come luogo deputato alla riflessione. 

Il Teatro Kopó Roma consolida il proprio profilo di spazio artistico aperto alla sperimentazione e al rinnovamento della cultura teatrale italiana. Utilizzando una varietà impressionante di registri stilistici e generi teatrali, il palco si popolerà di un’umanità problematica e divertente, folle proprio perché ‘ordinaria’, multiforme nonostante l’imperativo categorico ad uniformarsi. 

Gli spettacoli sono il frutto del duro lavoro di artisti giovani e talentuosi, provenienti da tutta Italia, che devono essere valorizzati, per portare nuova linfa in un settore ripiegato su stesso e influenzato da logiche economiche e politiche avverse all’autonomia del campo culturale. Le dieci Compagnie in gioco hanno suscitato l’entusiasmo del pubblico e ottenuto premi e riconoscimenti. Il Kopó può dirsi dunque orgoglioso di sostenere questa new wave artistica che, nonostante la perdurante crisi economica e sociale, intercetta la vitalità delle nuove culture dei giovani e delle donne.

La stagione inizia con Niente Panico, di e con Luca Avagliano, in scena dal 6 all’8 di Ottobre. Si continua con Letizia va alla guerra, dal 20 al 22 ottobre, di Agnese Fallongo, con Agnese Fallongo e Tiziano Caputo. A seguire Coccodrillo di e con Massimiliano Mastroeni, in scena dal 24 al 26 novembre. Chiude il 2017, Nevrotikadi e con Fabiana Fazio, Valeria Frallicciardi e Giulia Musciacco, in scena dal 15 al 17 dicembre. 

Il nuovo anno si apre con Il Bambolo di Irene Petra Zani con Flavia Germana de Lipsis, dal 12 al 14 gennaio. A seguire Santi, Balordi e Poveri Cristi di e con Giulia Angeloni e Flavia Ripa, dal 19 al 21 gennaio. Arriva poi Cca’ nisciun è fisso di Alessandra Faiella e Francesca Puglisi, con Francesca Puglisi, dal 16 al 18 febbraio. 

Ci sarà anche Antigone. Monologo per donna sola con Debora Benincasa per Anomalia Teatro, dal 2 al 4 marzo. Ed ancora lo spettacolo Il lavoro ai tempi della crisi di e con Mafe Bombi e Paolo Carenzo, dal 16 al 18 marzo. A chiudere la stagione Storie di ordinaria maternità di C. De Marte, Miriam Guinea, Maddalena Vantaggi, con Carmela De Marte e Emanuela Filippelli, in scena dal 13 al 15 aprile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol