Passa ai contenuti principali

LA PARANZA DEI BAMBINI - di Roberto Saviano e Mario Gelardi



LA PARANZA DEI BAMBINI
di Roberto Saviano e Mario Gelardi
Un progettoNuovo Teatro Sanità
Prodotto da Mismaonda in collaborazione con Marche Teatro
con Vincenzo Antonucci, Luigi Bignone, Carlo Caracciolo, Antimo Casertano, Riccardo Ciccarelli, Mariano Coletti, Giampiero de Concilio, Simone Fiorillo, Carlo Geltrude, Enrico Maria Pacini.
Scene: Armando Alovisi
Costumi: 0770 di Irene di Caprio
Musica: Tommy Grieco
Luci: Paco Summonte

Responsabile di produzione: Luigi Marsano
Aiuto regia: Irene Grasso
Regista assistente: Carlo Caracciolo
Regia di Mario Gelardi

Il Nuovo Teatro Sanità e Mario Gelardi non sono solo resistenza e non sono semplicemente teatro. Loro sono il nucleo intorno al quale alla Sanità, a Napoli, si costruisce un presente reale, che si può toccare vedere e ascoltare. Un futuro che si può immaginare. Loro sono voci che sovrastano urla, sono mani tese. Con loro, con Mario, lavoro per portare in scena “La paranza dei bambini”. Solo loro possono trasformare in corpi, volti e voci le mie parole.
(Roberto Saviano)

Hanno scarpe firmate, famiglie quasi normali e grandi ali “d'appartenenza” tatuate sulla schiena. Sfrecciano in moto contromano per le vie di Napoli perché sanno che la loro unica possibilità è giocarsi tutto e subito. Non temono il carcere né la morte. Sparano, spacciano, spendono.

Sono la paranza dei bambini.

Nel gergo camorristico "paranza" significa gruppo criminale, ma il termine ha origini marinaresche e indica le piccole imbarcazioni per la pesca che, in coppia, tirano le reti nei fondali bassi, dove si pescano soprattutto pesci piccoli per la frittura di paranza. L'espressione "paranza dei bambini" indica la batteria di fuoco, ma restituisce anche con una certa fedeltà l'immagine di pesci talmente piccoli da poter essere cucinati solo fritti, proprio come quei giovanissimi legati alla camorra che Roberto Saviano racconta nel suo ultimo best seller.

E quel romanzo diventa ora uno spettacolo teatrale che racconta una verità cruda, violenta, senza scampo. Non a caso lo spettacolo nasce nel Nuovo Teatro Sanità, un luogo 'miracoloso' nel cuore di Napoli, dove si tenta di costruire un presente reale e immaginare un futuro possibile.

'L'infanzia è una malattia, un malanno da cui si guarisce crescendo', diceva William Golding, l'autore de 'Il signore delle mosche'. E come nel romanzo di Saviano così anche nello spettacolo i protagonisti creano una loro comunità che impone regole feroci per perdere l'innocenza e diventare grandi.

Dopo la felice esperienza dello spettacolo 'Gomorra', Roberto Saviano e Mario Gelardi si uniscono di nuovo in questo progetto teatrale per raccontare la controversa ascesa di una tribù adolescente verso il potere, pronta a piombare nel buio della tragedia scespiriana (lo studioso Jan Kott non diceva forse che è il macello uno dei temi nodali dell'opera di Shakespeare?) e nel nero infinito dei fumetti di Frank Miller.

'Io per diventare bambino ci ho messo dieci anni, per spararti in faccia ci metto un secondo'.


http://www.festivaldispoleto.com/2017/Teatro.asp?id_progetto=390&lang=


Lo spettacolo sarà poi in tournee italiana da ottobre e dal 29 novembre a Roma, per tre settimane, al Piccolo Eliseo.

Un compleanno in comune e la naturale tendenza ad aprirsi a culture diverse. È da queste premesse che nasce la partnership tra Amref Health Africa e il Festival dei 2 Mondi di Spoleto, che celebrano entrambi - nel 2017- i loro 60 anni. 

In occasione del suo anniversario, Amref ha lanciato nei mesi scorsi la campagna “Per noi non Sei Zero”, una dichiarazione d’amore al continente africano, riconosciuto da sempre come una terra di soluzioni e non solo di problemi. Il passato, il presente e le sfide della principale organizzazione sanitaria, senza fini di lucro, che opera in Africa dal 1957, si fondono nella campagna del sessantennale che prevede un fitto calendario di attività. Tra queste, la partnership con il prestigioso Festival di Spoleto, simbolo - da sei decadi - di arte, musica, cultura, bellezza. 

Amref, Saviano e il Festival. Amref parteciperà in forme diverse al Festival dei 2 Mondi 2017, anche grazie alla presenza di personaggi celebri come Roberto Saviano. Amref, infatti, sosterrà il debutto nazionale dello spettacolo “La paranza dei bambini”, prodotto da Mismaonda in collaborazione con Marche Teatro e ispirato all'omonimo romanzo dello scrittore campano. In scena è raccontata una verità cruda e violenta, quella dei ragazzi di una Napoli difficile, che li abbandona a loro stessi e li trasforma in giovani prede della malavita. 

I protagonisti sembrano lo specchio dei bambini e ragazzi di strada che Amref assiste nello slum di Dagoretti, a Nairobi. I ”chokora”, spazzatura in swahili, sono giovani ai margini della vita sociale e affettiva, esposti a tutti i rischi che il vivere in strada genera: droga, prostituzione, criminalità, malattia. “Essere partner di questa edizione del Festival di Spoleto ci riempie di orgoglio. Il valore massimo della manifestazione risiede forse, soprattutto, nello spirito con cui tende allo scambio, alla promozione di esperienze, percorsi, culture, espressioni artistiche diverse. 

Il tutto all’insegna della bellezza, intesa come valore morale prima ancora che estetico”, ha dichiarato Guglielmo Micucci, direttore di Amref. “Ci sentiamo molto vicini a questo approccio, che fa dell’apertura verso l’altro un suo cardine. Non poteva esservi migliore occasione della celebrazione dei nostri rispettivi 60 anni di attività per mettere in risalto questa comunanza di valori”. 

Arte e recupero dei bambini. La pratica teatrale come terapia di recupero Amref Health Africa la sperimenta sin dal 2001 con i bambini e gli adolescenti delle baraccopoli keniote. Celebre in tal senso rimane il “Pinocchio Nero”, uno spettacolo scritto e diretto da Marco Baliani. Nata nel 2004 a Nairobi, la rappresentazione vede protagonisti i ragazzi di Dagoretti, che grazie ad un processo di riappropriazione di identità, subiscono una metamorfosi che li trasforma da rigidi burattini di legno in bambini danzanti. Nel 2006 lo spettacolo è stato portato in una tournée europea. 

Come naturale prosieguo di questa vocazione, , Amref è attualmente impegnata nel progetto MigrArti, con l’esperimento di intervento artistico e culturale “Enea in Viaggio”, che si concentra in territori - come quelli della periferia romana - dove risulta complesso il rapporto fra popolazione residente e migranti. Apice del progetto, di cui è capofila il Teatro di Roma, sarà la performance collettiva del prossimo 9 luglio in occasione della quale saliranno sul palcoscenico del Teatro Argentina di Roma 200 partecipanti, tra migranti e cittadini comuni. 

La campagna "Per noi non Sei Zero". La campagna - curata da Sabina Leoni - riassume bene la mission di Amref: dare rilevanza, visibilità, importanza, prendersi cura e trattare da pari a pari, senza pietismo, il continente africano. Il secondo continente più popoloso del pianeta non può e non deve essere lasciato ai margini, né essere visto solo come terra di problemi. In un’ottica di sviluppo globale, l’Africa è anche una terra di soluzioni e opportunità. Amref ci ha sempre creduto e da 60 anni lavora perché l'Africa spicchi il volo. Ed è questo il messaggio che, attraverso il teatro ma anche altre iniziative e attività culturali, porterà nella meravigliosa cornice di Spoleto.

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide