Passa ai contenuti principali

IL GIOVANE STREHLER. DA NOVARA AL PICCOLO TEATRO DI MILANO



al MILANO OFF F. I. L. Festival
per la rassegna MILANO OFF LIBRIS

Giovedì 15 giugno alle ore 11.00 presso La Stecca in Via G. De Castillia 26 a Milano per la rassegna “Milano Off Libris” all’interno del “Milano Off F.I.L. Festival” la scrittrice Clarissa Egle Mambrini dialoga del suo libro “Il giovane Strehler. Da Novara al Piccolo Teatro di Milano” con Stella Casiraghi, autrice di un intervento in apertura dello stesso.

Lodato per la ricca documentazione unita ad uno stile scorrevole ed accattivante che lo rendono fruibile anche a chi solitamente non si cimenta in questo tipo di letture, il saggio si concentra sugli esordi del regista che debuttò durante la Seconda Guerra Mondiale a Novara.

Frutto di pazienti e meticolose ricerche, il volume è impreziosito da un nutrito apparato iconografico e da interviste a personaggi della cultura locale e nazionale come lo storico e critico d’arte Raul Capra, l’attore Gianrico Tedeschi e il compianto musicista Folco Perrino.

Dalla sua uscita nel 2013 per i tipi di Lampi di stampa “Il giovane Strehler” è stato presentato, talvolta anche sotto forma di lezione o di reading, in diverse località italiane tra cui Trieste (città natale del regista) ed ha riscosso ampi consensi fra esperti del settore e semplici appassionati, guadagnandosi l’attenzione di personalità quali Giulia Lazzarini, Ferruccio Soleri, Giancarlo Dettori e Maurizio Porro, e recensioni e segnalazioni su testate come il «Corriere della Sera», «Sipario», «Hystrio» e Teatro.it.

Questo libro raccoglie, come sottolinea Casiraghi, «ogni tipo di documentazione, locandine, dibattiti, cronache, testimonianze, rassegne stampa, materiali biografici e bibliografici resi disponibili alla lettura e alla riflessione critica. Compostamente scorrono fotogrammi di quanto precedette (e seguì) la prova di regia di un artista che muoveva i primi passi e che riuscì nei decenni successivi a dare corpo alle sue intuizioni e a realizzare, anche sulla scena internazionale, le sue ambizioni».
-----------------------------------------------------------------------------


“Il giovane Strehler. Da Novara al Piccolo Teatro di Milano”

di Clarissa Egle Mambrini, con un intervento di Stella Casiraghi

Lampi di stampa, Vignate (MI)

Ottobre 2013, pp. 366



Note biografiche CLARISSA EGLE MAMBRINI
Clarissa Egle Mambrini è nata a Novara nel 1984. Ha coltivato interessi artistici fin dall’infanzia ed ha al suo attivo alcuni saggi di cinema e teatro pubblicati dalla EOS Editrice tra 2007 e 2013.

“Il giovane Strehler” (Lampi di stampa) è la sua opera più importante, a cui ha dedicato circa un anno e mezzo di lavoro.

Laureata in Lettere Moderne ad indirizzo artistico, si occupa attivamente di cultura e spettacolo da circa dieci anni. Dopo le esperienze con alcune realtà novaresi, tra cui la Fondazione Teatro Coccia e l’Associazione Amici della Musica Vittorio Cocito, attualmente collabora con il Teatro Libero di Milano ed è Cultore della materia in Storia del cinema italiano presso l’Università Cattolica.


Note biografiche STELLA CASIRAGHI

Stella Casiraghi, saggista e autrice di numerose monografie sulla storia culturale del nostro Paese., è una professionista dell'organizzazione della cultura a Milano. Ha lavorato a lungo al Piccolo Teatro ed è curatrice dell’edizione critica di memorie inedite di Giorgio Strehler, fra le quali: “Lettere sul teatro” (Archinto), “Non chiamatemi Maestro” (Skira), “Il metodo Strehler. Diari di prova della ‘Tempesta’” (Skira). In uscita il libro per l’infanzia “Oltre il sipario. Viaggio nella pancia del teatro” con l’editore Skira.


Alcuni estratti dalle recensioni:
«[…] c’è un giovane Strehler sul quale vale la pena di soffermarsi, per coglierne appieno la personalità artistica nel suo formarsi step by step. Grazie all’opera di Clarissa Egle Mambrini veniamo così introdotti in un universo sconosciuto, o quanto meno poco conosciuto e conosciuto da pochi […]. Questo è reso possibile dalla ricca documentazione raccolta nel volume […]. Un lavoro minuzioso che apre preziosi spiragli al lettore curioso e appassionato del backstage, compiuto con grande passione e pazienza da Clarissa Egle Mambrini, che con quest’opera rende omaggio alla sua città. […] Chi meglio di lei poteva dunque cimentarsi nella titanica impresa di ricostruire un mondo remoto, reso attuale dalla sua preziosa ricerca ed in grado di offrirci un ritratto a tutto tondo del giovane Strehler».
(Myriam Mantegazza, «Sipario»)


«[…] Un bel testo su un’Italia che non c’è più, su una voglia di teatro che sembra sopita, su una passione di fare, di capire, di conoscere e di sperimentare che oggi pare assente sia nel pubblico che nei professionisti. È emozionante leggere che durante la guerra questi giovani chiedevano testi nuovi a chi si recava al fronte e aveva contatti con l’estero; l’umiltà e la voglia di condividere il sapere e di “fare” il teatro anche in periferia, anche tra le mille difficoltà, anche per pochi. È salvifico leggere che la cultura e l’arte tengono in vita gli uomini e danno loro speranza e dignità a dispetto di chi continua a dire che con l’arte non si mangia. Con l’arte si pensa e si respira. Una buona lettura per chi ama e respira il teatro».
(Elena Siri, Teatro.it)

«Per Stella Casiraghi […] l’operazione culturale compiuta da Clarissa Mambrini punta l’attenzione “su quel lavoro di capillare rinnovamento del teatro, a livello artistico e gestionale, compiuto dal regista e che si inserisce nell’humus culturale successivo alla guerra. Una ricerca necessaria perché recupera una memoria importante e intellettuali novaresi come Egidio Bonfante che ha catapultato nella realtà novarese una serie di personaggi che hanno dato vita alla storia culturale dell’Italia”. Tra le voci del dibattito […] quella di Mariano Settembri, consulente editoriale di Lampi di stampa, che ha sottolineato “la ricchezza di una ricerca capace di illuminare un periodo importante per il nostro Paese in cui il teatro diventa momento di crescita”, e dell’assessore alla Cultura del Comune di Novara Paola Turchelli: “Queste sono pagine che mi hanno fatto commuovere e che arrivano nel momento giusto…”».
(Eleonora Groppetti, «Corriere di Novara»)










Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide