Passa ai contenuti principali

NONOSTANTE VOI. STORIE DI DONNE CORAGGIO


Opera Liquida
in collaborazione con Direzione della Casa di Reclusione Milano Opera
Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale della Lombardia

Secondo appuntamento di
PROVA A SOLLEVARTI DAL SUOLO
Festival di Teatro e Teatro Carcere - 6^ Edizione

Giovedì 6 luglio 2017 – ore 21

Spazio IN Opera Liquida – Parco Idroscalo

Ingresso Punta dell’Est

NONOSTANTE VOI. STORIE DI DONNE CORAGGIO

Reportage teatrale di e con Livia Grossi

musica dal vivo Andrea Labanca / regia Gigi Gherzi

Livia Grossi, giornalista del Corriere della Sera, presenta allo spazio IN OPERA LIQUIDA (Parco Idroscalo-Punta dell’Est) il suo reportage teatrale, una pagina di “giornale parlato”, con contributi fotografici, interviste video e musica dal vivo. In scena riflessioni e testimonianze di donne italiane e straniere, e un ironico monologo sui requisiti necessari per ottenere la Carta d’Identità di Donna.

Storie di resistenza al femminile raccolte dalla giornalista in diverse parti del mondo, frammenti di vita vera che ribaltano ruoli e destini per riflettere sul significato della parola identità.

Le donne intervistate:

Puska (Albania), vergine giurata, Una donna di 66 anni che da oltre 40 anni ha deciso di diventare un “uomo” per difendere diritti e dignità. Un cambio d’identità sociale non biologico, la donna si veste, si comporta e pensa come un vero uomo e come tale viene considerata dalla comunità maschile. Sullo stesso tema nel 2015 Alba Rohrwacher è stata la protagonista del film presentato al Festival di Berlino.

Maria (Sud America), rifugiata politica, una donna arrestata con l’accusa di terrorismo, liberata in seguito alla sua riconosciuta innocenza dopo 8 anni di carcere. Una testimonianza che dichiara la vittoria di una donna che non ha mai perso il coraggio e la fiducia in se stessa e nella Giustizia. Una storia di abuso di potere che supera confini geografici e temporali: c'è un inserto importante sulla Milano del 1978, l'anno del sequestro Moro. L’intervista è stata raccolta alla casa delle rifugiate politiche di Milano.

Marietu ‘Ndave (Senegal), portavoce contro la mutilazione genitale femminile, una donna che dopo aver visto morire due figlie per infibulazione, ha deciso di ribellarsi alle “regole” che impongono a tutte le bambine di 6-7 anni di venire amputate e cucite fino alla prima notte di matrimonio. Marietu, una donna analfabeta che con l'aiuto di un Ong locale e l'Unicef italiana, è riuscita a creare un movimento di donne che ha fatto cambiare le leggi del parlamento di Dakar. Un tema di attualità, ogni anno sono circa 3 milioni le bambine che rischiano di essere mutilate, migliaia di loro vivono in Italia.


Appuntamento successivo

Giovedì 20 luglio - alle ore 21.00

UNDICESIMO COMANDAMENTO: UCCIDI CHI NON TI AMA

Spazio IN Opera Liquida – Parco Idroscalo

Spettacolo teatrale liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Elena Mearini e con gli scritti degli attori reclusi.

Con gli attori detenuti ed ex detenuti della Compagnia Opera Liquida e Maria Chiara Signorini

Coreografie Claudia Casolaro - Regia Ivana Trettel

PER GLI SPETTACOLI IN IDROSCALO – è consigliabile prenotare, i biglietti si ritirano la sera dello spettacolo

Biglietti: intero 15 euro/ridotto 10 euro



Infoline

operaliquida@gmail.com - tel. 328.1724508 - www.operaliquida.org


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol