Passa ai contenuti principali

Io Caravaggio - Scritto da Cesare Capitani




Diavolo Rosso
Ore 20 ANTEPRIMA

Io Caravaggio

Scritto da Cesare Capitani

con Cesare Capitani e Laetitia Favart

Ispirato al romanzo di Dominique Fernandez « La course à l’abîme »

Direzione d'attore di Nita Klein
Luci di Dorothée Lebrun

Canti tratti da opere di Claudio Monteverdi, Giulio Caccini, Michelangelo Grancini, Carlo Gesualdo eseguiti a cappella

Fotografie di Philippe Bruchot

Lo spettacolo è sostenuto dell’Istituto Culturale Italiano di Parigi

Il testo dello spettacolo “Io, Caravaggio” è pubblicato da Triartis

Asti Teatro - 28 giugno alle ore 20:00.

“Caravaggio rivive, davanti agli occhi dello spettatore, l’infanzia nel piccolo borgo lombardo, l’approccio alla pittura, i primi problemi con la giustizia, la fuga a Roma nella speranza di fare fortuna. Nella Città Eterna il giovane Michelangelo, grazie a pochi quadri carichi di una forza e di un erotismo mai visti, sconvolge la pittura e raggiunge la gloria. I potenti se lo contendono, i cardinali lo proteggono e rapidamente diventa il pittore ufficiale della Chiesa. Ma Caravaggio è un uomo dal carattere violento e solitario: un vero ribelle che rifiuta ogni compromesso, ogni vantaggio che il suo talento e i suoi contatti potrebbero garantirgli. Il suo modo di vivere è una costante provocazione, un affronto continuo alla morale: prende come modelli per i suoi quadri prostitute, malfattori e vagabondi; ama uomini e donne scegliendo spesso tra le pieghe più sordide della società; è sempre pronto a usare i pugni o la spada... In breve i processi a suo carico si moltiplicano: passa lunghi periodi in prigione, assapora il gusto amaro del declino e della miseria, si macchia di omicidio e viene condannato a morte. Si vede costretto a fuggire e ad errare tra Napoli, Malta, la Sicilia... La sua vita terminerà, in modo tragico e misterioso, su una desolata spiaggia al nord di Roma. Il racconto, vivo e palpitante, a tratti diverte con la sua ironia, a tratti fa riflettere grazie alla sua perspicacia, più spesso commuove perchè Caravaggio vi confessa anche i più intimi
pensieri, le sue angosce più vive. Apre il cuore e mostra la parte più cupa dell’anima”.
Cesare Capitani

--------------------
Cesare Capitani - Biografia

Diplomato alla Scuola « Paolo Grassi » di Milano, lavora tra la Francia e l’Italia come attore, autore e regista.

Scrive e interpreta Moi, Caravage – Io, Caravaggio spettacolo ispirato al romanzo di Dominique Fernandez La Corsa all’abisso (Éd. Grasset). Creato al Festival d’Avignone nel 2010, e poi presentato al Théâtre Lucernaire, al Théâtre de la Gaité, al Théâtre des Mathurins. In tournée tra il 2011 e il 2015 (Francia, Svizzera, Italia, Marocco) per più di 430 repliche. Il testo Io, Caravaggio è pubblicato dalle Edizioni Triartis. 



Scrive e interpreta L’Autre Galilée – L’Altro Galileo (Edizioni Triartis), spettacolo creato al Théâtre Lucernaire, 2015/2016. Regia di Thierry Surace. In tournée in France nel 2016. 

Scrive e interpreta Promenade… in Italia spettacolo con musica sulle differenze culturali tra Italia e Francia. Creato nel 2015. In tournée nel 2016.

A teatro è diretto, tra gli altri, da :

- Giorgio Strehler né I Giganti della montagna di L. Pirandello
- René Loyon in Penthesylée di H. Von Kleist
- Michel Vershaeve né La Fausse suivante di Marivaux
- Filippo Crivelli in Gigi commedia musicale tratta dal romanzo di Colette
- Paolo Valerio in Romeo e Giulietta di W. Shakespeare
- Peter Busuttil in A Clockwork orange di A. Burgess.

Firma la regia de La Traversée de la nuit di Geneviève de Gaulle-Anthonioz et Pinocchio di Collodi. Scrive e mette in scena L’Aigle de Canossa.

Scrive il dramma Rapsodia, diverse novelle e un adattamento teatrale del romanzo di Umberto Eco, Il Nome della rosa.

Al cinema, recita sotto la direzione di :

- Dominique Farrugia in L’amour c’est mieux à deux
- Jacques Rivette in Va savoir
- Laurent Raymond-Vinas in Mes amis d’en France
- Mimmo Calopresti in L’amour ne coûte rien.
- Giulio Manfredonia in Si può fare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol