Passa ai contenuti principali

TEATRO BRANCACCIO - Stagione teatrale 2017/2018



Presentata oggi 22 giugno, la stagione teatrale 2017/2018 del Teatro Brancaccio. Una stagione ricca di appuntamenti come sempre presentata da Alessandro longobardi.

Gentile pubblico

benvenuti alla presentazione della nuova stagione 2017/2018 del Teatro Brancaccio che per il sesto anno consecutivo porta la mia firma in qualità di Direttore Artistico.

Il 2017 rappresenta per me e per il Teatro Brancaccio un traguardo temporale rilevante.
Nel lontano 1937 il teatro, dopo importanti lavori di ristrutturazione diretti dal noto Ing. Sacconi (quello dell'Altare della Patria, per intenderci) assume l'attuale consistenza e il nome dei Principi Brancaccio, proprietari e committenti della sua costruzione.

Nello stesso anno la gestione viene affidata alla società (che tutt'oggi conduce questo teatro) costituita da mio nonno Achille Longobardi e sempre in quell'anno, il 21 giugno, nasce mio padre Luigi, che ebbe un ruolo importante nel garantire la continuità della vita del Brancaccio. Capirete dunque il valore che assume per me il 2017.

Invio i miei auguri a mio padre Luigi e un affettuoso pensiero alla memoria del principe Marcantonio Brancaccio e sua consorte Donna Fernanda, nonché Rolando, fratello di Marcantonio, sempre molto coinvolti nella vita del teatro. In particolare Rolando fu vivace animatore della Chanson, un piccolo teatro di 100 posti a Largo Brancaccio.

In questa cornice festeggiamo ottant’anni con un segno di fiducia, il migliore per un teatro: l'incremento del 25% di pubblico nella stagione appena trascorsa.

Nonostante tutte le avversità degli ultimi 5 anni, abbiamo fatto della precarietà un punto di forza; non diamo mai nulla per scontato e dietro ogni metro guadagnato c'è il grande lavoro di un gruppo di ben 70 colleghi di cui sono fiero e ringrazio...

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide