Passa ai contenuti principali

MATHILDE al Milano Off - uno spettacolo che ricorda la storia di Macron


Dall’11 al 18 giugno 2017 

MATHILDE 

di Véronique Olmi 
regia Roberto Cajafa

con Cinzia Damassa e Mario Mantero 

Teatro della Memoria - Via Cucchiari, 4 Milano 

Dopo il successo ottenuto lo scorso anno con Novecento al femminile, Roberto Cajafa torna al Festival Milano Off, con Mathilde, crudo testo contemporaneo di Véronique Olmi, scrittrice nizzarda tra le più apprezzate in Francia. Mathilde, prodotta dall’Associazione Tangiro e interpretata da Cinzia Damassa e Mario Mantero, è una pièce che ci porta a una profonda riflessione, all'insegna della più crudele sincerità, su una coppia come tante, borghese, colta, equilibrata e addirittura invidiata, spezzata da un avvenimento grave e inaspettato: Mathilde, affermata e affascinante scrittrice quarantenne, ha tradito Pierre, noto medico, con un suo allievo minorenne. 

E’ un argomento quanto mai scottante e attuale, alla luce della recente storia personale del neo eletto presidente francese, Emmanuel Macron, sposato con Brigitte Trogneux, sua ex-insegnante al liceo, con cui ha intrecciato una relazione quando lui aveva solo sedici anni. Può una donna di quarant’anni, affermata e realizzata, perdersi in un’avventura con un ragazzo di vent’anni più giovane? 

E’ quello che cercheranno di capire Pierre e Mathilde in un serratissimo confronto di anime ferite. Lei torna a casa dopo aver trascorso un periodo in carcere per quello che è a tutti gli effetti un crimine. Poco importa che il mondo intellettuale si sia mobilitato per scarcerarla. A causa dello scandalo Pierre ha perso la compagna di una vita, ma anche tutti i suoi facoltosi clienti e pretende delle spiegazioni, che arrivano con parole inizialmente crude. 

Quell’adulterio, infatti, non ha a che fare con i sentimenti. “Mi è piaciuto troppo scopare con quel ragazzo. Mi piaceva il suo odore, le sue mani, il suo culo, il suo petto, mi piacevano le radici dei suoi capelli e perfino quelle dei suoi denti”. Ma pian piano i toni si smorzano e lasciano spazio alla tenerezza dei ricordi e delle piccole abitudini, a una complicità che forse non è mai svanita. Le due anime ferite attraversano l’odio, il dolore e la speranza, cercando e, forse, trovando un punto d’incontro dal quale ricominciare. L’amore che li ha uniti per anni potrà salvarli portandoli oltre a quello che è successo? Véronique Olmi è nata a Nizza nel 1962. Ha scritto romanzi e racconti (Einaudi ha pubblicato In riva al mare, 2004 e La pioggia non spegne il desiderio, 2007). 

Tra i suoi testi di maggiore successo, Le passage, Chaos debout e Mathilde (Einaudi, 2010). Le sue opere sono state tradotte in venti lingue e portate in scena in tutto il mondo. Roberto Cajafa è attore, regista e formatore. Figlio d’arte, ha debuttato al Derby negli anni ’80. Ha partecipato in qualità d’attore a produzioni teatrali, televisive della Rai, di emittenti private e cinematografiche, lavorando con registi e attori di fama nazionale e internazionale. Dal ’90 dirige l’Associazione Tangiro, un laboratorio teatrale permanente a Milano, rivolto a diversi progetti di messa in scena. 

Dall’11 al 18 giugno 2017 
MATHILDE 
di Véronique Olmi
regia Roberto Cajafa 

con Cinzia Damassa, Mario Mantero 

Teatro della Memoria Via Cucchiari, 4 - 20155 Milano 

MM1 Cordusio & MM2 Lanza + Tram 12 o 14; MM1 Lotto + Bus 78; MM1 Cairoli + Bus 57 

Orario: 21.30 a eccezione di Venerdì 16 giugno alle 19.45; Sabato 17 giugno alle 16; Domenica 18 giugno alle 17.45 INGRESSO: 15 euro; per prenotazioni online: segreteriatangiro@icloud.com INFO: + 39 342 7432524

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol