Passa ai contenuti principali

"LA LEZIONE a teatro" - progetto sul bullismo rivolto alle scuole


TEATRO IL CELEBRAZIONI

LA LEZIONE a teatro

Progetto sul bullismo di Emanuela Giordano rivolto alle scuole secondarie di primo grado
e di secondo grado.

Il Teatro Il Celebrazioni con il progetto LA LEZIONE a teatro intende aprirsi alle scuole secondarie di primo e di secondo grado della città metropolitana di Bologna con la messa in scena di una rappresentazione teatrale che ha l’obiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni sulla delicata tematica del bullismo.

Lo spettacolo multimediale LA LEZIONE a teatro, scritto e diretto da Emanuela Giordano e realizzato in collaborazione con Enfi Teatro, andrà in scena nelle mattine di giovedì 26 ottobre, martedì 7 novembre e venerdì 18 novembre, alle ore 11.00 (altre repliche sono ancora da definire). Nei matinée proposti gli studenti avranno la possibilità di riflettere sulle dinamiche di questo diffuso fenomeno comprendendone le cause e le conseguenze. Nel mese di luglio 2017, per la realizzazione dello spettacolo, è stato indetto un casting rivolto ad attori professionisti domiciliati a Bologna e provincia che ha portato alla selezione, tra più di 200 curricula pervenuti, di 30 candidati. Tra questi, i 4 attori finalisti verranno selezionati, in presenza della regista e dei produttori, presso il Teatro Il Celebrazioni nelle giornate del 25 e del 26 settembre 2017.

LA LEZIONE a teatro ha come tema il bullismo, fenomeno spesso confuso mediaticamente con altri, come il teppismo, il vandalismo, lo squadrismo delle tifoserie. È da questa realtà sociale che siamo partiti ad indagare, ma, non volendo rischiare di offrire l’ennesimo palcoscenico dove esibire raccapriccianti bravate, atti di confusa e narcisistica immaturità, abbiamo provato a spingerci oltre. LA LEZIONE a teatro è divenuto un racconto sulla giovinezza, sulla difficoltà di crescere, sul desiderio di essere accettati, sulla disperazione di chi non trova ascolto. È la storia di un vuoto che è sempre esistito, quello del passaggio dall’adolescenza alla maturità, ma che oggi sembra protrarsi e aggravarsi in assenza di modelli e di punti di riferimento e grazie a strumenti di comunicazione che amplificano la violenza e la persecuzione sui soggetti più fragili o semplicemente più sensibili. I protagonisti del racconto sono vittime o testimoni diretti di piccoli e grandi atti di emarginazione e violenza avvenuti tra i banchi di scuola. C’è chi ha difeso un compagno dagli altri, chi ha venduto l’anima per farsi accettare, chi ha fatto resistenza passiva, chi è fuggito perché non ce la faceva, chi ha trasformato anni di umiliazioni e violenze in una forza positiva fondando un’associazione di sostegno per le famiglie delle altre vittime. Il racconto si sviluppa lungo le storie di questi ragazzi e di alcuni professori, attraverso le difficoltà affrontate, cercando di indagare la dinamica vittima/persecutore, ma sempre puntando ad una via per uscire dal tunnel, con la scoperta della condivisione e con una buona dose di autoironia. Non abbiamo cercato il patetismo, il teatro del “dolore”, non abbiamo “vampirizzato” o “speculato” sulle vicende di questi ragazzi. Non abbiamo cercato “il caso” da esibire e amplificare, l’odore del sangue. Sono storie piccole, di quotidiano disagio, raccontate con la serenità e l’ironia di chi le ha potute metabolizzare e solo per questo ne può parlare oggi, anche per ricordare agli altri che il vero sconfitto è chi usa la violenza o il dileggio come strumento di autoaffermazione.

PREZZI: Il costo del biglietto riservato ai ragazzi è di 8,00 €. Gli insegnanti accompagnatori avranno diritto a un biglietto omaggio. I docenti interessati potranno acquistare il biglietto usufruendo della Carta del docente e i ragazzi di 18 anni della 18app.

La biglietteria del Teatro Il Celebrazioni si trova in Via Saragozza, n° 234, ed è aperta dal lunedì al sabato, dalle ore 15.00 alle ore 19.00. (Tel: 051.4399123 | E-mail: info@teatrocelebrazioni.it).

Per maggiori informazioni rivolgersi ad Alice De Toma, referente del progetto, scrivendo a eventi@teatrocelebrazioni.it o telefonando allo 051.6154808.




Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide