Passa ai contenuti principali

Intervista a Daniele Cauduro, in scena nel ruolo di Otto Frank nello spettacolo di Tony Lofaro

Come vi avevo già preannunciato torna in scena Anna, Diario figlio della Shoah, spettacolo teatrale di danza e prosa di Tony Lofaro che sarà in scena il 31 gennaio al Teatro Lirico Giorgio Gaber di Milano.

Un doveroso approfondimento su questo spettacolo andava fatto. Ce ne parla Daniele Cauduro, coautore del testo e in scena, Otto Frank, il padre di Anna.


Ciao Daniele, benvenuto! Ritorna in scena ANNA, DIARIO FIGLIO DELLA SHOAH, spettacolo di danza e prosa con regia e coreografie di Tony Lofaro. Tu sei coautore del testo insieme a lui. Com’è nata l’idea di questo spettacolo?

- Ciao! E grazie per questa intervista. L’idea nasce dall’incontro con Tony, che da tempo aveva la necessità di raccontare in un modo artisticamente nuovo ma allo stesso tempo didatticamente convincente, un tema così necessario come quello degli orrori dell’olocausto. Tony Lofaro, mio grande amico prima che collega, mi ha proposto subito questa collaborazione, nata già anni addietro con altri spettacoli. Dovendo poi essere io l’unica voce recitante, ha pensato di unire le due cose e permettermi insieme a lui di ridare vita e nuova lettura alle parole scritte da Anna Frank. Mi ha interessato da subito questa visione diversa, meno scontata, che parte unicamente dal punto di vista del padre. Inoltre, l’incontro con Colisseum, che fino ad allora non conoscevo, è stato unico proprio per questa identità formativa che li appartiene e che ha una grande rilevanza anche nella mia vita professionale

Tu sarai anche in scena ad interpretare Otto Frank, il padre di Anna. Parlaci di lui e di come hai affrontato la preparazione per questo personaggio.

- Questa è la mia vera sfida. Questo intenso lavoro sulla personalità di Otto Frank mi ha portato ad una analisi profonda del senso di paternità, che, nonostante io non sia padre, ma ho tutta l’età per poterlo esser, ho dovuto tirare fuori. Il senso di protezione e la paura sono i motori di questo uomo. Una chiaramente visibile e l’atro tremendamente nascosto. Come fanno tutti i padri. Come ha fatto il mio: figura sulla quale ho riflettuto molto, e forse, dopo tanti anni, anche capito…ma purtroppo non c’è più per poterglielo raccontare.

Il mio Otto Frank però vuole essere anche un padre sorpreso, discreto e talvolta ridanciano di fronte alla mentalità tanto aperta e progressista di una figlia costretta a vivere in quelle condizioni. Otto si sorprende continuamente di ciò che troverà scritto sul diario della figlia, della sua capacità di affrontare la vita nonostante tutto, e del loro rapporto realmente unico.

Fino allo strazio della separazione e della morte di tutta la famiglia. Lavorare attorialmente su quello è dilaniante, lo ammetto, ma estremamente appassionante. Dopo ogni replica ho male allo stomaco per il dolore e la paura provata sulla scena. Ma ne vale la pena e non è nemmeno una millesima parte di quella che questo uomo avrà provato realmente.

È cambiato qualcosa nella messa in scena rispetto agli scorsi anni?

- Siamo cambiati un po’ tutti. Ogni volta che si riprende in mano uno spettacolo dopo un po’ di tempo è necessario che ci sia qualcosa che cambi, perché nessuno di noi è più quello di prima. Tony ha arricchito la struttura dello spettacolo e so che anche scenograficamente ci sono delle aggiunte. Inoltre sono cambiati anche alcuni danzatori e questo, nonostante dispiaccia per chi non può essere con noi, è comunque sempre una fonte di arricchimento, che, per potare in scena questa storia, ci vuole.

Tu ti occupi di progetti teatrali per le scuole portando ai ragazzi delle esperienze formative. Come si approcciano i giovani nel vedere spettacoli che raccontano eventi realmente accaduti?

- Esatto. Credo molto nella formazione, sia quella accademica di cui mi occupo nelle scuole di cinema, danza e teatro dove insegno, sia del teatro come terapia ricreativa nei progetti sociali che svolgo.

Il teatro colpisce la parte più viva dell’essere umano, quella più intima, più “sacra”: le emozioni. E quando si trattano con verità le emozioni queste vibrano e fanno vibrare quelle degli altri. È legge di risonanza. E i giovani la sentono eccome. Questo spettacolo nelle repliche scolastiche vive di un’intensità ancora più alta perché, nonostante spesso si demonizzino ingiustamente, i giovani sono curiosi e sanno ascoltare, anche quella parte “sacra” che abbiamo dentro, molto più di noi adulti.

Lo spettacolo sarà in scena il 26 gennaio a Cantù, il 28 gennaio a Ivrea per poi approdare il 31 gennaio al Teatro Lirico Giorgio Gaber di Milano. Invita il pubblico a venire a teatro.

- Andare a teatro è ogni volta un’esperienza di crescita. Qualsiasi cosa si veda. Perché sul palco accade sempre qualcosa di vero. E la verità emoziona sempre. Qui c’è in più la verità della storia universale che raccontiamo e tanta, tanta poesia. Io, la mia Anna e tutti noi, vi aspettiamo a braccia aperte! W il teatro!

 

Grazie Daniele!


Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di