Passa ai contenuti principali

UN AMORE DA FAVOLA …MA UNA VITA DI MERDA! - Scritto e diretto da Piero Di Blasio


Teatro Marconi di Roma il 25 e 26 luglio 2017, ore 21
Viale Marconi 698E 
tel. +39 06 5943554
info@teatromarconi.it 

UN AMORE DA FAVOLA …MA UNA VITA DI MERDA! è uno spettacolo che porta a riflettere e, soprattutto, a sorridere delle disgrazie comuni. Raccontato attraverso diversi punti di vista, ma con solo 2 attori che interpretano tutti i personaggi. Incontreremo la suocera, il Wedding Planner, il migliore amico di lui e la migliore amica di lei. Un modo per esorcizzare e analizzare chi siamo e cosa stiamo diventando. 


Con Valeria Monetti (“Sette spose per sette fratelli”, “Robin Hood”, “Ti amo, sei perfetto, ora cambia”, “L’ultima strega” e tanti altri) Alessandro Tirocchi (dal duo comico “Tirocchi e Paniconi”, in teatro con “L’ultima Strega”, nell’ultimo spettacolo di Maurizio Battista, in tante altre commedie e in TV con “Colorado” su Italia 1) 

Con la partecipazione in voce di Barbara Foria 

Elementi scenici di Fabrizio Del Prete 
Grafica Felice Lungo 

Scritto e diretto da Piero Di Blasio (autore e regista di “Ciao Amore, Ciao”, regista di “Questi 5 Anni” e “Annie Jr”, attore in “Shrek il musical”, “Hairspray”, “Bodyguard – il musical”, “Ti amo, sei perfetto, ora cambia” e tanti altri) Prodotto da A.M.O. srls (Attori Momentaneamente Occupati) Un ringraziamento speciale alla scuola MTDA di Fiumicino.

-----------------------------------


Anna e Marco sono una coppia convivente da anni. Come tutte le coppie, ed in fondo come tutti quelli della loro età, vivono con un marchio impresso a fuoco sulla pelle: sono la generazione X. Cresciuti con i valori pre-euro e pre-crisi (posto fisso e sacrificio portano a realizzazione e famiglia), si sono trovati in realtà incastrati in un cambio generazionale: la valuta, la crisi, i modelli e i valori. 

Nonostante questo, scelgono comunque di sposarsi, ma ecco che cominciano i problemi. Uno su tutti: quanto costa un matrimonio? …“troppo”! Soprattutto con una famiglia numerosa come la loro. Poi arriva l’idea: eliminare tutti i parenti per evitare di doverli invitare. Riusciranno nell’impresa? Come la prenderanno le loro madri? E, soprattutto, fino a che punto si spingeranno pur di risparmiare? Pochi soldi e troppi parenti sono gli elementi base di questa commedia cinica, irriverente e piena d’amore. 
Sì, Un Amore da Favola! …ma una vita di merda! 

Piero Di Blasio 
------------------

Un amore da favola... ma una vita di merda
scritto e diretto da Piero di Blasio

con Valeria Monetti e Alessandro Tirocchi

Con la partecipazione in voce di Barbara Foria

Elementi scenici di Fabrizio Del Prete

Grafica Felice Lungo

Prodotto da A.M.O. srls (Attori Momentaneamente Occupati)

Un ringraziamento speciale alla scuola MTDA di Fiumicino


Teatro Marconi

viale Guglielmo Marconi 689 e

25 e 26 luglio ore 21.00

tel. 065943554 – info@teatromarconi.it



Biglietti. Intero 16€ - Ridotto 13€


Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di