Passa ai contenuti principali

ALESSIO INGRAVALLE - Crescere è il senso della didattica artistica




Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta e alla conoscenza della formazione per performer parlando del M.I.P. Musical in Progress giunto al suo quarto anno di attività.
Fondato e diretto per 3 anni da Chiara Noschese, il master di perfezionamento per performer quest'anno vedrà la direzione artistica di Vittorio Matteucci.
Parlando delle varie discipline con i docenti Emiliano RayaMarco MancaCinzia Alitto e 
Gianfranco Vergoni, oggi parliamo del corso di canto diretto da Brunella Platania con Alessio Ingravalle.



Quando hai capito che nella vita avresti fatto questo mestiere? C'è per caso un episodio particolare legato a questo momento?

Durante l'ultimo anno di liceo, quando, dopo cinque anni di studio delle arti performative, mi informavo per i corsi universitari e mi rendevo conto che la strada era un'altra. È stato un percorso obbligato, direi. Se devo cercare un episodio specifico, direi che è stata l'ammissione al LIM, l'accademia in cui mi sono specializzato, a darmi la spinta finale.


Ormai si sente dire molto spesso, per svariate situazioni “Ormai tutti sanno cantare” riferito in particolar modo ai reality e ai talent show. Cosa ne pensi?

È un discorso decisamente complesso e pieno di variabili. Dipende dal significato che si dà a "saper cantare", che per alcuni è meramente tecnico, per altri banalmente di gusto. Dipende anche dal contesto in cui si lavora, il teatro è diverso dalla discografia, che a sua volta racchiude tanti sottogruppi... E dipende anche dalla professionalità, che prescinde dal canto. 


Per il secondo anno sarai prezioso collaboratore di Brunella Platania per il corso di canto del M.I.P. Musical in Progress. Qual è la tua mansione?

Con Brunella è nata un paio di anni fa una splendida collaborazione. Lei dirige il lavoro ma ci lascia grande libertà per essere creativi e rendere dinamico il percorso didattico. La mia mansione quindi è difficile da specificare. Di base li preparerò tecnicamente, ma farlo è impossibile senza sforare nell'interpretazione e nel canto corale (che poi è la mia passione!).



Nel musical sappiamo che la parte corale è quasi sempre presente in ogni spettacolo. Quali caratteristiche deve avere un coro per definirsi tale? 

Deve essere ben bilanciato e soprattutto deve ascoltarsi. La prima dipende dall'arrangiatore o dal direttore, la seconda dai cantanti. Tanti credono che ascoltare la propria voce basti, e quindi magari si tappano un orecchio, a volte anche con una smorfia di fastidio. No no, non si può fare: ascoltare l'armonia, capire come si incastrano le parti.. così si rispetta la musica e si fa onore anche al più semplice arrangiamento corale.



Perchè iscriversi al Musical in Progress?

Perché si lavora come tutti dovrebbero lavorare. C'è la possibilità di prepararsi bene ma anche di sperimentare, a volte rischiando. E perché nell'aria si respira spirito critico, che permette un confronto e una crescita continui. Io per primo sono cresciuto moltissimo con gli studenti, e questo è il senso della didattica artistica. Nozioni, certo, ma soprattutto tanto scambio.

Bando di ammissione scaricabile a questo link https://goo.gl/MaUqJC


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol