Passa ai contenuti principali

Marconi Teatro Festival - seconda settimana di programmazione


“Tra presentazioni di libri, spettacoli teatrali, reading continua il Marconi Teatro Festival una delle più grandi manifestazioni culturali di questa estate nella Capitale”
Sono trascorsi solo sette giorni dall'inizio del Marconi Teatro Festival e l'interesse per una delle più grandi e ricche kermesse dell'estate è stato da subito notevole. Lo dimostra l'affluenza di pubblico che ogni sera ha assistito a ben due spettacoli. Un palco esterno (con spettacoli alle 21.00) e un palco interno (con spettacoli alle 21.45) arricchiscono la manifestazione che si caratterizza non solo per la messa in scena di spettacoli di prosa ma anche con reading, presentazioni di libri, musica e danza. Il Teatro inoltre ha il vantaggio di un grande parcheggio interno, cosa che il pubblico ha molto apprezzato, e un fornitissimo bar che per l'occasione prepara aperitivi e apericene per gustare un cocktail in attesa del “Chi è di scena”.

È la presentazione di un libro ad aprire la seconda settimana di eventi.

Il 10 luglio, alle ore 19.30 Giusesspe Manfridi presenta Anatomia del colpo di scena. Il libro è concepito come un viaggio mozzafiato tra decine e decine di storie riprese da ogni forma di scrittura (narrativa, teatrale, cinematografica, ecc.), ognuna delle quali viene raccontata ex novo, al fine di valutare come e perché in quella data storia intervenga un colpo di scena. Alle 21.45 GANGBANK – I nostri soldi sono diventati loro di e con Gianluigi Paragone diretto da Rinaldo Gaspari. L'attore racconta con ritmo e suspence il grande inganno della finanza. Uno spettacolo dove le parole si intrecciano e si combinano con slide e filmati.

L'11 luglio torna in scena l'omaggio a Salvo D'Acquisto, La foto del carabiniere alle ore 21.45 conClaudio Boccaccini.

Il 12 luglio è in scena Romeo era grasso e pelato scritto e diretto da Davide Sacco con Piero Grant e Cristian Pagliucchi con la presenza/assenza di Riccardo Bàrbera, incursioni di suoni e luci di Francesco Bàrbera. Due uomini, en travestì raffiguranti Giulietta e Lady Macbeth delle opere shakespeariane, si ritrovano senza sapere perché su un palcoscenico di Roma a parlare delle loro esperienze di vita e di coppia. Da un'iniziale gioco e divertissement il focus della pièce si sposta su tematiche sempre più serie, fino a parlare della violenza di genere attraverso gli occhi degli uomini.

Un'ora di treno per mille racconti tra Roma e Napoli di e con Francesca Nunzi e Marco Simeoli è lo spettacolo in scena il 12 e 13 luglio. Un percorso attraverso quelle parole e quegli stati d'animo che dall'800 a oggi hanno raccontato in versi, prosa e canzoni le mille facce di due delle città umane e più “italiane” al mondo. Il tutto intervallato da famose citazioni di coppie celebri del cinema italiano e da canzoni della migliore tradizione romana e napoletana. Alle ore 21.45 del 13 luglio sul palco interno è in scena Il Catamarano di Gabriele Mazzucco diretto da Gigi Palla. Andrea è un ragazzo come tanti che coltiva il sogno di diventare attore. Suo unico interlocutore, assente dalla scena, è il nonno Angelo, con una vita difficile alle spalle e il coraggio di andare sempre avanti, uomo d'altri tempi attuale come non mai. Un'unione, quella tra i due, profonda e indissolubile, che travalica lo scorrere del tempo.

La sera successiva, il 14 luglio, doppio appuntamento: alle 21.00 sul palco esterno Le Marocchinate di Simone Cristicchi e Ariele Vincenti con Ariele Vincenti e le Musiche dal vivo di Marcello Corvino e la regia Nicola Pistoia. Un’altra di quelle storie che, se non sei di quelle parti, non la conosci. Successa in una terra che, se non hai parenti o amici, non ci vai. Siamo in un paese della Ciociaria e Angelino, pastore locale, ci racconta la semplice ma faticosa vita contadina della sua zona prima della guerra, sconvolta con l’arrivo delle truppe Marocchine, aggregate agli Alleati, ai quali viene affidato il compito di entrare nella rocciosa difesa tedesca. Mentre alle 21.45 Ah, commedianti! spettacolo e testo frutto del corso professionale del Cantiere Teatrale con Elisabetta De Vito e Margherita Campanaro e con Erica Lauro, Riccardo Parravicini, Ivano Conte, Francesco Chiliberti, Manuela Barocci, Chiara Katia Cicala Regia Elisabetta De Vito e Ciro Scalera. Quando un gruppo di attori può trasformarsi in una minaccia per le istituzioni.

Il 15 luglio, ore 21.00 Tante scuse amore mio! da un racconto di Rossella Filippetti con Elettra Zeppi, regia e drammaturgia di Gaetano Mosca. In scena c'è solo Rossella ma le vere protagoniste sono altre donne, le sue amiche, confidenti di realtà sentimentali che rasentano la farsa, che si alimentano di momenti rubati alle vite dei Lui consenzienti ma già sposati con altre donne. Mentre alle 21.45 e poi di nuovo il 1° agosto Ladyvette – Le Dive Dello Swing con Teresa Federico, Valentina Ruggeri, Francesca Nerozzi, direzione artistica di Lillo Petrolo con la regia di Massimiliano Vado e la direzione musicale di Roberto Gori. Tutto inizia in un freddo appartamento della Torino di metà anni' 30. Tre giovani sorelle sono impegnate ad imparare il napoletano per entrare nelle grazie della musica melodica italiana e raggiungere finalmente la celebrità. Cosa bisogna fare per diventare il trio più famoso d'Italia?

Il 16 e il 17 luglio, spazio allo sport con ROMA – LIVERPOOL 1-1 il successo di Giuseppe Manfridi eMister Meno 9 di Giorgio Serafini Prosperi e Giovanni Pepe con Alessio Di Clemente e la regia di Giorgio Serafini Prosperi.
-------------------------

Teatro Marconi

viale Guglielmo Marconi 698E

telefono: 065943554

mail: info@teatromarconi.it

Biglietti Intero 16€ Ridotto 13€

Biglietto Unico per Ladyvette - Le dive dello swing e GangBank 17 €

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide