Passa ai contenuti principali

Satira e comicità al Teatro Romano


Riparte la programmazione estiva di CassinoArte che vede sul palco del Teatro Romano anche gli allievi della “Scuola di Attori” del Centro Universitario Teatrale di Cassino. Presentata questa mattina alle 12 nella Sala Restagno di piazza De Gasperi, la rassegna estiva 2017 vede andare in scena gli attori del Cut il 18 luglio con lo spettacolo di satira politica “Per tutti gli dei” ispirato a “Gli uccelli” di Aristofane e il 28 luglio con la farsa dialettale “Nun se vere luce”. 

La doppia proposta del Cut per la stagione estiva cassinate chiude un intenso anno accademico di lavoro, studio, laboratori e rappresentazioni teatrali. «Abbiamo voluto ispirarci a un grande classico della commedia greca cercando di offrire uno spettacolo brillante che unisse l'elemento fantastico, la coralità, le aspirazioni e i limiti umani con una rilettura satirica moderna e attualizzata – spiega Giorgio Mennoia, direttore artistico del Cut – e, dopo il successo natalizio, abbiamo voluto anche riproporre la farsa dai toni allegri e divertenti che fa riassaporare ironia e folklore».

Per tutti gli dei – Sul palco del Teatro Romano un ricco cast di attori diretto da Paola Spallino interpreta gli uomini, gli uccellie gli dei protagonisti della commedia satirica scritta da Mennoia e ispirata ai personaggi del commediografo greco, per la durata di circa due ore. In scena con gli allievi del Cut torna anche l'attrice e cantante Chiara Castaldi dopo gli esordi cassinati proprio con la “Scuola di Attori” del Teatro Manzoni. Fantasia e brio si mescolano con il desiderio umano di raggiungere e possedere la formula della felicità in un contesto sociale e politico chiassoso ed egoista che richiama in maniera ironica e grottesca i principali personaggi politici e istituzionali dell'attuale panorama nazionale. Stanca della loro città litigiosa e corrotta, una coppia di ateniesi decide di fondarne una nuova tra la terra e l'Olimpo con l'aiuto degli uccelli, costringendo gli dei a scendere a patti. “Per tutti gli dei” è impreziosito dalla consulenza artistica di Claudio Ticconi e dalle musiche di Antonio Lauritano.

Nun se vere luce – La farsa scritta da Anna De Santis e diretta da Giorgio Mennoia e Antonio Lauritano racconta la storia di una modesta famiglia che tenta di risollevare le proprie sorti economiche mettendo in scena ingegnosi e improbabili piani. La giovane figlia, con la complicità della madre e delle astute comari, riesce ad aggirare ingenui e ricchi giovanotti con trappole amorose. Lo spettacolo dai toni colorati e spassosi segue alcuni classici cliché regalando al pubblico risate e divertimento: dalla sottile astuzia femminile alla semplicità di giovani uomini poco avvenenti, dall'ottusa arroganza dei ricchi signorotti alla scaltrezza di uomini miserabili e irriverenti, dagli inganni d'amore all'eterna contrapposizione del povero disgraziato al ricco prepotente.

«I due spettacoli di fine anno accademico del Cut sono inseriti nella cornice di CassinoArte 2017 proposta dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Cassino all'interno di una accurata selezione di eventi nel periodo estivo, frutto di una proficua collaborazione con il territorio, – spiega il responsabile organizzativo del Cut Marco Mattei – e andranno in scena al Teatro Romano il 18 e 28 luglio alle ore 20:30 e sono prenotabili entrambi con un mini abbonamento al costo di dieci euro in prevendita».

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d