Passa ai contenuti principali

A tu per tu con Stefania Pacifico - Docente del Musical in Progress


Mancano pochi giorni all'apertura dell'Anno Accademico 2017/2018 del M.I.P. Musical in Progress, il master di perfezionamento per performer del CAFT Centro Alta Formazione Teatro di Roma.
Il quarto anno di attività del M.I.P. vedrà come direttore artistico Vittorio Matteucci che aprirà le lezioni il 12 ottobre 2017.
Il 13 settembre si terrà l' OPEN DAY MUSICAL IN PROGRESS presso Altro Spazio, la sede in Via Tiburno 33 a Roma.
Quanto è importante la formazione per un performer e perchè scegliere il Musical in Progress? Oggi lo abbiamo chiesto a Stefania Pacifico, docente di danza classica, laboratorio coreografico da musical, mock audition, warm up.

Come è nato il tuo amore per la danza?

Come molte bambine, appena sentivo la musica cominciavo a ballare e malgrado avessi solo 7 anni, ero già determinata e sapevo cosa volevo fare da grande. Sicuramente una passione innata, che mi ha spinto ad intraprendere questo percorso di vita presso la scuola del Teatro dell’Opera di Roma, diplomandomi a 17 anni.

Il tuo percorso artistico è ricco di spettacoli dal balletto classico all'operetta, fino ad arrivare al musical. Cosa ti rimarrà sempre impresso del tuo debutto da performer?

Calcare un palcoscenico era una cosa a cui ero abituata, ma solo danzando, invece come performer, cantare e recitare per la prima volta, mi ha particolarmente emozionata. Fino ad allora avevo usato il mio corpo solo nella danza, nella gestualità e nell’espressione del viso e non avevo mai usato la voce. Provare questa nuova sensazione ha aumentato in me l’amore che avevo già per il teatro.

Al Musical in Progress nel nuovo anno accademico sarai docente di danza classica, laboratorio coreografico da musical, mock audition, warm up. Come saranno articolate le tue lezioni?

Il corso sarà suddiviso in 2 discipline didattiche: lezione di danza classica, base essenziale per l’apprendimento di tutte le discipline coreutiche e repertorio coreografico da musical, per acquisire una miglior coordinazione motoria e apprendimento mnemonico, preceduto da uno stretching e riscaldamento fisico (warm up). Inoltre, con scadenza fissa, si terranno delle lezioni di Mock Audition (simulazione di audizione) prova importante e fondamentale, che deve essere affrontata con energia, maturità e sicurezza.



Perchè scegliere di iscriversi al Musical in Progress?


Il MIP Musical in Progress è un’Accademia che offre la possibilità di poter studiare con docenti di alta formazione professionale ed artistica, cosa importante per chi vuole perfezionarsi ed attraverso lo studio, approfondire e migliorare la propria conoscenza nelle tre discipline, perché… “non si smette mai di imparare”.


Bando di ammissione scaricabile a questo link https://goo.gl/MaUqJC




BIOGRAFIA:
Stefania Pacifico. Danzatrice romana, studia presso la scuola del Teatro dell’Opera di Roma con i maestri Olga Amati, Attilia Radice e Walter Zappolini, diplomandosi all’età di diciassette anni.
Già a quindici entra a far parte del corpo di ballo dell’Ente, danzando, per oltre un decennio anche in qualità di solista, balletti di repertorio e non, come: Il Lago dei Cigni, La Bella Addormentata, Don Chisciotte, Marco Spada, Excelsior, La Silphide, Les Papillons, La Follia d’Orlando, Raimonda, Mercure, Carmen, Bergkristall, interpretati da: Fracci, Nureyev, Maximova, Vassiliev, Terabust, Schaufuss, Ferrara, Paganini, Parrilla, Bortoluzzi, sotto la direzione di coreografi di fama internazionale come: Prokosky, Grigorovich, Massine, Polyakov, Lacotte, Van Hoeche, Gay, Plisseskaya e Prebil.

Inoltre danza, sempre nell’ente, in numerose opere liriche.
La sua carriera di solista prosegue con la Compagnia Nazionale Italiana Danza Classica, diretta da Raffaele Guerra, in produzioni come: Coppelia, Romeo e Giulietta, La Carmen, La Fille Mal Gardee, Giselle, Shèhèrazade, Simphonie Fantastique, Paquita, Don Chisciotte.
Con L’Astra Roma Ballet, diretta da Diana Ferrara, étoile del Teatro dell’Opera di Roma, partecipa alla tournée all’estero toccando città come: Toronto, Montreal, Hannover, Grenoble, Edimburgo, interpretando balletti come: Lo Schiaccianoci, Pas De Quatre, Lunaria, La Giara ed altri.

Inoltre lavora con: il Complesso Romano del Balletto, La Compagnia di Ruben Celiberti, la
Compagnia Danza Città di Rieti, diretta da Raffaele Paganini, étoile del Teatro dell’Opera di Roma nel balletto Etruska con la coreografia di Luciano Cannito

La sua esperienza non si ferma al solo mondo del balletto classico e di repertorio, ma spazia anche nel moderno televisivo, lavorando con i coreografi: Franco Miseria, Franco Estil e André De La Roche nel programma televisivo Rai La piscina e nel balletto Bolero coreografato e danzato da Grazia Galante.

Nel suo cammino artistico si avvicina anche al mondo dell’Operetta, dove Sandro Massimini la vuole come danzatrice nella “Principessa della Csàrdàs” e nella trasmissione televisiva della RAI “Ci pensiamo lunedì”. Nell’Operetta “Il Paese dei Campanelli” è Assistente alla coreografia.

Nel 1998/99 frequenta il corso di recitazione e dizione presso la scuola “L’Arte del Teatro” di Roma, diretto da Gianni Rossi, studia canto con i maestri: Caio Bascerano, Milvia Brandizzi, Yugo Ugai e Lena Biolcati.

È coreografa, attrice, danzatrice e cantante, nello spettacolo di prosa “Eroici Stracci”, scritto e diretto da Mia Lecomte; e “Sfoghi”, scritto e diretto da Daniela De Lillo. Nello spettacolo “Cancellate”, scritto da Nicla Lecaselle, con la regia di Lucia Di Cosmo, è Assistente alla regia e alla coreografia come pure nell’ultima produzione “Male di Luna”.

La sua curiosità la porta a volgersi verso una nuova esperienza, il Musical, vestendo nella produzione “Un Americano a Parigi” con Raffaele Paganini, Rossana Casale e Ruben Celiberti, il doppio ruolo di danzatrice cantante e Assistente alla coreografia di Luciano Cannito. Nella produzione della Compagnia della Rancia “Sette Spose per Sette Fratelli”, regia di Saverio Marconi e coreografia di Fabrizio Angelini, interpreta il personaggio della Signora Perkins, è cover di alcune spose e Capo balletto della compagnia. Nella ripresa del 2002 è Assistente alla coreografia.
Nella nuova produzione del musical “Grease”, sempre della Compagnia della Rancia, ricopre il ruolo di Miss. Lynch, quello di Capo balletto e Responsabile Artistico della compagnia nella stagione 2003/2004/2005.

Sempre nel 2005/06/07, nel musical “Tutti Insieme Appassionatamente”, della Compagnia della Rancia, con Michelle Hunziker e Luca Ward, interpreta il ruolo della governante Frau Smith, è Capo balletto e Responsabile Artistico della compagnia.
Nella produzione “Omaggio a Garinei e Giovannini” della Compagnia della Rancia ed il Sistina di Roma per la stagione 2007/08/09 è performer, Capo balletto e Assistente alla coreografia dello spettacolo “ Il Giorno della Tartaruga”, con Chiara Noschese e Cristian Ginepro, regia di Saverio Marconi e coreografie di Fabrizio Angelini.
Dal 2004 al 2009 insegna laboratorio coreografico da Musical presso la scuola Balletto di Toscana diretta da Cristina Bozzolini.
Nel 2003, nello spettacolo That’s Musical, che si è svolto al teatro Europauditorium di Bologna con la partecipazione di alcuni tra i principali protagonisti del musical italiano, collabora come coreografa ed aiuto regista.
Dal 2009 ad oggi, svolge il ruolo di coreografa e regista nel progetto “Musical week-end” organizzato da Francesca Cipriani, al quale partecipano ragazzi provenienti da tutta Italia.

Nel 2010 per la trasmissione di RAI 1 “Concerto di Capodanno” dal Teatro la Fenice di
Venezia, è Assistente alle coreografie del M° Mvula Sungani
Dal 2013 al 2014 è docente per la disciplina del musical, del corso di formazione professionale della Casa dello Spettacolo dell’ ENGIM di Roma.
Nell’estate 2014 è coreografa del musical “Palinuro Nocchiero di Enea” della Compagnia
Artisti Cilentani.
Dal 2014 al 2016, è docente residente presso il MIP Musical in Progress, Direzione Artistica di Chiara Noschese.
Nel 2016 è coreografa del musical “Love Story” della Compagnia delle Formiche, che ha debuttato al teatro Sistina di Roma.
Dal 2003 svolge stage di musical, collabora ed allestisce spettacoli per numerose scuole di danza e compagnie: Compagnia Musical Art di Benevento, Palermo in Danza, Jesolo Dance Festival, Musical Revolution ed altri.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol