Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

"LA SFIDA", Tennis e Paddle con Panatta, Pietrangeli e tanti personaggi in favore del CIR


IL 29 E 30 SETTEMBRE AL VIA "LA SFIDA" IL TORNEO DI TENNIS E PADDLE AL CIRCOLO CANOTTIERI ANIENE

CAPITANATE DA NICOLA PIETRANGELI E ADRIANO PANATTA, 2 SQUADRE DI PERSONAGGI NOTI SI AFFRONTERANNO

IN FAVORE DEL CIR

SABATO ALLE ORE 19.00 IL MINISTRO MARCO MINNITI PREMIERA’ I DUE ATLETI VINCITORI DEI MONDIALI DI NUOTO SINCRONIZZATO CON LA COREOGRAFIA "LAMPEDUSA"

“La Sfida”.

Venerdì 29 e sabato 30 settembre si svolgerà presso il Circolo Canottieri Aniene di Roma una gara di tennis e di paddle tra due squadre capitanate dai grandi campioni Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta e composte da personaggi noti del giornalismo e dello spettacolo che hanno accettato di sfidarsi per raccogliere fondi a favore del Consiglio Italiano per i Rifugiati per l’assistenza ai minori non accompagnati e alle vittime di violenza e tortura. Partecipano all’evento i più importanti circoli di tennis della capitale e sarà posta in palio la “CIRcoli storici’s CUP”.

Tanti i personaggi che hanno raccolto la sfida in favore del CIR: tra gli altri, Giovanni Malagò, Monica Guerritore, Neri Marcorè, Paolo Bonolis, Massimo Giletti, Sandro Veronesi, Margherita Buy, Giovanni Veronesi, Umberto Orsini, Massimo Wertmuller, Lucrezia Lante della Rovere, Ninni Bruschetta, Filippo Nigro. I giornalisti Antonello Valentini, Andrea Vianello, Jimmy Ghione, Niccolò Bellagamba, Valentina Bendicenti, Tiberio Timperi, Donato Bendicenti, Stefano Ziantoni, Alessandro Fabretti, Claudia Fusani. E ancora, Giancarlo Leone, Domenico Procacci, Nicola Giuliano, Roberto Di Russo, Luca Lucini, Francesco Patierno.

La premiazione.

Al termine de “La Sfida” il giorno 30 settembre alle ore 19.00, sulla terrazza del Circolo Canottieri Aniene, verrà consegnato dal Ministro dell’Interno Marco Minniti alla presenza del Presidente del CONI, Giovanni Malagò, un riconoscimento speciale del CIR-Rifugiati ai due atleti (Manila Flamini e Giorgio Minisini, entrambi appartenenti alle Fiamme Oro) vincitori della medaglia d’oro nei mondiali del nuoto sincronizzato a Budapest con una toccante coreografia intitolata “Lampedusa”. La Rai che offre il patrocinio dell’iniziativa, consentirà di rivedere la prestazione dei nostri atleti in un formato di altissima definizione e offrirà dimostrazione di alcuni prototipi in 4 K. Sarà presente anche il commissario tecnico Patrizia Giallombardo e l’autore della musica Michele Braga. A questo link è possibile vedere l’evento sportivo.

https://www.facebook.com/tg3rai/videos/10155524745033158/

Il Consiglio Italiano per i Rifugiati è un’organizzazione umanitaria indipendente costituitasi nel 1990 su iniziativa delle Nazioni Unite. Il CIR lavora per favorire l’accesso alla protezione delle persone che fuggono da guerre e persecuzioni e per contribuire a costruire condizioni di accoglienza e integrazione dignitose, nel pieno rispetto dei diritti umani. È una Onlus, con una struttura leggera di operatori legali, sociali, mediatori culturali, medici e psicologi. In più di 25 anni il CIR ha assistito oltre 120 mila persone, ha contribuito a riabilitare circa 4 mila vittime di tortura e si è battuto per il riconoscimento dei loro diritti.

Commenti