Passa ai contenuti principali

VIRIDITAS, l'origine: secondo appuntamento con i Teatri di Pietra Lazio


MDA Produzioni Danza

VIRIDITAS, l’origine

pittura e grafica MARILENA SUTERA
danza LUCA PIOMPONI - teatro LAURA BANDELLONI
drammaturgia e regia AURELIO GATTI

Martedì 13 e Mercoledì 14 Giugno 2017
Ore 21,15

ANTIQUARIUM MALBORGETTO

Area Archeologica, Arco di Malborghetto

Via Flaminia km 19,4 in direzione Terni, altezza stazione RomaNord/Sacrofano

“Viriditas, l’origine” è uno studio nato da Marilena Sutera, pittrice e grafica, e Aurelio Gatti, coreografo e regista, e un’amicizia lunga oltre dieci anni..

La ricerca e il lavoro di Marilena Sutera su Hildegard von Bingen, figura assolutamente originale e personaggio chiave nel panorama Medioevale del XII secolo, ha ispirato questo primo studio in cui danza, teatro, grafica, pittura e musica concorrono a “leggere” e intuire quella energia vitale che tiene il mondo, noi e tutto ciò che ci vive intorno, e che Ildegarda chiama “viriditas”: “[…] come il soffio dell’anima tiene insieme il corpo con fermezza, così i venti più forti animano quelli sottomessi…, […] come l’acqua irriga la terra così l’anima penetra in tutto il corpo…” (Liber Divinorum Operum).

Proprio nel lavoro della messinscena si esprime il concetto della “corrispondenza”, momento fondamentale della mistica di Ildegarda e alla base di ogni alchimia teatrale: tra Trascendenza e Natura, tra uomo e mondo... L’uomo e tutta la natura che lo circonda si corrispondono perché uniti e animati dalla stessa forza vitale, la “viriditas”, così linguaggi diversi, codici, umanità differenti si incontrano nella scena. La viriditas di Ildegarda è un assoluto: “Io sono la suprema forza del fuoco, ho acceso tutte le scintille viventi…fiammeggio sulla bellezza dei campi, risplendo nelle acque e ardo nel sole, nella luna e le stelle e con l’aereo vento suscito tutte le cose, vivificandole con la vita invisibile che tutte le sostiene, l’aria vive nella vegetazione e nei fiori, le acque scorrono come se vivessero…” , per noi un potente pungolo per una ricerca fuori dagli schemi consueti.

Il riferimento all’esperienza mistico-profetica di questa donna - non solo badessa, ma anche esperta in teologia, scienza, medicina, cosmologia, filosofia, fondatrice di monasteri femminili, predicatrice al clero e al laicato, anche compositrice – ha offerto il terreno “comune” tra creazione artistica e quella scenica: la ricerca del “centro” nell’opera della Sutera, la scansione dell’Ecclesiaste nelle parole del rito, le forme e le dinamiche improvvise di Kairos – il tempo fuggente, l’evocazione data da un continuum di paesaggi sonori e non ultimo il luogo - l’Arco di Malborghetto, spazio non solo fisico ma anche di memoria.

Quindi una esposizione incasellata dei lavori di Marilena Sutera nelle architetture antiche dell’Arco di Malborghetto, il teatro nell’interpretazione di Laura Bandelloni, la danza nelle forme giovanissime di Luca Piomponi, la drammaturgia e la coreografia di Aurelio Gatti.

Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo

Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale

Soprintendenza Speciale Archeologica , Belle Arti e Paesaggio di Roma

Regione Lazio – Assessorato alla Cultura

Ente Regionale Parco di Veio

Comune di Roma - XV Municipio

Città di Sutri


TEATRI DI PIETRA LAZIO 2017

Ideazione e Realizzazione

Pentagono Produzioni Associate e Circuito Danza Lazio

nell’ambito della Rete Teatrale dei Teatri di Pietra


Ingresso 12 euro
Ridotto 8 euro: convenzionati/associazioni/studenti


Info & Prenotazioni:

teatridipietra@gmail.com / whatsapp 333 709 7449//

FB teatridipietra / teatridipietra.blogspot.it/

biglietti online: www.etes.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol