Passa ai contenuti principali

"Dodici uomini arrabbiati" al Teatro San Babila

dal 10 al 19 aprile nella sala milanese la Compagnia del Teatro San Babila

Dodici uomini arrabbiati

Dodici giurati devono giudicare un ragazzo accusato di parricidio. Chiusi in una stanza, come prescrive la legge, in un’ afosa giornata estiva undici di essi, certi della colpevolezza, sono pronti a liquidare rapidamente il verdetto per il giovane e tornarsene a casa. Uno solo di loro non è convinto sulla condanna dell'imputato e, con una finezza psicologica pari alla sagacia dialettica, cerca con tenacia di convincere gli altri a votare per la non colpevolezza, smantellando la superficialità e i pregiudizi dei suoi colleghi nel nome di “un ragionevole dubbio”.

E’ un testo che denuncia le insidie del sistema giudiziario con una straordinaria tensione dell’impianto narrativo la cui unità di luogo e di tempo ne esalta la dimensione inquieta e claustrofobica. Il copione sfrutta ottimamente molti elementi importanti: le testimonianze, incredibilmente contrastanti, rievocate e interpretate da ogni giurato; il rapporto fra un membro e l’altro della giuria in un caso di vita o di morte; il tipo emotivo di ogni singolo giurato; alcuni problemi materiali come il tempo, l’orario e la scomodità della stanza.

In “Dodici uomini arrabbiati” sono chiaramente contenuti importanti messaggi di democrazia, di giustizia, di responsabilità sociale, di oppressione dei tempi sugli individui che li vivono. La battaglia dialettica tra dodici persone chiuse in una stanza è metafora della nostra società con tutte le sue contraddizioni, le sue discriminazioni, le sue paure, le sue violenze.

L’autore
Lo scrittore commediografo e sceneggiatore statunitense Reginald Rose fu tra i più richiesti dalla televisione e dal cinema americano negli anni '50. Era considerato uno dei precursori di quello che decenni più tardi sarebbe stato chiamato il "legal thriller". Il successo di Rose è associato al romanzo "La parola ai giurati" (1954), che divenne nel giro di breve tempo un testo teatrale, un telefilm e un film diretto da Sidney Lumet (Oscar alla Carriera) con Henry Fonda nel 1957. Il romanzo vendette subito 400 mila copie.

Una seconda versione del film fu realizzata nel 1997 da William Friedkin con Jack Lemmon. Rose è anche l'autore del fortunato "I quattro dell'Oca selvaggia", da cui nel 1978 è stato tratto l'omonimo film di successo del regista Andrew McLaglen con Richard Barton e Roger Moore.

Reginald Rose parla del suo lavoro

Dodici uomini arrabbiati è l'unica mia commedia che abbia un qualsiasi rapporto con una vera e propria esperienza personale: circa un mese prima che ne cominciassi la stesura infatti, fui chiamato a far parte d'una giuria per un caso d'omicidio al tribunale di New York. Era la mia prima esperienza come giurato e lasciò in me un'impressione profonda. Quando ricevetti la convocazione non potei trattenere varie proteste e mormorii del tipo: “Dio mio, ci sono otto milioni di abitanti a New York e vengono proprio a cercare me!”. Tutti i giurati designati che incontrai il primo giorno nella sala d'aspetto avevano press’a poco lo stesso viso imbronciato, lo stesso atteggiamento di vittime perseguitate. Ma, inspiegabilmente, non appena feci il mio ingresso nell'aula per essere investito delle mie funzioni e mi trovai di fronte a un estraneo, il cui destino veniva all'improvviso a trovarsi più o meno nelle mie mani, il mio atteggiamento mutò. Il silenzio quasi pauroso del tribunale, l'impassibile maschera del magistrato, il tono brusco e sbrigativo, ma efficiente, dei vari ufficiali giudiziari in aula e il carattere assolutamente definitivo della decisione che io e i miei colleghi giurati avremmo preso al termine del processo mi colpirono enormemente. Credo di non essere mai stato così agitato in vita mia in tutte le parti che sono stato chiamato a sostenere, mi sentii a un tratto impegnato cosi a fondo che, ripensandoci oggi, dovetti rendermi insopportabile agli altri undici giurati.

Mi resi conto durante il processo che mai, in nessun luogo, nessuno sa che cosa stia capitando fra le pareti d'una camera di consiglio se non i giurati, e pensai allora che un dramma che si svolgesse per intero in un ambiente simile avrebbe potuto costituire per il pubblico un'esperienza appassionante, forse drammatica
”.


TEATRO SAN BABILA

Dal 10 al 19 aprile

Dodici uomini arrabbiati
La parola ai giurati

di Reginald Rose


“se c’è una vita in gioco, si ha diritto ad avere un ragionevole dubbio”




Presidente Carlo Randazzo Giurato 7 Michele Radice

Giurato 2 Ettore Cibelli Giurato 8 Marco Vaccari

Giurato 3 Francesco Parise Giurato 9 Silvestro Castellana

Giurato 4 Marino Zerbin Giurato 10 Gianni Lamanna

Giurato 5 Marcello Mocchi Giurato 11 Arnaldo Caprera

Giurato 6 Roberto Piano Giurato 12 Andrea Schiavi


regia Marco VaccariR.R.




Spettacoli stagione di prosa
Martedì - Giovedì - Venerdì - Sabato ore 20.30
Mercoledì - Domenica ore 15.30

Biglietti da euro 22 a euro 27,50



Teatro San Babila

Corso Venezia, 2/A - 20121 Milano

Biglietteria: 02 798010

info@teatrosanbabilamilano.it

www.teatrosanbabilamilano.it




PARCHEGGIO CONVENZIONATO

BEST IN PARKING

PIAZZA MEDA, 2/A – 20121 Milano

Tariffa forfait di € 5,00 nella fascia serale dalle ore 19.30 alle 01

Fascia pomeridiana dalle 14.30 alle 18.30




Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

COPPÉLIA - balletto in tre atti

Martedì 11 Aprile 2017 ore 20,45 - Teatro Manzoni NUOVO BALLETTO CLASSICO direzione artistica Cosi - Stefanescu in COPPÉLIA balletto in tre atti musica di Léo Delibes Coreografia di Marinel Stefanescu Maitre du ballet Liliana Cosi Scene di Hristofenia Cazacu Costumi di Marinel Stefanescu

CALENDAR GIRLS ritorna al Teatro Manzoni

Dal 21 al 26 Febbraio 2017 TEATRO MANZONI AGIDI e ENFI TEATRO  presentano ANGELA FINOCCHIARO e LAURA CURINO CALENDAR GIRLS di TIM FIRTH basato sul film Miramax scritto da JULIETTE TOWHIDE & TIM FIRTH Traduzione e adattamento STEFANIA BERTOLA Regia CRISTINA PEZZOLI