Passa ai contenuti principali

"Medea" il nuovo lavoro del Gruppo Teatrale Amici Nostri.

“Medea – Una donna, una madre”. Questo il titolo del nuovo lavoro del Gruppo Teatrale “Amici Nostri”, in scena i prossimi 27 e 28 giugno alle ore 20:30 presso Spazio Eleina D (Via Enzo Ferrari, 28 – Zona P.I.P) di Castellana Grotte.

La compagnia castellanese, dopo una pluriennale esperienza nel campo della commedia, sceglie di mettersi alla prova con uno tra i testi portanti del teatro tragico greco.

La "Medea", infatti, andata in scena per la prima volta ad Atene nel 431 a.C., è considerata il più grande capolavoro del tragediografo greco Euripide.

Dopo aver aiutato il marito Giasone a conquistare il vello d’oro, Medea si trasferisce a Corinto, assieme al consorte e ai figli. Dopo alcuni anni, però, Giasone, spinto dalla brama del potere, ripudia Medea per sposare la figlia di Creonte, re di Corinto. Sentitasi tradita, Medea medita vendetta: fingendosi rassegnata, manda in dono alla futura sposa di Giasone una corona e una veste avvelenata. La ragazza, indossatele, muore tra atroci tormenti. La stessa sorte tocca a Creonte, accorso per aiutarla. Giasone tenta, quindi, di salvare almeno la sua prole, ma Medea, pur straziata nel cuore, uccide anche i suoi figli, privando così Giasone di una discendenza.

Il testo tragico classico, foriero per definizione di valori, modelli positivi e negativi, spunti di riflessione, si presta anche in questo caso per affrontare tematiche che neppur il passare degli anni e la civilizzazione riescono ad oscurare. La Medea degli “Amici Nostri”, adattata e ridimensionata dal professor Luigi Coletta, riprende le vicende narrate da Euripide, asciugandone però i personaggi e le dinamiche. La tragedia di Euripide è essenzialmente incentrata sugli uomini, lasciando da parte gli dei, i quali non intervengono mai seppur richiamati e implorati. Ed è proprio sull'umanità del testo che la regia vuole calcare la mano: in scena ci sono uomini, fatti di carne e anima, prima che attori. E così lo stesso personaggio di Medea, vuole essere prima di tutto donna e madre, testimone dell'attualità e di una società spesse volte definita ingiustamente moderna. Dall'infanticidio consumato fra le mura domestiche, all'amore tradito per smania di potere, dalla seduzione alla sottomissione, passando per il legame con la propria patria, tutto si intreccia, rendendo i protagonisti vittime e carnefici, in un "gioco dei contrari" che pare non rispettare i costumi del tempo: una Medea sottomessa a parole, ma forte nel corpo dell'antichità e poi una Medea nuova, libera a parole nella modernità, ma sottomessa fisicamente, vista ai piedi del suo uomo in un finale non finale.

Saranno in scena Adriana Coletta, che cura anche la regia dello spettacolo, Piergianni Gemmati, Marezia Cazzolla e Arianna Logreco.

La vendita dei biglietti avrà inizio lunedì 15 giugno presso “Il Ciabattino” (Via Felice Cavallotti, 21) e si svolgerà dal lunedì al venerdì dalle 18:00 alle 20:00. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la compagnia tramite la pagina Facebook: Gruppo Teatrale “Amici Nostri” o al 3341439920.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

COPPÉLIA - balletto in tre atti

Martedì 11 Aprile 2017 ore 20,45 - Teatro Manzoni NUOVO BALLETTO CLASSICO direzione artistica Cosi - Stefanescu in COPPÉLIA balletto in tre atti musica di Léo Delibes Coreografia di Marinel Stefanescu Maitre du ballet Liliana Cosi Scene di Hristofenia Cazacu Costumi di Marinel Stefanescu

CALENDAR GIRLS ritorna al Teatro Manzoni

Dal 21 al 26 Febbraio 2017 TEATRO MANZONI AGIDI e ENFI TEATRO  presentano ANGELA FINOCCHIARO e LAURA CURINO CALENDAR GIRLS di TIM FIRTH basato sul film Miramax scritto da JULIETTE TOWHIDE & TIM FIRTH Traduzione e adattamento STEFANIA BERTOLA Regia CRISTINA PEZZOLI