Passa ai contenuti principali

Io Caravaggio - Scritto da Cesare Capitani




Diavolo Rosso
Ore 20 ANTEPRIMA

Io Caravaggio

Scritto da Cesare Capitani

con Cesare Capitani e Laetitia Favart

Ispirato al romanzo di Dominique Fernandez « La course à l’abîme »

Direzione d'attore di Nita Klein
Luci di Dorothée Lebrun

Canti tratti da opere di Claudio Monteverdi, Giulio Caccini, Michelangelo Grancini, Carlo Gesualdo eseguiti a cappella

Fotografie di Philippe Bruchot

Lo spettacolo è sostenuto dell’Istituto Culturale Italiano di Parigi

Il testo dello spettacolo “Io, Caravaggio” è pubblicato da Triartis

Asti Teatro - 28 giugno alle ore 20:00.

“Caravaggio rivive, davanti agli occhi dello spettatore, l’infanzia nel piccolo borgo lombardo, l’approccio alla pittura, i primi problemi con la giustizia, la fuga a Roma nella speranza di fare fortuna. Nella Città Eterna il giovane Michelangelo, grazie a pochi quadri carichi di una forza e di un erotismo mai visti, sconvolge la pittura e raggiunge la gloria. I potenti se lo contendono, i cardinali lo proteggono e rapidamente diventa il pittore ufficiale della Chiesa. Ma Caravaggio è un uomo dal carattere violento e solitario: un vero ribelle che rifiuta ogni compromesso, ogni vantaggio che il suo talento e i suoi contatti potrebbero garantirgli. Il suo modo di vivere è una costante provocazione, un affronto continuo alla morale: prende come modelli per i suoi quadri prostitute, malfattori e vagabondi; ama uomini e donne scegliendo spesso tra le pieghe più sordide della società; è sempre pronto a usare i pugni o la spada... In breve i processi a suo carico si moltiplicano: passa lunghi periodi in prigione, assapora il gusto amaro del declino e della miseria, si macchia di omicidio e viene condannato a morte. Si vede costretto a fuggire e ad errare tra Napoli, Malta, la Sicilia... La sua vita terminerà, in modo tragico e misterioso, su una desolata spiaggia al nord di Roma. Il racconto, vivo e palpitante, a tratti diverte con la sua ironia, a tratti fa riflettere grazie alla sua perspicacia, più spesso commuove perchè Caravaggio vi confessa anche i più intimi
pensieri, le sue angosce più vive. Apre il cuore e mostra la parte più cupa dell’anima”.
Cesare Capitani

--------------------
Cesare Capitani - Biografia

Diplomato alla Scuola « Paolo Grassi » di Milano, lavora tra la Francia e l’Italia come attore, autore e regista.

Scrive e interpreta Moi, Caravage – Io, Caravaggio spettacolo ispirato al romanzo di Dominique Fernandez La Corsa all’abisso (Éd. Grasset). Creato al Festival d’Avignone nel 2010, e poi presentato al Théâtre Lucernaire, al Théâtre de la Gaité, al Théâtre des Mathurins. In tournée tra il 2011 e il 2015 (Francia, Svizzera, Italia, Marocco) per più di 430 repliche. Il testo Io, Caravaggio è pubblicato dalle Edizioni Triartis. 



Scrive e interpreta L’Autre Galilée – L’Altro Galileo (Edizioni Triartis), spettacolo creato al Théâtre Lucernaire, 2015/2016. Regia di Thierry Surace. In tournée in France nel 2016. 

Scrive e interpreta Promenade… in Italia spettacolo con musica sulle differenze culturali tra Italia e Francia. Creato nel 2015. In tournée nel 2016.

A teatro è diretto, tra gli altri, da :

- Giorgio Strehler né I Giganti della montagna di L. Pirandello
- René Loyon in Penthesylée di H. Von Kleist
- Michel Vershaeve né La Fausse suivante di Marivaux
- Filippo Crivelli in Gigi commedia musicale tratta dal romanzo di Colette
- Paolo Valerio in Romeo e Giulietta di W. Shakespeare
- Peter Busuttil in A Clockwork orange di A. Burgess.

Firma la regia de La Traversée de la nuit di Geneviève de Gaulle-Anthonioz et Pinocchio di Collodi. Scrive e mette in scena L’Aigle de Canossa.

Scrive il dramma Rapsodia, diverse novelle e un adattamento teatrale del romanzo di Umberto Eco, Il Nome della rosa.

Al cinema, recita sotto la direzione di :

- Dominique Farrugia in L’amour c’est mieux à deux
- Jacques Rivette in Va savoir
- Laurent Raymond-Vinas in Mes amis d’en France
- Mimmo Calopresti in L’amour ne coûte rien.
- Giulio Manfredonia in Si può fare.

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide